OMCeO, Enti e Territori 13 settembre 2016

OMCeO Potenza: «Un corso può costare sino a mille euro. Formazione gratuita per giovani medici»

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare […]

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare in soccorso dei giovani medici che – come spiega il presidente dell`Ordine regionale, Rocco Paternò – sono in questo momento in forte difficoltà. Una specie di “patto intergenerazionale”, consapevoli  del fatto che «quando il medico si è fatto un nome tutto è più semplice. Ma in questa fase, con gli enti pubblici che riducono le assunzioni e la sanità privata che si affida agli specialisti già affermati, un giovane fa davvero molta fatica». L`iniziativa – cui ha aderito anche l`Ordine regionale dei medici della Basilicata – nasce dalla collaborazione con il Gruppo Consulcesi, che si occupa di assistenza legale alla categoria e che – spiega Paternò – ha assistito diversi medici che durante il corso di specializzazione avrebbero dovuto ricevere un`adeguata remunerazione, come previsto dalle direttive europee. E ora questa iniziativa per aiutare i medici sotto i 35 anni, quelli che più soffrono. «Nuove e importanti sfide si profilano all`orizzonte per la nostra categoria – spiega Paternò- e interessano in particolar modo i giovani medici che si affacciano alla professione. I colleghi si confrontano oggi con criticità relative al conseguimento dei crediti formativi, alla tutela legale della propria attività, al mancato rispetto della direttiva comunitaria sull`orario di lavoro o al mancato rimborso per il periodo di specializzazione ’78-2006 ». Per questo serve un concreto aiuto. Perché, tanto per fare un esempio, la formazione obbligatoria ha costi molto elevati. Ci sono corsi che possono costare dai cinquecento ai mille euro. «E un medico deve arrivare a 50 crediti annui. E già ora l`Ordine regionale cerca di farne il più possibile gratis. Ma grazie a questa convenzione l`aiuto per i primi due anni è davvero notevole» . «Non siamo sordi alle richieste di aiuto che riceviamo dai medici, in particolare dai più giovani – spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e per questo mettiamo in campo subito soluzioni pratiche e concrete».

Articoli correlati
Ex specializzandi, slitta data azione collettiva: ricorsi possibili fino al 25 luglio
Boom di adesioni alla nuova azione collettiva di Consulcesi sulla scia della campagna "37 milioni in 37 giorni", con il quale sono stati rimborsati oltre 1.100 camici bianchi di tutta Italia. «Ricevute oltre 5mila richieste in meno di un mese»
Responsabilità professionale, Fineschi (“La Sapienza”): «Nuova normativa ha fatto maturare il sistema»
Limiti ai risarcimenti per i professionisti sanitari e un fondo di garanzia per i pazienti. La Legge Gelli-Bianco ha rivoluzionato la gestione del rischio, la sicurezza delle cure e gli obblighi assicurativi. Pietro Di Tosto, Consigliere Segretario dell'Ordine degli avvocati di Roma: «Certezze per un settore che non ne aveva»
Rimborsi ex specializzandi: 37 milioni in 37 giorni in tutta Italia. Ma ora c’è il rischio prescrizione
Grande successo per il “giro d’Italia” con cui Consulcesi consegna gli assegni per gli anni di scuola post-laurea non pagati: «Attese nuove sentenze in breve tempo ma resta il rischio prescrizione. Per non perdere il rimborso produrre un atto interruttivo gratuito o aderire alla prossima azione collettiva»
Incubo pensione per i medici: l’81% teme crollo dei redditi e punta sulla previdenza complementare
Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, ha raccolto i pareri di oltre 2mila medici sulla previdenza complementare: il 51% degli intervistati ha già scelto un fondo pensione, privilegiando i privati. I medici chiedono intervento legislativo per incentivare l’adesione grazie alla maggiore deducibilità fiscale
Ex specializzandi lavoravano senza essere pagati: lo Stato li risarcisce con oltre 8 milioni di euro
L’iniziativa "37 milioni in 37 giorni" fa tappa a Modena. L’Amministratore Delegato di Consulcesi, Andrea Tortorella: «Il diritto dei medici specialisti è riconosciuto da tutti i tribunali. Per non lasciare nessuno senza rimborso, il 15 luglio parte la nuova azione collettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...