Salute 17 Gennaio 2024 12:47

Scoperta la causa dell’amnesia dopo un trauma cranico, ora i ricercatori sanno come curarla

L’amnesia che si verifica nelle persone che subiscono ripetuti traumi alla testa, come ad esempio gli atleti, è una condizione che potrebbe potenzialmente essere invertita. Almeno questo è quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Georgetown University Medical Center, in collaborazione con il Trinity College di Dublino, Irlanda, in uno studio sui topi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Neuroscience

Scoperta la causa dell’amnesia dopo un trauma cranico, ora i ricercatori sanno come curarla

L’amnesia che si verifica nelle persone che subiscono ripetuti traumi alla testa, come ad esempio gli atleti, è una condizione che potrebbe potenzialmente essere invertita. Almeno questo è quanto ha dimostrato un gruppo di ricercatori del Georgetown University Medical Center, in collaborazione con il Trinity College di Dublino, Irlanda, in uno studio sui topi. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Neuroscience. I ricercatori hanno scoperto, in particolare, che l’amnesia e la scarsa memoria, a seguito di un trauma cranico, sono dovute a un’inadeguata riattivazione dei neuroni coinvolti nella formazione dei ricordi.

L’amnesia può essere comune negli sport da contatto

I ricercatori di Georgetown avevano precedentemente scoperto che il cervello si adatta a ripetuti impatti alla testa modificando il modo in cui funzionano le sinapsi nel cervello. Questo può causare difficoltà nella formazione di nuovi ricordi e nel ricordare quelli già esistenti. Nel loro nuovo studio, i ricercatori sono stati in grado di indurre i topi a richiamare i ricordi che erano stati dimenticati a causa di impatti alla testa. “La nostra ricerca ci dà la speranza di poter progettare trattamenti per riportare il cervello che ha subito un impatto alla sua condizione normale e per recuperare la funzione cognitiva negli esseri umani che hanno scarsa memoria causata da ripetuti impatti alla testa”, afferma il ricercatore senior dello studio, Mark Burns, docente del Dipartimento di Neuroscienze di Georgetown e direttore del Laboratorio per le lesioni cerebrali e la demenza.

Lo studio è stato condotto su topi sottoposti a lievi ma frequenti impatti alla testa

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno dato a due gruppi di topi un nuovo ricordo addestrandoli in un test che non avevano mai visto prima. Un gruppo è stato esposto ad un’alta frequenza di lievi impatti alla testa per una settimana, simile all’esposizione che si verifica negli sport di contatto, e un gruppo di controllo non ha ricevuto alcun trauma. I topi colpiti non erano in grado di richiamare il nuovo ricordo una settimana dopo. “La maggior parte della ricerca in questo settore è stata condotta su cervelli umani affetti da encefalopatia traumatica cronica (CTE), che è una malattia degenerativa del cervello riscontrata in persone con una storia di impatti ripetuti sulla testa”, spiega Burns. “Al contrario, il nostro obiettivo era capire come cambia il cervello in risposta agli impatti di basso livello alla testa che molti giovani calciatori sperimentano regolarmente”, aggiunge.

I ricercatori hanno individuato la firma specifica dei neuroni legati a uno specifico ricordo

I ricercatori hanno scoperto che, in media, i giocatori universitari di football ricevono 21 colpi alla testa a settimana, mentre i difensori ne ricevono 41 a settimana. Il numero di impatti alla testa sui topi in questo studio è stato progettato per simulare una settimana di esposizione per un giocatore di football del college, e ogni singolo impatto alla testa di per sé era lieve. L’utilizzo di topi geneticamente modificati ha permesso ai ricercatori di vedere i neuroni coinvolti nell’apprendimento di nuovi ricordi e hanno scoperto che questi neuroni della memoria erano ugualmente presenti sia nei topi di controllo che in quelli sperimentali. Dopo aver esaminato i neuroni associati al nuovo ricordo, i ricercatori hanno cercato di individuare la firma specifica di quelli attivati dal ricordo. Ebbene, i topi di controllo sono stati in grado di attivare questi neuroni, ma i topo che hanno subito impatti alla testa no. “Questo è ciò che ha causato l’amnesia“, sottolinea Daniel P. Chapman, altro autore dello studio.

Allo studio tecniche non invasive per invertire l’amnesia

In seguito, i ricercatori sono riusciti a invertire l’amnesia per consentire ai topi di richiamare i ricordi perduti utilizzando un laser. “Abbiamo utilizzato una tecnica invasiva per invertire la perdita di memoria nei nostri topi, e sfortunatamente questa non è trasferibile agli esseri umani”, specifica Burns. “Stiamo attualmente studiando una serie di tecniche non invasive per cercare di comunicare al cervello che non è più in pericolo e per aprire una finestra di plasticità che possa riportare il cervello al suo stato precedente”, conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Trauma cranico, test sul sangue per diagnosi veloci e precise
Le situazioni in cui si può verificare un trauma cranico sono molteplici. Ma la priorità è sempre la stessa: riconoscerlo tempestivamente, prima che possa creare danni irreversibili
di Valentina Arcovio
Mos (Cardiologia dello Sport): «Ecco perché un calciatore con defibrillatore non può giocare in Italia»
«Le linee guida italiane, le più severe in Europa, non prevedono la possibilità di giocare con un defibrillatore per due motivi. L’intensa attività agonistica può essere la causa dell’aritmia e gli scontri di gioco possono colpire l’apparecchio provocando gravi conseguenze»
AIFI: «Dopo il caso Zaniolo la tutela degli atleti passa da una nuova alleanza»
Dall’Associazione Italiana Fisioterapisti una lettera aperta ai media, agli sportivi ed alle società
Coronavirus, Sportiello (M5S): «Memoria collettiva necessaria. Negazionismo insulto insopportabile»
«Ricordare deve servire anche a elaborare insieme il trauma collettivo che abbiamo vissuto - commenta Gilda Sportiello, capogruppo del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali - . Mi piacerebbe che non perdessimo quello straordinario senso di solidarietà che abbiamo fatto venir fuori soprattutto durante i giorni di lockdown»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...