Salute 16 Maggio 2018

Alcohol Prevention Day, Emanuele Scafato (ISS): «Prima causa di morte e disabilità fino ai 24 anni»

Nove milioni i consumatori a rischio tra cui minorenni e anziani. Messaggio di Walter Ricciardi: «Il consumo eccessivo di alcol è un comportamento a rischio, soprattutto tra i giovanissimi. Urgente rilanciare la prevenzione ed educare agli stili di vita corretti, ne va della sostenibilità del nostro Ssn»

Immagine articolo

In Italia, il numero di consumatori di alcol a partire dagli 11 anni di età oscilla intorno ai 35 milioni: sono quasi nove milioni i consumatori a rischio – tra cui minorenni e anziani – ; 650 mila hanno un consumo “dannoso” o una dipendenza. E nove alcoldipendenti su dieci non vengono curati. È questo ciò che emerge dal quadro delineato oggi da Istat e Osservatorio nazionale Alcol (Ona) dell’Istituto Superiore di Sanità, in occasione dell’Alcohol Prevention Day. 

È vero che il numero degli italiani che consumano alcol è rimasto stabile negli ultimi tre anni, ma il fatto preoccupante è che sono cambiati, radicalmente, i modelli di consumo. La cultura italiana del bere, legata alla dieta mediterranea era, un tempo, un rito che accompagnava le cene con parenti e amici e che oggi è diventato invece un modo per sentirsi più sicuri, loquaci ed emancipati, soprattutto tra i giovanissimi. Scende il consumo di vino quotidiano ai pasti, cresce quello fuori pasto e occasionale, seguito dalla tendenza, trainata dai giovani, al binge drinking, la “bevuta compulsiva” per ubriacarsi che in Italia conta oltre 40.000 accessi annuali al Pronto Soccorso per intossicazione.

LEGGI ANCHE: ALCOLISMO, COME RICONOSCERLO E PREVENIRLO

Un trend allarmante secondo Emanuele Scafato (Direttore dell’ONA): «Le nuove tendenze sono il bere per ubriacarsi, i consumi fuori pasto e occasionali che hanno sostituito il consumo tradizionale mediterraneo ai pasti che rappresentava un anticorpo per la popolazione – precisa -.  Sono tutti fenomeni nuovi che sono stati prodotti dal mercato: Happy hour, Drink as much as you can, cose che non hanno nulla a che fare con la nostra cultura, introdotte dal marketing, dalla pubblicità che viene sparata a volumi esagerati e con frequenza incredibile senza alcun tetto, che stimola ed influenza i consumatori non solo a bere ma anche a spostarsi da un prodotto ad un altro» spiega.

«L’86% delle malattie cronico-degenerative di cui soffrono gli italiani è causata da un comportamento a rischio, quindi da fattori modificabili, tra cui il consumo eccessivo di alcol – afferma Walter Ricciardi, Presidente dell’ISS – . Un problema ancor più preoccupantenperché colpisce anche i giovanissimi. È necessario impegnarsi ancora di più in strategie di riorganizzazione dei sistemi sanitari per la prevenzione delle patologie alcol correlate, con un risparmio enorme in termini di costi anche per il Servizio Sanitario Nazionale».

Nonostante le iniziative di prevenzione «l’alcol rappresenta in Italia ancora la prima causa di morte e disabilità tra i giovani fino a 24 anni – continua Scafato – Abbiamo 40.000 accessi annuali al Pronto Soccorso di moltissimi ragazzi e ragazze al di sotto dei 17 anni. Ma ai minori di 18 anni è vietata la vendita e somministrazione di alcol; non c’è rispetto della legalità né da parte di chi chiede ma soprattutto da parte di chi somministra bevande alcoliche ai minori. Autorità competenti e forze dell’ordine dovrebbero darsi da fare nell’aumentare i controlli, verificare le licenze e monitorare  quello che avviene nei luoghi di aggregazione giovanile, dove spesso si spacciano sostanze illegali: cannabis, cocaina, droghe cosiddette “intelligenti”. I ragazzi devono sapere, informarsi: più conoscono, meno rischiano», puntualizza il direttore.

E non è un problema che riguarda solo i giovani. Gli interventi coordinati di informazione e comunicazione vanno rivolti all’intera popolazione, affiancati da una specifica formazione per gli operatori sanitari. «Gli obiettivi del convegno di oggi – continua Emanuele Scafato – sono quelli di incrementare i livelli di consapevolezza: Istituto Superiore di Sanità, Istat e Oms sono congiuntamente orientati a potenziare tutte le informazioni che possono servire a favorire scelte informate, quelle di cui tutti noi abbiamo diritto. Lo scopo è fornire un’informazione capillare, individuando i target più vulnerabili: minori, anziani e donne. Dobbiamo indurre al cambiamento chi consuma secondo modalità a rischio. Se è vero che esiste un consumo a basso rischio è anche vero che non esiste una quantità sicura di alcol  – precisa – ; per cui, a fronte di questa variabilità individuale generalizzare un messaggio di prevenzione su un consumo moderato può essere anche pericoloso», conclude il direttore.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Geriatria, Vetta (Sigot): «Rinnovare il sistema di cura dell’anziano». Ecco come
«Diminuire l’esigenza di ospedalizzazione attraverso una solida e capillare rete di assistenza territoriale che impedisca la riacutizzazione delle patologie»
di Isabella Faggiano
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»
Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi
“Anziani. Diritti e tutele senza età”: un libro per ripensare l’assistenza sanitaria e sociosanitaria mettendo al centro la persona
Nel libro - ideato dall'avvocato Laila Perciballi - il supporto all'idea dell’amministratore di sostegno da nominare quando necessario per aiutare i nostri nonni a vivere nelle loro case, nel proprio tessuto famigliare e sociale
Daiichi Sankyo presenta “Pink Positive”, l’ebook gratuito per le donne che affrontano il cancro
L’alimentazione, la famiglia, la femminilità, la gestione del dolore, la maternità possibile, la ricerca di informazioni affidabili anche sul web: sono solo alcuni dei dubbi e degli ostacoli che si trovano ad affrontare le donne che ogni giorno ricevono una diagnosi di cancro. Per sostenerle, Daiichi Sankyo ha chiesto il supporto dei maggiori esperti italiani, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 ottobre, sono 41.243.013 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.131.528 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 21 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...