Salute 20 Aprile 2021 11:29

Al Policlinico di Milano un trapianto domino di fegato salva due vite

L’intervento durato 18 ore ha coinvolto 40 professionisti ed è stato coordinato dal professor Rossi, direttore di Chirurgia Generale: «Lavoro eccezionale perché eseguito in un momento critico per la sanità. Nonostante l’emergenza Covid, tutto l’ospedale coinvolto nella lunga maratona per il doppio trapianto»

di Federica Bosco

Un solo fegato per salvare due vite: è quanto accaduto con un ‘”trapianto domino” alla Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano che si conferma centro di eccellenza nei trapianti, dove il professor Giorgio Rossi, direttore di Chirurgia Generale e Trapianti di fegato, con il suo staff, ha salvato la vita a due uomini con un intervento multiplo che si è tenuto lo scorso 17 marzo.

«Avevamo un giovane paziente affetto da leucinosi, la cosiddetta malattia con le urina a sciroppo d’acero, in cui il fegato è sano ma in determinati individui non produce un enzima che serve per metabolizzare gli aminoacidi ramificati – ha raccontato il professor Rossi -. Questo determina una situazione di sofferenza perché il paziente deve adeguarsi a diete strettissime ed è a rischio di complicanze neurologiche e respiratorie, e quindi necessita di un trapianto. Nello specifico il fegato, prelevato da un donatore cadavere e messo nell’organismo del paziente con leucinosi, porta con sé una quota dell’enzima mancante al ricevente che, con il nuovo organo, sarà in grado di metabolizzare gli aminoacidi».

«Al tempo stesso – ha continuato il professore – il fegato che si esporta al paziente con leucinosi è integro, pur non avendo l’enzima che produce aminoacidi, quindi può essere a sua volta trapiantato in un altro soggetto in attesa di trapianto per qualsiasi causa epatica, come tumore o cirrosi, ma in grado di produrre quell’enzima. In questo modo con un solo donatore cadavere è possibile effettuare in sequenza due trapianti».

Coinvolti 40 professionisti e 10 reparti

Da tempo il giovane affetto da leucinosi era in lista d’attesa per un trapianto e quando il 17 marzo scorso è arrivata la notizia della disponibilità di un fegato compatibile la macchina del centro trapianti della Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano si è messa in moto.

Alle sei del mattino si sono aperte le sale operatorie per effettuare i tre interventi in sequenza. Dapprima è stato prelevato il fegato dal paziente con leucinosi, quindi è stato effettuato il primo trapianto allo stesso paziente con il fegato disponibile per il trapianto. Subito dopo il fegato esportato al paziente con leucinosi è stato trapiantato su un altro paziente.

L’intervento ha coinvolto 40 professionisti, oltre ai chirurghi guidati da Giorgio Rossi: la Rianimazione e Terapia intensiva, la Gastroenterologia ed Epatologia, la Radiologia, il Laboratorio Centrale, la Direzione delle Professioni Sanitarie, il Centro Trasfusionale e il Malattie Rare Center del Policlinico, oltre che l’Azienda Regionale Emergenza Urgenza di Regione Lombardia, la Centrale operativa del Centro Nazionale Trapianti e il Coordinamento Trapianti del Nord Italia Transplant program.

Una maratona di 18 ore per restituire la vita a due pazienti

Una maratona di 18 ore conclusasi all’una di notte che ha impegnato tutto l’ospedale per restituire la vita al ragazzo di 27 anni affetto dalla rara malattia genetica e ad un uomo in attesa di un organo compatibile. «A rendere così particolare questo evento non è stato solo il trapianto domino per una malattia metabolica piuttosto rara – ha aggiunto il direttore di chirurgia generale del Policlinico di Milano -, ma il fatto che si è riusciti a farlo in un momento molto critico per la sanità e per l’ospedale, che invece ha dimostrato di saper superare queste difficoltà con un lavoro corale. Significa aver coinvolto e organizzato il lavoro di centinaia di persone in poche ore, in perfetta sincronia, che si è concluso con un successo per entrambi i pazienti».

Rientrati a casa dopo la degenza per i due uomini protagonisti del trapianto domino è iniziata una nuova vita, resa possibile dalla generosità che è la spinta propulsiva di ogni donazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il Cnt al congresso della società europea dei trapianti, Cardillo: «Italia conferma leadership internazionale»
L'autorità competente italiana presente a Milano con 18 tra progetti e studi. Il direttore: «Più integrazione con ospedale e territorio»
Che cos’è il sangue raro, chi lo dona e dove viene conservato
La Banca del sangue raro della Lombardia conserva 2000 sacche e dopo aver fatto fronte alla maggiore richiesta durante la pandemia lavora per incrementare il numero di donatori anche non caucasici e per creare una banca nazionale in grado di competere con l’Europa
di Federica Bosco
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Trapianti, Biotest dona 100mila euro al CNT. L’Ad Audisio: «Scienza fatta con passione vince sempre»
Un aiuto al mondo dei trapianti, che ha subito una leggera flessione durante la pandemia. Biotest Italia, che opera da anni in questo campo, dona 100mila euro. Con l'Ad Silvio Audisio parliamo del ruolo delle case farmaceutiche in questo momento storico
Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»
Con il segretario dell'Associazione emo-dializzati Lazio parliamo di trapianti e pandemia: le operazioni rimandate, le differenze regionali sui vaccini e le richieste urgenti che la comunità di pazienti rivolge al Sistema sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco