Covid-19, che fare se...? 5 Luglio 2022 14:02

Contatto con caso Covid, dopo quanto ci si positivizza?

Maga (Cnr): «I sintomi iniziano a manifestarsi dopo 2-3 giorni dal contatto Covid. Per sicurezza meglio aspettare almeno una settimana»

Contatto con caso Covid, dopo quanto ci si positivizza?

Da quando la variante Omicron è diventata dominante, il periodo di incubazione si è ridotto. «Solitamente i sintomi del Covid iniziano a manifestarsi già dopo 2-3 giorni dal contatto con un positivo», conferma Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Igm). «In alcuni casi possono spuntare fuori anche dopo 4 giorni. Ma per essere davvero sicuri di non esser stati contagiati – continua – bisogna aspettare almeno una settimana. In questo modo si può anche essere piuttosto sicuri di non contagiare nessuno».

Maga: «L’infezione Covid sembra più duratura negli adulti che nei bambini»

I dati indicano, inoltre, che i sintomi dell’infezione causata dalla variante Omicron durino in media meno tempo. Alcuni studi suggeriscono che la durata mediana dei sintomi nei casi di Omicron era di 5 giorni rispetto a 8 nelle persone infette dalla variante Delta. Nelle persone vaccinate i sintomi durano ancora meno, circa 3 giorni. «Sembra, infine, che l’infezione sia più duratura negli adulti rispetto ai bambini. Quest’ultimi, infatti, possono negativizzarsi anche nel giro di pochissimi giorni», evidenzia Maga. I sintomi sembrano essere molto simili a quelli di un raffreddore: naso che cola e qualche giorno di febbre, ma anche tosse, mal di gola e problemi di affaticamento. Le forme più gravi dell’infezione sembrano essere meno frequenti.

La variante Omicron BA5 più contagiosa, Maga «non abbassiamo la guardia»

I dati confermano anche che la nuova variante Omicron BA5, responsabile di questa nuova ondata di casi, sia più contagiosa delle precedenti versioni del virus Sars-CoV-2 e che riesca con più facilità a superare l’immunità da vaccino a da infezione precedente. «Per cui è fondamentale affidarsi al buon senso e rispettare tutte le misure di prevenzione del caso», sottolinea Maga. «L’allentamento delle restrizioni non ci deve far abbassare la guardia: l’emergenza Covid non è finita», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Stanchezza e mal di testa: studio rivela i sintomi principali del Long Covid
Uno studio del Medical College of Georgia ha rilevato quali sono i sintomi più segnalati dai pazienti a più di quattro mesi dal Covid-19. I principali sono stanchezza e mal di testa, seguono dolori muscolari, tosse, alterazioni dell'olfatto e del gusto, febbre, brividi e congestione nasale
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale