Salute 10 Agosto 2022 18:11

Depresse, malnutrite e senza istruzione: la vita al limite delle bambine afghane

Nel suo ultimo Rapporto, l’associazione umanitaria Save the Children denuncia le conseguenze in Afghanistan della dittatura talebana. Le peggiori toccano alle bambine afghane: non possono frequentare la scuola, mangiano sempre meno e, in alcuni casi sono costrette a matrimoni precoci

Depresse, malnutrite e senza istruzione: la vita al limite delle bambine afghane

Si chiama Parishad, ha 15 anni, vive nel nord dell’Afghanistan. Non va a scuola perché i suoi genitori non possono permettersi di sfamare né lei, né i suoi fratelli, figuriamoci trovare i soldi per comprare libri o materiale scolastico.

La condizione delle bambine afghane: una su quattro è depressa

Come Parishad, la quasi totalità delle ragazze afghane sono escluse dalla società, patiscono la fame e una su quattro mostra segni di depressione. Vivono in queste condizioni da quando, un anno fa, i talebani hanno preso il controllo del Paese. A lanciare l’allarme è Save the Children con il suo ultimo Report “Punto di rottura: la vita per i bambini a un anno dalla presa di controllo dei talebani”, un’indagine che ha indagato le conseguenze della crisi economica, della siccità devastante e delle nuove restrizioni sulle condizioni di vita di bambini e adolescenti.

Il Report di Save the Children

Quasi tutta la popolazione, per la precisione il 97% delle famiglie, è in cerca di cibo e le ragazze finiscono per sfamarsi molto meno dei coetanei maschi.

Otto bambini su 10 nell’ultimo mese sono andati a letto la sera affamati. Nove ragazze su dieci hanno visto i loro pasti diminuire nell’ultimo anno con una perdita eccessiva di peso che impedisce loro persino di trovare le energie per le attività quotidiane come studiare, giocare o lavorare. «Ci sono giorni in cui mio padre non riesce a procurarsi del cibo – racconta Parishad -. I miei fratelli si svegliano nel cuore della notte e piangono per la fame. Io non mangio e conservo il cibo per i miei fratelli e sorelle. Vado anche a casa del mio vicino e chiedo loro se hanno qualcosa da darmi. A volte mi aiutano e mi danno del cibo e a volte dicono che non hanno niente purtroppo».

Le conseguenze sulla salute mentale

bambine afghane

I talebani hanno preso il controllo del Paese il 15 agosto 2021, dopo il ritiro delle forze internazionali. Miliardi di dollari in aiuti internazionali sono stati annullati, le riserve di valuta estera dell’Afghanistan sono state congelate e così il sistema bancario è crollato. La successiva crisi economica e la peggiore siccità del Paese degli ultimi 30 anni, hanno gettato definitivamente le famiglie nella povertà.

Bambine e ragazze afghane non dormono la notte per l’angoscia

Una situazione talmente drammatica da aver messo a dura prova pure la salute mentale: stando alle testimonianze dei genitori il 26% delle ragazze mostra segni di depressione, contro il 16% dei ragazzi, il 27% delle giovani soffre di ansia, sintomo riscontrato nel 18% dei coetanei maschi. Le bambine e ragazze interpellate da Save the Children hanno raccontato di avere problemi a dormire la notte a causa di angoscia e brutti sogni, anche perché non possono fare molte delle attività che in precedenza le rendevano felici, come passare del tempo con parenti e amici o andare nei parchi e per negozi.

Tra i ragazzi il 20% ha dovuto rinunciare all’istruzione, tra le ragazze, invece, quasi la metà, più del 45%, non frequenta la scuola, poiché i talebani hanno ordinato loro di rimanere a casa, annullando anni di progressi a favore della parità di genere. Per questo, le giovani si sentono deluse e sono convinte di avere poche speranze per il proprio futuro. In alcuni casi sono anche costrette a pratiche estreme e inadatte alla loro età: ad una ragazza afghana su venti è stato proposto di sposarsi per poter mantenere tutta la propria famiglia.

La testimonianza di Save the Children

«Da quando, un anno fa i talebani hanno preso il controllo del Paese, per i più piccoli in Afghanistan la vita è diventata terribile. I bambini vanno a letto affamati notte dopo notte. Sono esausti e stanno deperendo, incapaci ormai di giocare e studiare come una volta. Passano le giornate lavorando faticosamente nelle fabbriche di mattoni, raccogliendo immondizia e pulendo le case invece di andare a scuola – racconta Chris Nyamandi, direttore di Save the Children in Afghanistan -. Le ragazze sopportano il peso maggiore di questo deterioramento della situazione. Mangiano meno, soffrono di isolamento e stress emotivo e stanno a casa mentre i loro coetanei maschi vanno a scuola. Questa è una crisi umanitaria, ma anche una catastrofe dei diritti dei bambini. La soluzione non può essere trovata solo in Afghanistan. La soluzione è nelle stanze del potere dei leader politici internazionali. Se non forniscono finanziamenti umanitari immediati, trovando un modo efficace per rilanciare il sistema bancario e sostenere l’economia in caduta libera, la vita dei bambini andrà perduta e sempre più ragazzi e ragazze perderanno la loro infanzia a causa del lavoro, dei matrimoni precoci e delle continue violazioni dei loro diritti», aggiunge Nyamandi.

L’appello di Parishad

Anche la giovane Parishad ha lanciato il suo appello, attraverso Save the Children, rivolto alla comunità internazionale: «Aiutate la mia famiglia, i bambini, i più vulnerabili con denaro e alimenti. Voglio che i miei fratelli e sorelle mangino del buon cibo e che abbiano scarpe da indossare e che mio fratello abbia dei bei vestiti. Per favore – conclude – aiutateci in modo che possiamo accedere all’istruzione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)
I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»
Save the Children, gli adolescenti italiani credono alla scienza: «Opportunità per salvare il pianeta»
Nove adolescenti su 10 affermano che studiare materie scientifiche li aiuterà a risolvere i grandi problemi del mondo. Nei prossimi 10 anni, secondo un sondaggio Save the Children, i più giovani vedono l'invecchiamento, il clima e le disuguaglianze come i temi su cui dovrà concentrarsi il sapere scientifico
«Adesso fatemi tornare ad essere medico». Parla una delle dottoresse fuggite dall’Afghanistan e arrivate in Italia
Sara lavorava al Centro di diagnosi del tumore al seno di Herat della Fondazione Veronesi. A Milano ha iniziato una nuova fase della sua vita
di Federica Bosco
Afghanistan, ActionAid: «È allarme malnutrizione. Urgono cibo, acqua e riparo»
ActionAid sul campo con interventi salvavita e aiuti immediati per 35mila persone in Afghanistan. De Ponte: «Presto attivo un progetto di sostegno psicologico per le famiglie fuggite dai loro villaggi»
di Isabella Faggiano
Afghanistan, FNOPO: «Le donne e i bambini non siano le prime vittime delle violenze dei talebani»
«In queste ore lasciano totalmente sgomenti le immagini che provengono dall’Afghanistan dove la popolazione civile tenta, con qualsiasi mezzo, una disperata fuga dal proprio Paese ormai in mano ai talebani. Il Comitato centrale FNOPO, in rappresentanza delle ostetriche/i italiane, esprime la propria solidarietà a tutta la popolazione, in particolare alle donne e ai bambini che rischiano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi