Mondo 18 Maggio 2020

Coronavirus in Kenya, pochi tamponi e nessun monitoraggio nei villaggi. L’allarme di ActionAid: «Mancano acqua e kit igienici»

Lodola (responsabile International Fundraising e Partnerships ActionAid Italia): «Solo il 60% ha accesso all’acqua potabile e il 30% ai servizi igienici. Nelle baraccopoli di Nairobi difficile anche il distanziamento sociale»

di Federica Bosco
Coronavirus in Kenya, pochi tamponi e nessun monitoraggio nei villaggi. L’allarme di ActionAid: «Mancano acqua e kit igienici»

L’Africa affronta l’emergenza coronavirus quasi in silenzio. In un mondo dove la fame e la sete rappresentano ancora una piaga sociale, il virus si diffonde subdolo, e sembra fare meno paura. Eppure, ascoltando le parole di Daniele Lodola, responsabile International Fundraising e Partnerships di ActionAid Italia, da 40 anni in Kenya, se i numeri  sono  bassi (70 decessi e circa 800 contagi), è perché si fanno pochissimi tamponi e nei villaggi il monitoraggio è molto difficile.

«Per darvi qualche dato solo il 60% della popolazione ha accesso all’acqua potabile e il 30% ai servizi igienici sanitari. Di conseguenza – spiega Lodola – tutte quelle misure che abbiamo imparato a conoscere, il contatto tra le persone, il distanziamento sociale, avere cura della propria igiene, lavarsi spesso, potrebbero essere messe in atto in alcuni posti, da chi vive in zone urbane. Anche lì però sono tristemente note le baraccopoli di Nairobi, come Kibera, dove ci sono delle difficoltà oggettive, il distanziamento sociale è impraticabile e questo ha un effetto sull’economia e su tutti quei lavori che per l’80% si basano sulla quotidianità e l’estemporaneità. Quindi anche il lockdown che hanno messo in atto in Kenya con la chiusura delle scuole e un coprifuoco che va dalle sette della sera alle cinque del mattino successivo, ha avuto un impatto molto forte sull’economia».

LEGGI ANCHE: OMS: «IN AFRICA I MORTI PER AIDS POTREBBERO RADDOPPIARE, 500MILA PERSONE A RISCHIO A CAUSA DEL COVID-19»

«Quello che vogliamo anche noi di ActionAid – prosegue – è che questi numeri possano abbassarsi o quantomeno non aumentare. L’intervento specifico di questi giorni si concentra sulla distribuzione di kit igienico-sanitari e dispositivi di protezione e su un’opera di informazione e diffusione delle maniere di contrasto al virus stesso, spiegando il distanziamento sociale e l’importanza di lavarsi spesso le mani, per coloro che ne hanno le possibilità. Contestualmente per rispondere anche all’altra esigenza di natura economica, stiamo cercando di dare un sostegno alle famiglie affinché, tramite una distribuzione di contanti, possano avere un piccolo mattone con il quale ripartire nella fase 2, anche se proprio in questi giorni il Kenya ha annunciato che le scuole non riapriranno se non tra un mese».

Acqua pulita e kit igienici rappresentano dunque il primo tassello per prevenire il diffondersi del coronavirus tra le comunità più fragili di un Paese che complessivamente conta 120 posti in terapia intensiva, dove mancano ossigeno e mascherine e il personale medico è insufficiente per curare la popolazione. Senza dimenticare che il lockdown mette a rischio la già precaria situazione economica.

«Noi con ActionAid abbiamo lanciato una campagna, iniziata il primo maggio e che si concluderà il 15 giugno, per raccogliere le risorse che gli italiani vorranno donare al Kenya: tramite il numero 45511 è possibile donare un euro o due euro via sms, oppure con rete fissa dai cinque ai dieci euro», conclude Lodola.

 

Articoli correlati
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena?
Sono un contatto stretto di un positivo, per quanto tempo devo stare in quarantena? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare?
Sono un caso positivo a lungo termine, cosa devo fare? Il Ministero della Salute lo specifica attraverso la circolare emanata lo scorso 12 ottobre
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli