OMCeO, Enti e Territori 13 settembre 2016

OMCeO Potenza: «Un corso può costare sino a mille euro. Formazione gratuita per giovani medici»

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare […]

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare in soccorso dei giovani medici che – come spiega il presidente dell`Ordine regionale, Rocco Paternò – sono in questo momento in forte difficoltà. Una specie di “patto intergenerazionale”, consapevoli  del fatto che «quando il medico si è fatto un nome tutto è più semplice. Ma in questa fase, con gli enti pubblici che riducono le assunzioni e la sanità privata che si affida agli specialisti già affermati, un giovane fa davvero molta fatica». L`iniziativa – cui ha aderito anche l`Ordine regionale dei medici della Basilicata – nasce dalla collaborazione con il Gruppo Consulcesi, che si occupa di assistenza legale alla categoria e che – spiega Paternò – ha assistito diversi medici che durante il corso di specializzazione avrebbero dovuto ricevere un`adeguata remunerazione, come previsto dalle direttive europee. E ora questa iniziativa per aiutare i medici sotto i 35 anni, quelli che più soffrono. «Nuove e importanti sfide si profilano all`orizzonte per la nostra categoria – spiega Paternò- e interessano in particolar modo i giovani medici che si affacciano alla professione. I colleghi si confrontano oggi con criticità relative al conseguimento dei crediti formativi, alla tutela legale della propria attività, al mancato rispetto della direttiva comunitaria sull`orario di lavoro o al mancato rimborso per il periodo di specializzazione ’78-2006 ». Per questo serve un concreto aiuto. Perché, tanto per fare un esempio, la formazione obbligatoria ha costi molto elevati. Ci sono corsi che possono costare dai cinquecento ai mille euro. «E un medico deve arrivare a 50 crediti annui. E già ora l`Ordine regionale cerca di farne il più possibile gratis. Ma grazie a questa convenzione l`aiuto per i primi due anni è davvero notevole» . «Non siamo sordi alle richieste di aiuto che riceviamo dai medici, in particolare dai più giovani – spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e per questo mettiamo in campo subito soluzioni pratiche e concrete».

Articoli correlati
Ex Specializzandi: “37 milioni in 37 giorni”. Arrivano rimborsi in tutta Italia
Partita dalla Sardegna la nuova iniziativa di Consulcesi: fino al 13 luglio rimborsi in tutte le Regioni italiane per le borse di studio negate ai medici specialisti il 1978 ed il 2006. Nuove tappe nelle Marche, in Abruzzo, Molise, Basilicata, Calabria, Campania e via via tutte le altre. Intanto accordo transattivo ancora al palo, ma rischio prescrizione. Consulcesi lancia nuova azione collettiva il 15 luglio
Contratto, giovani ed ex specializzandi: le soluzioni del Governo
Il Sottosegretario alla Salute Davide Faraone a tutto campo: «Per i medici specialisti meglio soluzione politica, sul contratto macchina in movimento aspettiamo novità prossime settimane». Il tema della responsabilità professionale e “l’orgoglio” per i giovani medici: il punto della situazione
Responsabilità professionale, AmTrust: «Allo studio premi per ridurre polizze a medici in regola con ECM»
Intervista a Leonardo Martinelli, Chief Claims Officer di AmTrust: «Legge Gelli svolta fondamentale, ma attendiamo i decreti attuativi. Per noi compagnie uno degli elementi decisivi è quello della formazione e dell’aggiornamento continuo in medicina. Un medico aggiornato è una garanzia per le assicurazioni»
Ex specializzandi, 628 medici Consulcesi ricevono rimborsi per 22 milioni di euro
A Milano camici bianchi provenienti dalla Lombardia e da altre regioni hanno ricevuto l’assegno di rimborso per gli anni di scuola post-laurea non retribuiti. Nel corso dell’evento si è parlato anche di responsabilità professionale e nuove opportunità lavorative: presentato il portale AIOP Job, la prima banca dati per trovare lavoro in sanità in 500 strutture
«Ecco come ho recuperato 5 anni di IRAP non dovuta». Parlano i medici
Il caso dei medici assistiti dai commercialisti di Consulcesi e le indicazioni per chi vuole intervenire presentando l’apposita integrazione alla prossima dichiarazione dei redditi recuperando 5 anni di tasse ingiustamente versate, da compensare con i crediti maturati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...