6 agosto 2018

Clownterapia, disturbi sessuali, giovani e alcol – TG 10/08/2018

La nuova puntata del TG di Sanità Informazione condotto da Sofia Bruscoli si apre con l’intervista a Valeria Randone, psicosessuologa, che spiega i motivi per cui molti uomini hanno difficoltà a parlare di problematiche sessuologiche e i danni che la pornografia genera nei giovani. A seguire l’intervista a una giovane clown-dottoressa dell’Associazione Andrea Tudisco Onlus che ha […]

La nuova puntata del TG di Sanità Informazione condotto da Sofia Bruscoli si apre con l’intervista a Valeria Randone, psicosessuologa, che spiega i motivi per cui molti uomini hanno difficoltà a parlare di problematiche sessuologiche e i danni che la pornografia genera nei giovani. A seguire l’intervista a una giovane clown-dottoressa dell’Associazione Andrea Tudisco Onlus che ha come obiettivo quello di tutelare il diritto alla salute dei bambini, supportare il processo di umanizzazione delle cure e promuovere l’ascolto attivo volto al benessere di ogni paziente. Infine le parole di Tiziana Codenotti, presidente dell’associazione Eurocare, che lancia la campagna ‘Fyfa’ per sensibilizzare il mondo dello sport all’abuso di alcol da parte dei più giovani.

 

 

 

Tags

Tg Sanità Informazione
TG Sanità Informazione correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila