Salute 23 Giugno 2022 12:01

Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»

I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»

Un aumento improvviso e repentino dei nuovi casi (255.442, +58,9%) in tutte le regioni italiane. Un numero di positivi (circa 600 mila) largamente sottostimato perché le persone ormai usano i tamponi fai-da-te con dichiarazioni solo parziali degli esiti positivi.

È l’effetto della diffusione delle varianti di Sars-CoV-2 BA.4 e BA.5 con conseguenze già evidenti sugli ospedali. In salita, infatti, sia i ricoveri ordinari che le terapie intensive. Calano i decessi (-19%) ma sono ferme le percentuali vaccinali: 7.98 milioni di persone non hanno ancora ricevuto la terza dose. Ci sono, inoltre, nette differenze regionali per la copertura con quarte dosi di immunocompromessi (dall’8,8% della Calabria al 100% del Piemonte) e fragili (dal 5,5% della Calabria al 39,6% del Piemonte). È quanto rileva questa settimana il monitoraggio della Fondazione Gimbe.

Contagi in rialzo, Ricciardi: «Variante contagiosissima, stare all’erta»

Omicron 5 non è dominante in Italia ma presto lo diventerà. Ad oggi, i dati dell’ISS confermano che BA.4 e BA.5 non si associano ad una maggior gravità della malattia Covid-19, ma sono più trasmissibili di BA.2. In più, hanno una maggior capacità di evadere la protezione immunitaria da vaccino e da pregressa infezione, aumentando la probabilità di reinfezione. «Dobbiamo stare attenti – ha detto il consulente di Speranza a Sanità Informazione – perché questo virus tende ad eludere le nostre capacità di protezione. Questa variante è contagiosissima, bisogna stare all’erta».

Campagna vaccinale in stallo, tanti fragili e vulnerabili senza terza e quarta dose

«Specie adesso e in autunno – ha proseguito Ricciardi – quello che si sta predisponendo è un arresto delle vaccinazioni. Ci sono migliaia di ultraottantenni non vaccinati che non hanno fatto la seconda dose di richiamo e questo li espone a rischi molto gravi. Quando si tornerà in ambienti chiusi ci sarà un rischio. Così come si ripresenterà nelle scuole per bambini che non sono vaccinati. Non sarà come nelle prime due ondate, con una grande pressione sugli ospedali, ma purtroppo ci saranno tante persone fragili a rischio».

Vaccini da aggiornare, ma su Omicron 1. Efficacia?

Secondo Ricciardi è probabile che ci sia quella che si definisce una “reazione crociata”. «Abbiamo visto che anche con i vaccini predisposti dalla variante originaria resta una protezione rispetto alla malattia e non all’infezione, credo che per Omicron succeda lo stesso. Dobbiamo vederlo ancora, ma il dato che ci conforta di più è che i vaccini reggono ancora». I dati dell’ISS dimostrano che in tutte le fasce di età si riduce l’incidenza di malattia grave (del 24-78,9% per ricoveri ordinari; del 42,1-85% per le terapie intensive) e decesso (del 42,5-88,4%) (figura 16). Ma sono ancora 4,03 milioni i non vaccinati, 5,51 milioni le persone senza terza dose e 4,05 milioni i vulnerabili senza quarta dose.

Sarà un autunno di vaccinazioni?

Ne è certo Walter Ricciardi. «Quello che mi preoccupa un po’, venendo meno la struttura commissariale, è che potrebbero esserci grandi differenze tra le regioni. La struttura aveva assicurato che tutte le regioni, anche quelle più in difficoltà, avessero una buona copertura vaccinale. Noi siamo tra quei paesi che hanno avuto copertura in tutto il territorio. Quello che mi preoccupa è che un ritorno alla normalità in tutto il territorio, in una sanità che è basata per la nostra costituzione sulle regioni, determinerà grandi differenze».

Obbligo mascherine eliminato, è un rischio? Ricciardi cita il caso Gruber

Il consulente del ministro Speranza invita alla cautela, dunque, ricordando l’importanza di indossare le mascherine nei luoghi al chiuso e la necessità di potenziare la campagna vaccinale in tutte le persone a rischio di malattia grave. E invece, come è accaduto spesso, alcuni medici o esponenti politici disorientano la popolazione con proposte antiscientifiche e rischiose per la salute pubblica, come l’abolizione dell’isolamento per i positivi. «Aver abolito l’obbligo è un rischio – ha precisato -. Lo è perché anche se c’è una forte raccomandazione a indossare le mascherine al chiuso, molte persone non lo capiscono. Con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Caso di scuola l’ho seguito di recente, Lilli Gruber: lì sono stati a contatto con una sola persona positiva che ha cenato con loro e si sono contagiati in 16».

Trasporti pubblici sì, aerei no. Perché?

«Dal punto di vista scientifico c’è soltanto la differenza che negli aerei c’è una maggiore filtrazione e un cambio d’aria ogni tre minuti. Però – ha aggiunto -Ricciardi – si è visto che con questa contagiosità basta una sola persona e tutti si contagiano se tolgono la mascherina per mangiare. Figuriamoci se non si portano. I Governi sono pressati dall’opinione pubblica e da alcuni partiti ad allentare i limiti». In questa fase è indispensabile ridurre la circolazione virale. E questo può essere fatto solo indossando la mascherina nei locali al chiuso, specialmente se sono affollati e poco ventilati. Ma anche all’aperto, in condizioni di grandi assembramenti. E su questo, Ricciardi ha precisato: «All’aperto con una circolazione d’aria adeguata e con distanza tra le persone, siamo più tranquilli. È un virus debole dal punto di vista ambientale, il rischio resta nei luoghi chiusi e affollati».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...