Mondo 31 Agosto 2021 17:53

Afghanistan, ActionAid: «È allarme malnutrizione. Urgono cibo, acqua e riparo»

ActionAid sul campo con interventi salvavita e aiuti immediati per 35mila persone in Afghanistan. De Ponte: «Presto attivo un progetto di sostegno psicologico per le famiglie fuggite dai loro villaggi»

di Isabella Faggiano

«Sono arrivate a Kabul, Mazar e Herat con nient’altro che i vestiti sulle spalle». È così che Sudipta Kumar, direttore nazionale di ActionAid Afghanistan, descrive le migliaia di famiglie fuggite dai loro villaggi per raggiungere i centri urbani. «Siamo profondamente preoccupati – aggiunge Kumar -. Senza un soccorso immediato le famiglie pressate nei campi sfollati sono ad alto rischio di contrarre il Covid-19».

Mazar-i-Sharif, Herat e Kabul

Come lui, altri 120 operatori afghani di ActionAid vivono nel mezzo di una crisi umanitaria. Proprio in queste ore stanno verificando i bisogni più urgenti della popolazione a Mazar-i-Sharif, Herat e Kabul, dove migliaia di persone, tra cui bambini orfani, fuggite dalle tensioni nelle province circostanti, hanno un disperato bisogno di aiuto.

«In un solo campo convivono trecento famiglie, costrette a dividere un unico bagno. Tende della capienza di dieci persone vengono usate in cinquanta», denunciano gli operatori afghani. È Marco De Ponte, segretario generale ActionAid, a farsi loro portavoce. Temendo di finire nel mirino dei talebani, preferiscono non comunicare in modo diretto con gli organi di stampa.

Allarme malnutrizione

«ActionAid sta riorganizzando tutte le sue attività per adeguarsi al periodo di transizione politica che sta vivendo il Paese. Il nostro obiettivo – dice De Ponte – è di raggiungere 35 mila persone con interventi salvavita. Cibo, alloggi, acqua, servizi igienici sono le priorità da assicurare nei campi sovraffollati e negli insediamenti informali dove la gente è arrivata in cerca di sicurezza».

La malnutrizione è in aumento ed è probabile che presto ci si troverà di fronte ad una crisi alimentare. Secondo il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM) 14 milioni di persone in Afghanistan stanno affrontando gravi carenze alimentari, compresi 2 milioni di bambini che sono a rischio malnutrizione.

Consulenza psicosociale per gli sfollati

Secondo i dati dell’UNHCR, dai primi giorni del 2021 alla fine di agosto, gli sfollati interni sono oltre 550 mila. Dall’inizio della crisi ActionAid sta continuando a sostenere le famiglie più bisognose in sette province dell’Afghanistan.

ActionAid è presente in Afghanistan dal 2002 ed ora arricchirà il suo operato con un supporto di consulenza psicosociale per le persone traumatizzate e sfollate nelle ultime settimane: «Si tratterà di un’assistenza ai gruppi, più che ai singoli individui – aggiunge De Ponte – non solo per aiutare le famiglie sfollate ad affrontare la situazione, ma anche per capire quali sono i loro bisogni emergenti, così da poter adeguare il nostro operato alle loro nuove esigenze».

Intanto ActionAid, in attesa di estendere il proprio lavoro  nelle aree in cui fuggono gli sfollati interni, continua ad operare in sette province dell’Afghanistan, fornendo programmi educativi per ragazzi e ragazze ed affrontando l’insicurezza alimentare. «Dunque – conclude il segretario generale – mentre l’emergenza umanitaria in Afghanistan si aggrava, il lavoro di ActionAid per proteggere i più fragili appare più urgente che mai».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Afghanistan, FNOPO: «Le donne e i bambini non siano le prime vittime delle violenze dei talebani»
«In queste ore lasciano totalmente sgomenti le immagini che provengono dall’Afghanistan dove la popolazione civile tenta, con qualsiasi mezzo, una disperata fuga dal proprio Paese ormai in mano ai talebani. Il Comitato centrale FNOPO, in rappresentanza delle ostetriche/i italiane, esprime la propria solidarietà a tutta la popolazione, in particolare alle donne e ai bambini che rischiano […]
Kabul, scontri e sparatorie nella notte. Emergency: «In ospedale terapie intensive piene»
A Kabul le sparatorie sono andate avanti nella notte, l'Afghanistan si sveglia in un mondo diverso. Zanin, medico Emergency, descrive l'ospedale pieno e aperto solo a feriti gravi. I talebani, dice, hanno chiesto un incontro
Parlamento a riposo, a settembre si riparte con il Dl Green Pass
Continuano le ferie di deputati e senatori, anche se per la crisi in Afghanistan martedì 24 agosto si svolgeranno le audizioni dei ministri della Difesa Lorenzo Guerini e degli Esteri Luigi Di Maio. Dal 30 agosto tornano a lavorare le commissioni
Nepal, tassi di infezione da Covid-19 aumentati fino al 550%
L’appello di ActionAid: «È in corso un’altra crisi umanitaria come quella che ha colpito l’India. Garantire accesso equo e rapido ai vaccini»
di Isabella Faggiano
Coronavirus in Kenya, pochi tamponi e nessun monitoraggio nei villaggi. L’allarme di ActionAid: «Mancano acqua e kit igienici»
Lodola (responsabile International Fundraising e Partnerships ActionAid Italia): «Solo il 60% ha accesso all’acqua potabile e il 30% ai servizi igienici. Nelle baraccopoli di Nairobi difficile anche il distanziamento sociale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...