Mondo 18 Maggio 2020 12:30

Coronavirus in Kenya, pochi tamponi e nessun monitoraggio nei villaggi. L’allarme di ActionAid: «Mancano acqua e kit igienici»

Lodola (responsabile International Fundraising e Partnerships ActionAid Italia): «Solo il 60% ha accesso all’acqua potabile e il 30% ai servizi igienici. Nelle baraccopoli di Nairobi difficile anche il distanziamento sociale»

di Federica Bosco
Coronavirus in Kenya, pochi tamponi e nessun monitoraggio nei villaggi. L’allarme di ActionAid: «Mancano acqua e kit igienici»

L’Africa affronta l’emergenza coronavirus quasi in silenzio. In un mondo dove la fame e la sete rappresentano ancora una piaga sociale, il virus si diffonde subdolo, e sembra fare meno paura. Eppure, ascoltando le parole di Daniele Lodola, responsabile International Fundraising e Partnerships di ActionAid Italia, da 40 anni in Kenya, se i numeri  sono  bassi (70 decessi e circa 800 contagi), è perché si fanno pochissimi tamponi e nei villaggi il monitoraggio è molto difficile.

«Per darvi qualche dato solo il 60% della popolazione ha accesso all’acqua potabile e il 30% ai servizi igienici sanitari. Di conseguenza – spiega Lodola – tutte quelle misure che abbiamo imparato a conoscere, il contatto tra le persone, il distanziamento sociale, avere cura della propria igiene, lavarsi spesso, potrebbero essere messe in atto in alcuni posti, da chi vive in zone urbane. Anche lì però sono tristemente note le baraccopoli di Nairobi, come Kibera, dove ci sono delle difficoltà oggettive, il distanziamento sociale è impraticabile e questo ha un effetto sull’economia e su tutti quei lavori che per l’80% si basano sulla quotidianità e l’estemporaneità. Quindi anche il lockdown che hanno messo in atto in Kenya con la chiusura delle scuole e un coprifuoco che va dalle sette della sera alle cinque del mattino successivo, ha avuto un impatto molto forte sull’economia».

LEGGI ANCHE: OMS: «IN AFRICA I MORTI PER AIDS POTREBBERO RADDOPPIARE, 500MILA PERSONE A RISCHIO A CAUSA DEL COVID-19»

«Quello che vogliamo anche noi di ActionAid – prosegue – è che questi numeri possano abbassarsi o quantomeno non aumentare. L’intervento specifico di questi giorni si concentra sulla distribuzione di kit igienico-sanitari e dispositivi di protezione e su un’opera di informazione e diffusione delle maniere di contrasto al virus stesso, spiegando il distanziamento sociale e l’importanza di lavarsi spesso le mani, per coloro che ne hanno le possibilità. Contestualmente per rispondere anche all’altra esigenza di natura economica, stiamo cercando di dare un sostegno alle famiglie affinché, tramite una distribuzione di contanti, possano avere un piccolo mattone con il quale ripartire nella fase 2, anche se proprio in questi giorni il Kenya ha annunciato che le scuole non riapriranno se non tra un mese».

Acqua pulita e kit igienici rappresentano dunque il primo tassello per prevenire il diffondersi del coronavirus tra le comunità più fragili di un Paese che complessivamente conta 120 posti in terapia intensiva, dove mancano ossigeno e mascherine e il personale medico è insufficiente per curare la popolazione. Senza dimenticare che il lockdown mette a rischio la già precaria situazione economica.

«Noi con ActionAid abbiamo lanciato una campagna, iniziata il primo maggio e che si concluderà il 15 giugno, per raccogliere le risorse che gli italiani vorranno donare al Kenya: tramite il numero 45511 è possibile donare un euro o due euro via sms, oppure con rete fissa dai cinque ai dieci euro», conclude Lodola.

 

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
Gli allarmi caduti nel vuoto e ora la Somalia rischia la più grande carestia della sua storia
In un recente report le Nazioni Unite prevedono che più di 300.000 persone in Somalia verranno colpite dalla carestia entro il mese di dicembre
di Stefano Piazza
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...