Salute 9 agosto 2018

Disturbi sessuali, Randone (psicosessuologa): «Ragazzi crescono a pane e pornografia e credono a fake news. Serve educazione sessuale»

«Giovani non vanno dall’andrologo nè dal sessuologo, non hanno punti di riferimento», spiega la sessuologa a Sanità Informazione

Immagine articolo

Le disfunzioni sessuali maschili riguardano riguardano milioni di italiani. Nonostante una larga fetta della popolazione sia colpita da questi disturbi, si fa fatica a parlarne. Un blocco psicologico spesso legato a motivazioni culturali e sociali, un blocco che ha origine psicologica e che spesso impedisce al paziente di trovare la giusta soluzione. Ne abbiamo parlato con la psicosessuologa Valeria Randone incontrata al Congresso Frontiers in Genito-Urinary Reconstruction al Policlinico Tor Vergata.

Dottoressa, siamo al convegno sulla chirurgia uro-genitale. Un’occasione per parlare anche dei problemi di natura psicologica perché tanti uomini hanno difficoltà a parlare di queste cose, non vanno dall’urologo o dall’andrologo e spesso i problemi finiscono per aumentare, magari usano metodi non utili, non efficace. Allora qual è lo stato dell’arte?

«Molti uomini, non soltanto uomini di una certa età, ma anche molti ragazzi, hanno difficoltà a parlare di problematiche sessuologiche. Non vanno né dall’andrologo né tantomeno dal sessuologo clinico, rimangono imbrigliati dentro queste difficoltà, per esempio l’ansia da prestazione che è veramente dilagante tra i giovani che non chiedono aiuto. Solitamente in Italia è assente l’educazione sessuale e questi ragazzi si formano con la pornografia. Questi ragazzi crescono a pane e pornografia. Hanno dei miti e dei punti di riferimento assolutamente inadeguati, come per esempio Rocco Siffredi. Quindi con due variabili: quello della durata del rapporto sessuale e quello della dimensione, assolutamente non aderenti alla realtà clinica».

Spesso si cresce anche con dei complessi che non dovrebbero esistere…

«Uno dei complessi più frequenti è la famosa sindrome da spogliatoio, la dismorfofobia peniena. Quando questi ragazzi sono convinti di avere dei genitali troppo piccoli, quindi crescono in età adolescenziale paragonandosi agli attori del porno e pensando di essere assolutamente inadeguati dal punto di vista della genitalità».

Dal punto di vista psicologico quanto incide e che danni può portare?

«Il riferimento al porno incide tantissimo. Loro non hanno i rudimenti della funzione sessuale. Non hanno un adulto di riferimento che sia un insegnante o un genitore perché hanno pudore, hanno vergogna. Quindi parlano tra di loro raccontandosi false informazioni che poi corrono sul filo della rete e diventano quasi delle verità».

Perché secondo lei gli uomini, ragazzi e adulti, hanno così difficoltà a parlare di queste tematiche?

«Hanno difficoltà perché in realtà per l’uomo l’identità fallica, l’identità maschile in generale, corrisponde con l’erezione, con la genitalità. Quindi quando hanno una defezione rispetto alla loro salute sessuale che può essere un’eiaculazione precoce, per esempio, o un deficit erettivo, ovviamente viene ad essere inficiata totalmente l’identità maschile perché c’è un’identificazione nel disturbo sessuale. Quindi un uomo, soprattutto un ragazzo che non ha uno storico sessuale ma che ha una problematica sessuale non è un paziente che ha un disturbo sessuale ma è un paziente che è una disfunzione sessuale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
FIMMG, Scotti fa bilancio del Congresso: «Dignità per MMG. Formazione sia centralizzata. Leghiamo redditività medici a salute pazienti»
Il segretario della Federazione dei medici di Famiglia continua a invocare risorse per il settore «o i cittadini rischiano di dover pagare servizio sanitario». Rapporto tra spesa sanitaria e Pil «non scenda sotto il 6,5% come dice l’OMS»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila