Salute 20 Luglio 2020 10:54

Dal trapianto arrivano più certezze per la cura del tumore al fegato

Lo studio dell’Istituto dei Tumori di Milano, guidato dal professor Mazzaferro ha evidenziato che il 76,8% dei pazienti epatici, a cinque anni dall’intervento, è libero da tumore e recidive, mentre solo il 18,3% di chi ha continuato con le cure convenzionali è sopravvissuto

di Federica Bosco
Dal trapianto arrivano più certezze per la cura del tumore al fegato

Importante passo avanti della scienza nella battaglia contro il tumore epatico. Una speranza arriva dal trapianto di fegato come confermano i dati di uno studio realizzato dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, appena pubblicato sulla prestigiosa rivista The Lancet Oncology. Al lavoro hanno preso parte 74 pazienti tra i 18 e i 65 anni di età con carcinoma epatocellulare, senza metastasi, sottoposti a varie terapie per ridurre le dimensioni del tumore. I malati sono stati suddivisi in due gruppi, il primo è stato sottoposto al trapianto di fegato e il secondo ha continuato ad essere seguito con le altre terapie non chirurgiche disponibili. I risultati avuti hanno dato chiare indicazioni: il 76,8% dei pazienti sottoposto a trapianto è risultato essere, a cinque anni dall’intervento, libero dal tumore e da ogni recidiva, mentre solo il 18,3% di chi ha fatto le terapie convenzionali (chemioterapia, radio, ablazione etc) è sopravvissuto.

«Si tratta del primo studio randomizzato che utilizza il trapianto di fegato come cura sperimentale da testare. – spiega il professor Vincenzo Mazzaferro, direttore della Struttura Complessa di Chirurgia generale a indirizzo oncologico 1 (Epato-gastro-pancreatico e Trapianto di Fegato), ideatore e coordinatore della ricerca -.  Lo studio nasce nove anni fa sulla scia di un intenso dibattito sull’opportunità o meno di destinare un organo ad un paziente oncologico. Ne è scaturita una questione etica che è stata messa a tacere con i risultati. È vero che sulla carta le probabilità di sopravvivenza senza un trapianto per chi ha un tumore epatocellulare è un po’ più alta nel medio termine rispetto ad un soggetto con malattie terminali non-tumorali del fegato, come cirrosi o insufficienza epatica cronica, ma è altrettanto vero, e qui i numeri hanno messo tutti a tacere, che il trapianto nei pazienti con tumore epatocellulare è risolutivo in moltissimi casi».

TRAPIANTO DI FEGATO: NUOVO STANDARD?

Stabilito che il trapianto può essere un prezioso alleato della medicina nel trattamento del tumore del fegato, è importante capire fino a che punto è possibile azzardare questo tipo di intervento. Il professor Mazzaferro non ha dubbi al riguardo: «Il percorso intrapreso, lungo e faticoso, ha visto la partecipazione di nove grandi ospedali italiani, dove ci sono centri di eccellenza nelle cure epatiche. Ne è emerso un iter chiaro che diventerà il nuovo standard. Il paziente verrà sottoposto a cure tradizionali per il tumore epatico e poi, se tali cure saranno sufficientemente efficaci potrà entrare in lista per il trapianto. Il cambio di passo sta proprio qui. Prima si facevano le cure tradizionali osservandone l’esito non sempre brillante, oggi alla terapia farmacologica e loco-regionale è possibile aggiungere il trapianto. Mentre in passato la scelta del trapianto era considerata un’ultima spiaggia, oggi è una opportunità che si offre al paziente, faticosa ma risolutiva».

«Per questa ragione è fondamentale affidarsi ad un centro di eccellenza – ammette il coordinatore dello studio – per evitare di bruciare delle opportunità in centri con poca esperienza e mettere a repentaglio il buon esito finale perché, come dimostrato dallo studio, i tre quarti dei pazienti trapiantati guariscono definitivamente e hanno una eccellente qualità della vita».

Gli ospedali a partecipare sono stati: l’Istituto Nazionale dei Tumori IRCCS di Milano con il Dipartimento di Oncologia dell’Università di Milano, l’Ospedale Cà Granda di Niguarda con l’Università Bicocca, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, la Città della Salute e della Scienza e l’Università di Torino, l’Ospedale Maggiore Policlinico IRCCS di Milano, l’Ospedale e l’Università Politecnica di Ancona, l’Università Tor Vergata e la Sapienza di Roma, l’ISMETT di Palermo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Sclerosi multipla, la terapia con cellule staminali può rallentare la progressione della malattia recidivante
Un gruppo di ricercatori svedesi ha valutata la sicurezza e l’efficacia della terapia con cellule staminali quando utilizzata come trattamento di routine piuttosto che in condizioni di sperimentazione clinica. I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
Trapianto: nuovo dispositivo monitora i primi segni di rigetto
È più piccolo di una moneta, ma ha enormi potenzialità per coloro che subiscono un trapianto. Si tratta del primo dispositivo elettronico, messo a punto dai ricercatori della Northwestern University, che è in grado di monitorare in modo continuo la salute degli organi trapiantati in tempo reale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

XVIII Giornata europea dei diritti del malato. Contro la desertificazione sanitaria serve un’alleanza tra professionisti, cittadini e istituzioni

La carenza di servizi sul territorio, la penuria di alcune specifiche figure professionali , la distanza dai luoghi di salute in particolare nelle aree interne del Paese, periferiche e ultraperiferich...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...