Salute 9 Agosto 2018 15:04

Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»

«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi

Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»

Un progetto che ha l’obiettivo di sensibilizzare il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile In Italia. È questo il senso di Fyfa, un progetto portato avanti da Eurocare, associazione non governativa con sede a Bruxelles che si occupa di prevenzione e riduzione di problemi alcol-correlati. I problemi legati all’abuso di alcol sono del resto un’emergenza anche nel nostro Paese: come emerso nell’ultimo Alcohol Prevention Day il numero di consumatori di alcol a partire dagli 11 anni di età oscilla intorno ai 35 milioni: sono quasi nove milioni i consumatori a rischio, tra cui minorenni e anziani, 650 mila hanno un consumo “dannoso” o una dipendenza. Ne abbiamo parlato con Tiziana Codenotti, Presidente di Eurocare.

Presidente, come nasce e di che cosa si occupa Eurocare?

«Eurocare nasce nel 1990 per iniziativa di alcune organizzazioni europee che individuano in quegli anni la necessità di far sentire la voce della cittadinanza attiva rispetto ad un problema di salute pubblica importante e che riguarda sia gli aspetti sanitari che quelli sociali economici e di benessere delle comunità locali nazionali ed internazionali».

In che cosa consiste il progetto Fyfa di Eurocare?

«Il progetto Fyfa si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare il mondo sportivo, il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile: si rivolge a squadre di calcio frequentate da ragazzi minorenni o non per sensibilizzare anche chi si occupa di squadre di calcio su quelli che sono i rischi e i danni che il consumo di bevande alcoliche, soprattutto tra i giovanissimi per ragioni biologiche, può provocare. L’obiettivo è anche avviare un processo culturale che faccia sì che non sia più considerato normale il consumo di bevande alcoliche in qualunque contesto. Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol ma che non conosce o sottostima in maniera importante anche le conseguenze negative».

LEGGI ANCHE: ALCOL PREVENTION DAY, EMANUELE SCAFATO (ISS): «PRIMA CAUSA DI MORTE E DISABILITA’ FINO AI 24 ANNI»

In che percentuale gli eventi sportivi possono essere collegati ad un abuso di alcol?

«Sappiamo da studi che c’è un consumo molto elevato di bevande alcoliche attorno a queste manifestazioni. Ci sono studi che stanno misurando la concentrazione alcolica  nel sangue dei frequentatori degli stadi e questo riguarda sia adulti che giovani, sostanzialmente c’è una percentuale intorno al 30-40% di consumatori di bevande alcoliche all’interno degli stadi e questo ha un’importanza sanitaria rispetto ai rischi ma anche di messaggio culturale che passa attraverso il quale noi diamo l’impressione che l’associazione tra alcol e sport dia un’immagine ai ragazzi di successo e di vigore correlato a questo comportamento, cosa che sappiamo essere una fake news».

Lo sport può contribuire a prevenire questa dipendenza?

«Assolutamente sì, lo sport deve essere uno degli ambiti preventivi sui quali è necessario lavorare in maniera importante».

 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Cardiologia e sport legati (sempre più) a filo doppio. Ecco perché
Corrado (Università di Padova): «I medici dello sport siano formati anche per valutare una risonanza magnetica»
di Federica Bosco
Giornata distrofia di Duchenne, la storia di Jacopo: «Non saranno le due ruote di una carrozzina a fermarmi»
“Diventare adulti convivendo con questa patologia genetica rara” è il tema al centro dell’edizione 2021. Genovese (Parent Project aps): «Negli ultimi decenni, l’aspettativa di vita è aumentata in modo considerevole. Crescere significa avere nuove opportunità, ma anche dover affrontare sfide e difficoltà»
di Isabella Faggiano
Piano Giovani, i ragazzi si vaccinano senza prenotazione. Obiettivo: 60% di immuni per l’inizio della scuola
È il momento di premere l'acceleratore per immunizzare la fascia 12-19 anni. Ora negli hub senza prenotazione, come funziona nelle singole Regioni e come convincere genitori scettici
I benefici della camminata veloce: con 30 minuti al giorno si punta a vivere 20 anni in più
Ione Acosta, giovane trainer dei vip: «Anche per l’allenamento più strutturato è sufficiente mezz’ora affinché il corpo possa beneficiarne senza subirne lo stress»
di Isabella Faggiano
Simone Biles, il bronzo dopo lo stop. La psicologa: «Gli atleti non sono macchine ma ogni difficoltà può diventare un’opportunità»
«Riconoscere le proprie difficoltà e darsi il giusto tempo per lavorarci sopra, imparando a gestirle, è la vera forza. La storia dello sport è piena di questi esempi, bisogna imparare a coglierne il valore costruttivo» spiega la dottoressa Luana Morgilli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco