Salute 9 Agosto 2018

Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»

«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi

Immagine articolo

Un progetto che ha l’obiettivo di sensibilizzare il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile In Italia. È questo il senso di Fyfa, un progetto portato avanti da Eurocare, associazione non governativa con sede a Bruxelles che si occupa di prevenzione e riduzione di problemi alcol-correlati. I problemi legati all’abuso di alcol sono del resto un’emergenza anche nel nostro Paese: come emerso nell’ultimo Alcohol Prevention Day il numero di consumatori di alcol a partire dagli 11 anni di età oscilla intorno ai 35 milioni: sono quasi nove milioni i consumatori a rischio, tra cui minorenni e anziani, 650 mila hanno un consumo “dannoso” o una dipendenza. Ne abbiamo parlato con Tiziana Codenotti, Presidente di Eurocare.

Presidente, come nasce e di che cosa si occupa Eurocare?

«Eurocare nasce nel 1990 per iniziativa di alcune organizzazioni europee che individuano in quegli anni la necessità di far sentire la voce della cittadinanza attiva rispetto ad un problema di salute pubblica importante e che riguarda sia gli aspetti sanitari che quelli sociali economici e di benessere delle comunità locali nazionali ed internazionali».

In che cosa consiste il progetto Fyfa di Eurocare?

«Il progetto Fyfa si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare il mondo sportivo, il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile: si rivolge a squadre di calcio frequentate da ragazzi minorenni o non per sensibilizzare anche chi si occupa di squadre di calcio su quelli che sono i rischi e i danni che il consumo di bevande alcoliche, soprattutto tra i giovanissimi per ragioni biologiche, può provocare. L’obiettivo è anche avviare un processo culturale che faccia sì che non sia più considerato normale il consumo di bevande alcoliche in qualunque contesto. Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol ma che non conosce o sottostima in maniera importante anche le conseguenze negative».

LEGGI ANCHE: ALCOL PREVENTION DAY, EMANUELE SCAFATO (ISS): «PRIMA CAUSA DI MORTE E DISABILITA’ FINO AI 24 ANNI»

In che percentuale gli eventi sportivi possono essere collegati ad un abuso di alcol?

«Sappiamo da studi che c’è un consumo molto elevato di bevande alcoliche attorno a queste manifestazioni. Ci sono studi che stanno misurando la concentrazione alcolica  nel sangue dei frequentatori degli stadi e questo riguarda sia adulti che giovani, sostanzialmente c’è una percentuale intorno al 30-40% di consumatori di bevande alcoliche all’interno degli stadi e questo ha un’importanza sanitaria rispetto ai rischi ma anche di messaggio culturale che passa attraverso il quale noi diamo l’impressione che l’associazione tra alcol e sport dia un’immagine ai ragazzi di successo e di vigore correlato a questo comportamento, cosa che sappiamo essere una fake news».

Lo sport può contribuire a prevenire questa dipendenza?

«Assolutamente sì, lo sport deve essere uno degli ambiti preventivi sui quali è necessario lavorare in maniera importante».

 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
Congresso Amsi, Foad Aodi: «Presenteremo le nostre statistiche, proposte e criticità su carenza medici, concorsi, fuga dei medici e circoncisione»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) annuncia l’apertura dei lavori del Congresso per il 22 giugno a Roma presso la Clinica Ars Medica a cui parteciperanno professionisti della sanità, italiani e di origine straniera. Un congresso accreditato con Ecm per tutte le professioni. Nella parte scientifica si discuterà di traumatologia sportiva e cure […]
Healthytude, al via a Milano l’evento dedicato al benessere a 360°
È stata presentata oggi, a Palazzo Marino, Healthytude, la health week milanese che animerà, dal 16 al 23 giugno, il Design District di Porta Nuova, trasformato per l’occasione in polo del benessere. Alla presenza dell’Assessore allo Sport, Turismo e Qualità della vita del Comune di Milano, Roberta Guaineri, che ha aperto i lavori, è stato […]
Palermo, gli ospedali privati aprono le porte agli studenti del liceo Cannizzaro
Gli ospedali privati di Palermo aprono le porte agli studenti del liceo scientifico Cannizzaro nell’ambito del progetto alternanza scuola lavoro. Ottanta ragazzi delle quarte e delle quinte hanno partecipato al percorso di orientamento e formazione condiviso da Aiop e Ordine dei medici, che si inserisce negli obiettivi del più ampio protocollo d’intesa, firmato alcuni mesi […]
Maratona Lugano 2019, team Consulcesi protagonista. Pedrazzini: «Correre in squadra mi ha dato una carica in più»
Grande partecipazione alla 14^ edizione della StraLugano 2019, la competizione sportiva luganese che coniuga corsa, divertimento e solidarietà. Presente anche il team Consulcesi con dipendenti di Roma, Tirana e Balerna, guidato dalla manager Anna Pedrazzini: «Bellissima esperienza, grande occasione per fare gruppo e condividere i sani valori dello sport»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano