Salute 8 Luglio 2020 09:37

Ortopedia, ecco perché il trapianto di osso da cadavere è da preferire alle protesi

Alla Clinica Ortopedica del Policlinico Vanvitelli di Napoli eseguito con successo un raro trapianto di intero emipiatto tibiale da cadavere. Gli esperti: «Migliora la qualità della vita del paziente ed evita la sostituzione della protesi ogni 10 anni»

Ortopedia, ecco perché il trapianto di osso da cadavere è da preferire alle protesi

In ambito ortopedico, evitare il ricorso a protesi artificiali in favore di trapianti di segmenti di osso espiantati da cadavere è la strada preferibile in termini di outcome per il paziente. Una tecnica ancora poco usata, che richiede competenze avanzate ma che si basa su un approccio medico che predilige la miglior qualità di vita possibile per il paziente, coniugandola con tecniche moderne e innovative, garantendo un intervento ritagliato “su misura” e durevole nel tempo, a differenza delle protesi artificiali che devono essere sostituite ogni 10 – 15 anni. In quest’ottica si inserisce il trapianto di emipiatto tibiale da cadavere, con ricostruzione plastica dell’arto, effettuato con successo nei giorni scorsi dal giovane team della Clinica Ortopedica dell’AOU “Luigi Vanvitelli” di Napoli.

Un tipo di operazione molto rara, effettuata su un paziente di 33 anni che, a seguito di un incidente avvenuto nel 2018, aveva riportato una frattura da infossamento dell’emipiatto tibiale esterno, mal consolidata e causa di gravi limitazioni funzionali. Intorno al tavolo operatorio ha lavorato una equipe multidisciplinare guidata dal professor Alfredo Schiavone Panni composta dai dottori Giuseppe Toro, Adriano Braile, Annalisa De Cicco, Giovanni Landi, dall’anestesista, il dottor Ciro Mattiello, e dal gruppo infermieristico.

«La nostra proposta chirurgica, accettata dal paziente, è stata quella di effettuare un trapianto osteocondrale dell’intero emipiatto tibiale, comprensivo di menisco, da donatore cadavere» spiega il professor Alfredo Schiavone Panni, direttore della Clinica Ortopedica del Policlinico. E aggiunge: «Dopo un accurato planning pre-operatorio, necessario per la corretta scelta di tutte le fasi chirurgiche, l’intervento ha previsto la rimozione dei vecchi mezzi di sintesi, la resezione dell’emipiatto tibiale originario e l’impianto del trapianto opportunamente preparato e conformato secondo il morfotipo del paziente ricevente».

Come si struttura questa tecnica di trapianto? Quali sono i requisiti, i vantaggi e le controindicazioni? Ce lo ha spiegato il dottor Giuseppe Toro, specialista in Ortopedia e Traumatologia e ricercatore presso la Clinica Vanvitelli, che ha materialmente eseguito l’intervento in questione: «In fase preoperatoria abbiamo fornito alla Banca dell’Osso i parametri relativi al paziente, età peso, altezza e misure dell’osso, così da permettere la ricerca di un donatore compatibile. La pianificazione che precede l’intervento – spiega Toro – deve essere molto attenta. Per un intervento del genere sono necessarie circa 5 ore, contro l’ora e mezza che richiede l’impianto di una protesi artificiale. Nel primo caso, infatti, l’intervento è a mano libera del chirurgo, non si ha alcun tipo di guida o supporto tecnologico, soprattutto bisogna adattare il segmento osseo espiantato alla morfologia del paziente. Nel secondo caso invece – prosegue il giovane medico – le misure della protesi sono standard e soprattutto si è tele-guidati».

È importante tener presente che il trapianto di segmenti ossei non causa rigetto, a differenza di quanto avviene con i trapianti di organi. «Il tessuto osseo viene comunque trattato dalla Banca dell’Osso prima di essere trapiantato, in modo da eliminare batteri e impurità. Inoltre – conclude – l’osso del paziente si ricostituisce su quello trapiantato, inglobandolo a sé in modo assolutamente fisiologico».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
L’ortopedia ai tempi del Covid, Grasso (Sicoop): «Il peggio è alle spalle. Ora conviviamo con le difficoltà del momento»
Il Presidente della Società Italiana Chirurghi Ortopedici dell’Ospedalità Privata ai microfoni di Sanità Informazione: «Molti colleghi chiamati a coprire altre mansioni. È dura rimettersi a leggere i libri dell’università per dare supporto ai pazienti»
Ortopedia e ricerca, il futuro è nella Medicina Rigenerativa?
Il 10% degli over 65 soffre di artrosi. Causata dall’invecchiamento o dallo stress dovuto ad intensa attività sportiva, da microlesioni o fratture, ma anche dalla genetica, in questi ultimi anni si è affacciata una nuova possibilità per impedirne l’ulteriore deterioramento e favorire l’autorigenerazione dei tessuti. Parliamo della Medicina Rigenerativa, l’ultima frontiera terapeutica contro le malattie cronico-degenerative della […]
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Al Meyer bimba positiva al Covid-19 con grave leucemia riceve trapianto di cellule staminali
Una storia di grande coraggio da parte dell'equipe dell'ospedale fiorentino, che andava incontro a un caso senza precedenti in Italia. La bimba era positiva a Covid da marzo e ha ricevuto un trapianto di cellule staminali dal padre
Dal trapianto arrivano più certezze per la cura del tumore al fegato
Lo studio dell’Istituto dei Tumori di Milano, guidato dal professor Mazzaferro ha evidenziato che il 76,8% dei pazienti epatici, a cinque anni dall’intervento, è libero da tumore e recidive, mentre solo il 18,3% di chi ha continuato con le cure convenzionali è sopravvissuto
di Federica Bosco
Bambin Gesù, trapianto di midollo riuscito per il bimbo positivo al Covid-19
Il bambino di 6 anni, affetto da leucemia linfoblastica acuta, era stato sottoposto al trattamento con plasma ottenuto da un soggetto guarito dall’infezione virale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...