Salute 9 Agosto 2018 09:34

Disturbi sessuali, Randone (psicosessuologa): «Ragazzi crescono a pane e pornografia e credono a fake news. Serve educazione sessuale»

«Giovani non vanno dall’andrologo nè dal sessuologo, non hanno punti di riferimento», spiega la sessuologa a Sanità Informazione

Disturbi sessuali, Randone (psicosessuologa): «Ragazzi crescono a pane e pornografia e credono a fake news. Serve educazione sessuale»

Le disfunzioni sessuali maschili riguardano riguardano milioni di italiani. Nonostante una larga fetta della popolazione sia colpita da questi disturbi, si fa fatica a parlarne. Un blocco psicologico spesso legato a motivazioni culturali e sociali, un blocco che ha origine psicologica e che spesso impedisce al paziente di trovare la giusta soluzione. Ne abbiamo parlato con la psicosessuologa Valeria Randone incontrata al Congresso Frontiers in Genito-Urinary Reconstruction al Policlinico Tor Vergata.

Dottoressa, siamo al convegno sulla chirurgia uro-genitale. Un’occasione per parlare anche dei problemi di natura psicologica perché tanti uomini hanno difficoltà a parlare di queste cose, non vanno dall’urologo o dall’andrologo e spesso i problemi finiscono per aumentare, magari usano metodi non utili, non efficace. Allora qual è lo stato dell’arte?

«Molti uomini, non soltanto uomini di una certa età, ma anche molti ragazzi, hanno difficoltà a parlare di problematiche sessuologiche. Non vanno né dall’andrologo né tantomeno dal sessuologo clinico, rimangono imbrigliati dentro queste difficoltà, per esempio l’ansia da prestazione che è veramente dilagante tra i giovani che non chiedono aiuto. Solitamente in Italia è assente l’educazione sessuale e questi ragazzi si formano con la pornografia. Questi ragazzi crescono a pane e pornografia. Hanno dei miti e dei punti di riferimento assolutamente inadeguati, come per esempio Rocco Siffredi. Quindi con due variabili: quello della durata del rapporto sessuale e quello della dimensione, assolutamente non aderenti alla realtà clinica».

Spesso si cresce anche con dei complessi che non dovrebbero esistere…

«Uno dei complessi più frequenti è la famosa sindrome da spogliatoio, la dismorfofobia peniena. Quando questi ragazzi sono convinti di avere dei genitali troppo piccoli, quindi crescono in età adolescenziale paragonandosi agli attori del porno e pensando di essere assolutamente inadeguati dal punto di vista della genitalità».

Dal punto di vista psicologico quanto incide e che danni può portare?

«Il riferimento al porno incide tantissimo. Loro non hanno i rudimenti della funzione sessuale. Non hanno un adulto di riferimento che sia un insegnante o un genitore perché hanno pudore, hanno vergogna. Quindi parlano tra di loro raccontandosi false informazioni che poi corrono sul filo della rete e diventano quasi delle verità».

Perché secondo lei gli uomini, ragazzi e adulti, hanno così difficoltà a parlare di queste tematiche?

«Hanno difficoltà perché in realtà per l’uomo l’identità fallica, l’identità maschile in generale, corrisponde con l’erezione, con la genitalità. Quindi quando hanno una defezione rispetto alla loro salute sessuale che può essere un’eiaculazione precoce, per esempio, o un deficit erettivo, ovviamente viene ad essere inficiata totalmente l’identità maschile perché c’è un’identificazione nel disturbo sessuale. Quindi un uomo, soprattutto un ragazzo che non ha uno storico sessuale ma che ha una problematica sessuale non è un paziente che ha un disturbo sessuale ma è un paziente che è una disfunzione sessuale».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Piano di Ripresa e Resilienza, via libera definitivo al Senato. La politica dà i voti alle misure sulla sanità
Il rafforzamento della medicina territoriale convince tutti i partiti, ma non mancano i distinguo. Castellone (M5S): «Grande assente la riforma del 118». Binetti (Udc): «Guai a dimenticare le patologie non Covid». Bocciatura da Fratelli d’Italia
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Donne in sanità, sondaggio Fials fotografa condizione femminile nelle Aziende sanitarie
“Quale parità di genere sui luoghi di lavoro in sanità” il sondaggio di Fials
Valerii (Censis): «Servono 58mila medici e 72mila infermieri per rafforzare la sanità del futuro»
I cantieri per la sanità del futuro: presentato il progetto Censis in collaborazione con Janssen Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...