Salute 9 Agosto 2018 15:04

Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»

«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi

Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»

Un progetto che ha l’obiettivo di sensibilizzare il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile In Italia. È questo il senso di Fyfa, un progetto portato avanti da Eurocare, associazione non governativa con sede a Bruxelles che si occupa di prevenzione e riduzione di problemi alcol-correlati. I problemi legati all’abuso di alcol sono del resto un’emergenza anche nel nostro Paese: come emerso nell’ultimo Alcohol Prevention Day il numero di consumatori di alcol a partire dagli 11 anni di età oscilla intorno ai 35 milioni: sono quasi nove milioni i consumatori a rischio, tra cui minorenni e anziani, 650 mila hanno un consumo “dannoso” o una dipendenza. Ne abbiamo parlato con Tiziana Codenotti, Presidente di Eurocare.

Presidente, come nasce e di che cosa si occupa Eurocare?

«Eurocare nasce nel 1990 per iniziativa di alcune organizzazioni europee che individuano in quegli anni la necessità di far sentire la voce della cittadinanza attiva rispetto ad un problema di salute pubblica importante e che riguarda sia gli aspetti sanitari che quelli sociali economici e di benessere delle comunità locali nazionali ed internazionali».

In che cosa consiste il progetto Fyfa di Eurocare?

«Il progetto Fyfa si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare il mondo sportivo, il calcio ma anche gli altri sport rispetto ai rischi e ai problemi legati al consumo di bevande alcoliche soprattutto nella fascia giovanile: si rivolge a squadre di calcio frequentate da ragazzi minorenni o non per sensibilizzare anche chi si occupa di squadre di calcio su quelli che sono i rischi e i danni che il consumo di bevande alcoliche, soprattutto tra i giovanissimi per ragioni biologiche, può provocare. L’obiettivo è anche avviare un processo culturale che faccia sì che non sia più considerato normale il consumo di bevande alcoliche in qualunque contesto. Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol ma che non conosce o sottostima in maniera importante anche le conseguenze negative».

LEGGI ANCHE: ALCOL PREVENTION DAY, EMANUELE SCAFATO (ISS): «PRIMA CAUSA DI MORTE E DISABILITA’ FINO AI 24 ANNI»

In che percentuale gli eventi sportivi possono essere collegati ad un abuso di alcol?

«Sappiamo da studi che c’è un consumo molto elevato di bevande alcoliche attorno a queste manifestazioni. Ci sono studi che stanno misurando la concentrazione alcolica  nel sangue dei frequentatori degli stadi e questo riguarda sia adulti che giovani, sostanzialmente c’è una percentuale intorno al 30-40% di consumatori di bevande alcoliche all’interno degli stadi e questo ha un’importanza sanitaria rispetto ai rischi ma anche di messaggio culturale che passa attraverso il quale noi diamo l’impressione che l’associazione tra alcol e sport dia un’immagine ai ragazzi di successo e di vigore correlato a questo comportamento, cosa che sappiamo essere una fake news».

Lo sport può contribuire a prevenire questa dipendenza?

«Assolutamente sì, lo sport deve essere uno degli ambiti preventivi sui quali è necessario lavorare in maniera importante».

 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Scoperta la causa dell’amnesia dopo un trauma cranico, ora i ricercatori sanno come curarla
L'amnesia che si verifica nelle persone che subiscono ripetuti traumi alla testa, come ad esempio gli atleti, è una condizione che potrebbe potenzialmente essere invertita. Almeno questo è quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Georgetown University Medical Center, in collaborazione con il Trinity College di Dublino, Irlanda, in uno studio sui topi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Neuroscience
Francesco Nuti addio: la depressione, l’incidente e la disabilità che lo ha accompagnato fino alla morte
Francesco Nuti, 68 anni, è morto stamattina a Roma, nella clinica Villa Verde. L'attore toscano era sparito dalla scena da diversi anni. Viveva in una condizione di non autosufficienza, che lo obbligava ad avere qualcuno che si occupasse di lui
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Attività sportiva panacea contro le “devianze”? Ecco perché non è così
La psicologa Morgilli (OdP Lazio): «Lo sport non è un medicinale che può essere prescritto. Attenzione alle attitudini individuali e al contesto, per intercettare fattori di rischio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...