Salute 17 Marzo 2022 13:11

AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»

«Una terapia mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l’evoluzione, le complicanze e la mortalità». Focus sul diabete mellito, la tre giorni in programma a Napoli dal 17 al 19 marzo sarà ricca di spunti, approfondimenti e discussioni

AME Diabetes Update, Settembrini: «Pandemia in crescita. Spazio a farmaci moderni e innovativi»

Dai recenti dati forniti dall’International Diabetes Federation (Federazione internazionale del Diabete), si stima che i pazienti diabetici siano 537 milioni su tutto il pianeta. In Europa, il numero di persone affette da diabete è cresciuto del 28% in sei anni. Negli ultimi venti, c’è stato un incremento del 60%, superando i 4 milioni e mezzo. Inoltre, si calcola che più di un milione non ne sia al corrente.

«Un dato epidemiologico drammatico – spiega a Sanità Informazione Silvio Settembrini – medico diabetologo a Napoli e Consigliere dell’Associazione Medici Endocrinologi Italiani (AME) – con una previsione di aumento esponenziale al 2030-2045». I pazienti diabetici aumentano «in modo preoccupante. in due anni, dall’ultimo report, ci sono stati più di 74 milioni di nuovi malati» ammette.

Diabete, Settembrini: «Con farmaci moderni e innovativi arrestiamo la malattia»

Le cause sono molteplici: invecchiamento, comorbidità, alimentazione e stili di vita scorretti. Nell’assistenza e cura ai pazienti con diabete sono stati fatti grandi progressi, ma si può fare ancora molto. «Quella del diabete è attualmente una pandemia in crescita – prosegue il dottor Settembrini -. La questione si gioca tutta sull’impiego precoce di farmaci moderni e innovativi capaci di arrestare la progressione di malattia ed impedire le complicanze. Si tratta di terapie farmacologiche in grado di intercettare i meccanismi di malattia e proteggere il paziente dalle complicazioni che provoca il diabete stesso. Cardiovascolari, cerebrali, visive, renali. Parliamo di due classi di farmaci recenti: gli SGLT2 inibitori e GLP-1 agonisti».

Questi nuovi farmaci migliorano i parametri di rischio cardiovascolare, la perdita di peso, la riduzione della pressione arteriosa e la funzionalità renale. «Oggi possiamo intercettare l’evoluzione di malattia, arrestarla – continua Settembrini -. Recenti evidenze ci consentono di dire che possiamo anche far regredire la malattia purché questi farmaci vengano impiegati in maniera precoce. Purché si associno stile vita corretto, educazione alimentare, esercizio fisico e ambiente sano. Una terapia farmacologica mirata e precoce con farmaci innovativi permette di ridurre due aspetti fondamentali: la mortalità legata alle complicanze e le ospedalizzazioni.

VI AME Diabetes Update a Napoli

Da queste considerazioni prende il via il VI convegno AME Diabetes Update in programma a Napoli (Hotel Continental) da giovedì 17 marzo a sabato 19 marzo. Una tre giorni ricca di incontri in cui 200 endocrinologi parleranno di innovazioni in ambito diabetologico ma anche nuovi trattamenti per la dislipidemia e l’obesità con uno spazio alle complicanze meno note del diabete mellito. «Nel congresso analizzeremo i fattori di rischio per il diabete: sovrappeso e obesità, ipertensione arteriosa, dislipidemia, stato infiammatorio. I diabetici, specie se obesi, muoiono di infarto del miocardio, ictus, scompenso cardiaco o per le conseguenze dell’insufficienza renale avanzata. Nell’arco del congresso analizzeremo tanti aspetti che saranno dibattuti all’interno di un programma ricco e articolato».

La premessa, secondo Settembrini per un’ampia riorganizzazione del SSN e dell’assistenza diabetica. Un sistema che preveda un approccio multidisciplinare al paziente diabetico «che oltre allo specialista deve essere seguito da cardiologo, nefrologo, neurologo, oculista, urologo e mmg che lo indirizza a una prima diagnosi». Le patologie croniche una sfida complessa per il SSN perché comportano un significativo impatto in termini epidemiologici ma anche economici. «I dati sul diabete devono far riflettere e i governi dovranno indirizzare le politiche di prevenzione per ridurre un trend epidemiologico ormai da anni praticamente inarrestabile. La priorità è ridurre i costi dei ricoveri, bloccare l’evoluzione e le complicanze della malattia e, chiaramente, la mortalità».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Diabete e obesità, le prospettive nel 29esimo congresso della Sid (tra PNRR e formazione)
Intervista al presidente della Società Italiana Diabetologia Agostino Consoli
Diabete, Consoli (Sid): «Diventi priorità sanitaria»
Appello al neoministro della Salute Schillaci dal 29 durante il Congresso Nazionale della Società Italiana di Diabetologia. Oggi apertura dei lavori
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa