Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Malattie e terapie 8 Aprile 2022

Steatosi epatica o fegato grasso: come si cura?

La steatosi epatica è una condizione che spesso non dà sintomi eppure è molto frequente. Ne soffre, infatti, un italiano su tre. Vediamo di cosa si tratta con la dottoressa Paola Battisti

Il fegato è la più grande ghiandola del nostro corpo, fondamentale per il metabolismo umano. Svolge numerose funzioni: dalla digestione degli alimenti alla difesa dell’organismo fino all’eliminazione delle sostanze tossiche. Un fegato in buona salute è indispensabile a tutto l’organismo.

Malattie del fegato

«Oggi – spiega Paola Battisti, Responsabile UOSD medicina interna ad indirizzo dismetabolico dell’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma – è cambiata l’epidemiologia delle malattie del fegato. Prima c’era una prevalenza di epatiti gravi; ora, grazie ai farmaci e ai progressi scientifici si sono ridotte ma aumentano le epatopatie metaboliche. Parliamo della steatosi epatica e della steatoepatite. Alla UOSD che dirigo – prosegue la dottoressa nell’intervista al nostro giornale – è annesso il servizio di epatologia dove da anni curiamo i pazienti affetti da malattie del fegato. Costituiscono circa il 20% dei ricoveri nei reparti di medicina interna e dal 2019 abbiamo istituito un percorso a loro dedicato. I pazienti arrivano dalla medicina territoriale, dal Pronto Soccorso o dagli altri reparti e vengono indirizzati all’ambulatorio per un inquadramento diagnostico e terapeutico».

Le epatopatie metaboliche

«La gestione è multidisciplinare: l’epatologo coordina il servizio con la collaborazione della UOSD di radiologia, radiologia interventistica e gastroenterologia. L’Unità operativa si occupa di tutte le patologie del fegato – compreso l’epatocarcinoma – ma prevalentemente della parte dismetabolica. Quindi, dei pazienti che presentano patologie internistiche complesse ed endocrino-metaboliche. Le complicanze del diabete mellito, nefropatia diabetica, piede diabetico, obesità e sindrome metabolica complicate. Vediamo 900 pazienti l’anno, di cui circa il 70-80% con queste problematiche».

Cos’è la steatosi epatica?

La steatosi, o fegato grasso, è una condizione caratterizzata dall’accumulo di grassi (trigliceridi) nel fegato. «Se il peso dei grassi supera del 5% il peso del fegato si parla di steatosi epatica – spiega la dottoressa -. Una condizione che colpisce, di solito, tra i 40 e 60 anni di età; tuttavia, l’incidenza sta salendo anche tra bambini e giovani. Le cause – aggiunge – sono dovute a meccanismi legati alla disfunzione del tessuto adiposo che determina l’accumulo di grasso. In una percentuale di pazienti compresa tra il 2 e il 5% l’eccesso di grasso porta ad una infiammazione del fegato, la fibrosi, il danno epatico vero e proprio che si manifesterà, alle analisi del sangue, con un’alterazione degli enzimi epatici». Nel 10% dei casi la steatosi epatica degenera in steatoepatite, caratterizzata da infiammazione e rischio di cirrosi con conseguenze sulla funzionalità.

I fattori di rischio

Il fegato grasso, quindi, può dipendere da diversi fattori:

  • Sovrappeso, obesità, insulinoresistenza
  • Alimentazione errata, ricca di grassi
  • Consumo eccessivo di alcolici
  • Elevati livelli di trigliceridi e colesterolo nel sangue
  • Diabete di tipo II
  • Squilibri ormonali
  • Diete estreme e malnutrizione

Sintomi e diagnosi: ne soffre un italiano su tre

«La diagnosi è abbastanza semplice perché in genere si riscontra con una semplice ecografia del fegato, il fibroscan, che valuta il livello di fibrosi. Non ci sono sintomi specifici – evidenzia la dottoressa – se non quando la malattia è già avanzata». Si stima che un italiano su tre soffra di steatosi epatica, ma spesso scopre la condizione solo quando si sottopone all’ecografia dell’addome. Per questo è importante sottoporsi regolarmente a esami diagnostici.

Prevenzione e terapie

La prevenzione è l’arma principale: un’alimentazione troppo ricca di calorie è la prima causa di fegato grasso.  «Gli interventi – sottolinea la dottoressa – sono prevalentemente di tipo preventivo. Si deve lavorare sullo stile di vita del paziente curando le patologie metaboliche associate. Dieta sana e attività fisica – 10mila passi al giorno – sono fondamentali per ridurre il rischio anche in età scolare e adolescenza. Ma il paziente, sentendosi abbastanza bene, spesso non riesce a controllare lo stile di vita».

Dunque, per prevenire la steatosi è bene:

  • Seguire un’alimentazione povera di grassi, carboidrati, cibi raffinati, carne rossa, latticini e zuccheri
  • Ridurre il consumo di alcolici, mangiare più frutta, verdura e pesce
  • Perdere peso
  • Prediligere cereali integrali, olio evo
  • Condurre uno stile di vita più sano, con un’attività fisica regolare e moderata

Ad oggi – conclude la dottoressa – non esiste un trattamento farmacologico specifico per il fegato grasso, che può curare la malattia. Tuttavia, farmaci molto promettenti sono in fase di studio. In alcuni casi le terapie per il diabete sono efficaci anche per la steatosi. E alcuni studi hanno dimostrato anche che la vitamina E può essere efficace nel ridurre il grado di infiammazione nel fegato».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali