Salute 17 Marzo 2022 13:11

AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»

«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l’evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni

AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»

Dai recenti dati forniti dall’International Diabetes Federation (Federazione internazionale del Diabete), si stima che i pazienti diabetici siano 537 milioni su tutto il pianeta. In Europa, il numero di persone affette da diabete è cresciuto del 28% in sei anni. Negli ultimi venti, c’è stato un incremento del 60%, superando i 4 milioni e mezzo. Inoltre, si calcola che più di un milione non ne sia al corrente.

«Un dato epidemiologico drammatico – spiega a Sanità Informazione Silvio Settembrini – medico diabetologo a Napoli e Consigliere dell’Associazione Medici Endocrinologi Italiani (AME) – con una previsione di aumento esponenziale al 2030-2045». I pazienti diabetici aumentano «in modo preoccupante. in due anni, dall’ultimo report, ci sono stati più di 74 milioni di nuovi malati» ammette.

Diabete, Settembrini: «Con farmaci moderni e innovativi arrestiamo la malattia»

Le cause sono molteplici: invecchiamento, comorbidità, alimentazione e stili di vita scorretti. Nell’assistenza e cura ai pazienti con diabete sono stati fatti grandi progressi, ma si può fare ancora molto. «Quella del diabete è attualmente una pandemia in crescita – prosegue il dottor Settembrini -. La questione si gioca tutta sull’impiego precoce di farmaci moderni e innovativi capaci di arrestare la progressione di malattia ed impedire le complicanze. Si tratta di terapie farmacologiche in grado di intercettare i meccanismi di malattia e proteggere il paziente dalle complicazioni che provoca il diabete stesso. Cardiovascolari, cerebrali, visive, renali. Parliamo di due classi di farmaci recenti: gli SGLT2 inibitori e GLP-1 agonisti».

Questi nuovi farmaci migliorano i parametri di rischio cardiovascolare, la perdita di peso, la riduzione della pressione arteriosa e la funzionalità renale. «Oggi possiamo intercettare l’evoluzione di malattia, arrestarla – continua Settembrini -. Recenti evidenze ci consentono di dire che possiamo anche far regredire la malattia purché questi farmaci vengano impiegati in maniera precoce. Purché si associno stile vita corretto, educazione alimentare, esercizio fisico e ambiente sano. Una terapia farmacologica mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre due aspetti fondamentali: la mortalità legata alle complicanze e le ospedalizzazioni.

VI AME Diabetes Update a Napoli

Da queste considerazioni prende il via il VI convegno AME Diabetes Update in programma a Napoli (Hotel Continental) da giovedì 17 marzo a sabato 19 marzo. Una tre giorni ricca di incontri in cui 200 endocrinologi parleranno di innovazioni in ambito diabetologico ma anche nuovi trattamenti per la dislipidemia e l’obesità con uno spazio alle complicanze meno note del diabete mellito. «Nel congresso analizzeremo i fattori di rischio per il diabete: sovrappeso e obesità, ipertensione arteriosa, dislipidemia, stato infiammatorio. I diabetici, specie se obesi, muoiono di infarto del miocardio, ictus, scompenso cardiaco o per le conseguenze dell’insufficienza renale avanzata. Nell’arco del congresso analizzeremo tanti aspetti che saranno dibattuti all’interno di un programma ricco e articolato».

La premessa, secondo Settembrini per un’ampia riorganizzazione del SSN e dell’assistenza diabetica. Un sistema che preveda un approccio multidisciplinare al paziente diabetico «che oltre allo specialista deve essere seguito da cardiologo, nefrologo, neurologo, oculista, urologo e mmg che lo indirizza a una prima diagnosi». Le patologie croniche una sfida complessa per il SSN perché comportano un significativo impatto in termini epidemiologici ma anche economici. «I dati sul diabete devono far riflettere e i governi dovranno indirizzare le politiche di prevenzione per ridurre un trend epidemiologico ormai da anni praticamente inarrestabile. La priorità è ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l’evoluzione e le complicanze della malattia e, chiaramente, la mortalità».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Talent Identification cycling Camp, in Toscana per scoprire giovani talenti del ciclismo con diabete
Novo Nordisk, prima squadra internazionale composta interamente da atleti con diabete, ha convocato 25 giovani ciclisti tra i 15 e i 18 anni provenienti da tutto il mondo per misurare le loro capacità sportive ma anche per valutare la loro tenuta psicologica e scegliere i campioni di domani
«Coinvolgeteci nei processi decisionali sui farmaci come fa EMA». La richiesta di 43 associazioni dei pazienti ad AIFA
Per Annamaria Mancuso, Coordinatrice del Gruppo “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, «occorre trasparenza, vogliamo capire come vengono assunte alcune decisioni che incidono sulle nostre vite». L’EMA ha istituzionalizzato il coinvolgimento già dal 2005
di Francesco Torre
Tobia (Federfarma): «Garantire ai cittadini europei equo accesso a farmaci»
Si è tenuto oggi a Roma il simposio annuale PGEU, nell'ambito del quale si è discusso della nuova regolamentazione sui farmaci dell'Unione Europea
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Diabete e Sars-CoV-2: una relazione pericolosa. Con la minaccia del Long Covid
L’intervista al presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID): «Le persone con diabete e obese che contraggono l‘infezione hanno un rischio di andare in ospedale, in rianimazione e morire dalle 2 alle 4 volte più alto. Il Long Covid può aumentare i livelli di glucosio nel sangue tra le persone con diabete di tipo 1 e 2». Vediamo perché
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali