Salute 18 Aprile 2019

Trapianto fegato-rene in due momenti diversi, al Niguarda il primo in Italia. De Carlis: «Intervento complesso, ecco come abbiamo fatto»

Il direttore dell’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dell’ospedale milanese racconta a Sanità Informazione la difficile operazione su una donna affetta da malattia policistica: «Scelta obbligata, la donna era in ipotermia. L’organo pesava intorno ai 13/14 chilogrammi». Il rene tenuto in funzione da una macchina di perfusione

di Federica Bosco
Immagine articolo

Per la prima volta in Italia, all’ospedale Niguarda di Milano è stato portato a termine con successo un doppio trapianto fegato-rene in due momenti differenti su una paziente di 53 anni affetta da policistosi epatorenale, una patologia che induce una crescita fuori controllo sia del fegato che dei reni. A realizzare il duplice intervento, con questa tecnica americana ideata ad Indianapolis, ma mai utilizzata prima d’ora in Italia, è stata l’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dal professor Luciano De Carlis che ha parlato a Sanità Informazione.

Professore, di cosa si tratta?

«La novità e l’eccezionalità dell’intervento stanno nella sequenzialità del trapianto, prima di fegato e, a distanza di due giorni, di rene. Questa è stata una decisione che ho preso dopo il primo trapianto di fegato reso necessario per una malattia policistica che ha compromesso la funzionalità dell’organo causandone un ingrossamento di proporzioni notevoli. Questo è stato un intervento estremamente difficile perché l’organo della donna pesava intorno ai 13/14 chilogrammi, per cui abbiamo usato una circolazione extracorporea, come fosse un intervento di cardiochirurgia, e farmaci, amine, vasi costrittori per mantenere la pressione adeguata. Non è stato facile perché era in corso una ipotermia – la malata era intorno ai 30 gradi – quando abbiamo finito l’intervento, perciò non era in condizioni ideali per sopportare in quel momento anche un trapianto di rene».

Solo in quel momento ha deciso di adottare una tecnica nuova, ideata negli Stati Uniti, ad Indianapolis, e mai utilizzata in Italia?

«Proprio così, perché un rene per poter funzionare ha bisogno di una situazione aerodinamica ottimale per cui ho deciso nella circostanza di usare questa macchina di perfusione – machine perfusion – e aspettare in rianimazione che la paziente riprendesse le condizioni ottimali per il secondo trapianto. Questo è avvenuto dopo due giorni. Il rene è rimasto 54 ore in questa macchina di perfusione che è un tempo di ischemia fredda estremamente prolungato per cui tale da dare anche dei grossi problemi, ma nella circostanza era la soluzione migliore e le macchine hanno consentito di mantenere questa funzione e, una volta effettuato il secondo trapianto ed impiantati i vasi, il rene ha ripreso la sua funzione già sul tavolo operatorio, quindi è stata una ripresa immediata».

Con quali risultati?

«Il vantaggio è stato duplice: sia per la macchina di profusione che ha consentito la rigenerazione e la tempistica prolungata, sia per la paziente affinché arrivasse in condizioni non critiche al secondo intervento, come invece erano dopo il trapianto di fegato».

I due organi sono dello stesso donatore?

«Il vantaggio è proprio questo, il fatto di utilizzare due organi di uno stesso donatore, ci pone difronte a dei vantaggi immunologici non indifferenti, perché il sistema immunitario riconosce questi organi come non suoi, ma come provenienti da un donatore unico. Tra l’altro donatore unico con cui è stato appurato un grado di compatibilità ottimale. Il fatto di avere due donatori distinti, infatti, avrebbe fatto confondere il sistema immunitario, generando più facilmente fenomeni di rigetto pericolosi».

Il decorso post-operatorio come sta andando?

«Assolutamente bene, è un percorso regolarissimo compatibilmente con le terapie immunosoppressive che sta seguendo la paziente, ma tutto sta andando per il meglio e la donna verrà dimessa a breve».

Articoli correlati
Donazione organi, firmato il regolamento sul Sistema informativo trapianti (Sit). Grillo: «Era atteso da vent’anni»
Il Sit regolamenta la tracciabilità e la trasparenza dell’intero processo di donazione-prelievo-trapianto di organi
Dotto di Botallo, al Niguarda i primi interventi su neonati prematuri per chiuderlo con procedura mininvasiva
Il dottor Vignati, responsabile della Cardiologia Pediatrica dell'ospedale: «Introducendo un sondino nella vena della gamba chiudiamo il dotto di Botallo nei neonati prematuri, evitando problematiche importanti a livello cardiocircolatorio e respiratorio»
di Federica Bosco
Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91
L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»
Abbiamo visitato i reparti dell’ISMETT, centro di eccellenza per i trapianti e punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo. Per i prossimi 10 anni, continuerà ad essere co-gestito dalla Regione Sicilia e dal centro medico dell’Università di Pittsburgh. Un partner privato che, a detta della dottoressa Di Benedetto, «fa la differenza»
Prelievo multiorgano all’ospedale di Matera
Nelle sale operatorie dell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera è stato effettuato un prelievo multiorgano a scopo di trapianto su un uomo di 66 anni. Le squadre di medici che hanno preso parte all’intervento sono giunte da Palermo e da Roma. È stato prelevato e trapiantato con successo il fegato ad un paziente del Lazio, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone