Sanità internazionale 21 Dicembre 2021 11:40

Omicron dominante negli USA, OMS: «Nel 2022 la pandemia dovrà finire»

Negli Stati Uniti Omicron è responsabile del 73% delle nuove infezioni, secondo OMS raddoppia le infezioni ogni 1,5 giorni. Per ora sembra che reinfetti vaccinati e guariti in maniera cinque volte superiore, si raccomanda attenzione alle feste

Omicron dominante negli USA, OMS: «Nel 2022 la pandemia dovrà finire»

«Un evento cancellato è meglio di una vita cancellata», lo ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, a capo dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), interpellato sulle festività natalizie. Eventi che solitamente portano a un aumento dei casi e a sistemi sanitari sopraffatti e più in difficoltà. Un rischio concreto ora che la variante Omicron di Covid-19 sembra procedere ancora più spedita della Delta e colpire persone vaccinate e guarite.

Gli effetti di Omicron

La Chief Scientist dell’OMS, Soumya Swaminathan, ha ribadito che sarebbe molto «poco saggio» affidarsi solo ai primissimi dati nel definire questa nuova variante «più moderata». Se si diffonde così rapidamente e inganna l’immunità vaccinale «tutti i sistemi sanitari saranno comunque sotto pressione con i numeri che salgono».

Omicron è ora la versione dominante del coronavirus negli Stati Uniti, hanno detto i funzionari sanitari federali, responsabile del 73% delle nuove infezioni la scorsa settimana. I numeri dei Centers for Disease Control and Prevention hanno mostrato un aumento di quasi sei volte della quota di infezioni di Omicron in una sola settimana.

Reinfezioni per i vaccinati

I primi dati dell’Imperial College di Londra hanno confermato che le reinfezioni sono cinque volte superiori rispetto a quelle che c’erano con la Delta e, per ora, non c’è segno di una maggiore mitezza del virus Omicron. Anche se gli scienziati OMS hanno ricordato che se anche «le difese anticorpali da alcune azioni sono state minate, c’è stata la speranza che le cellule T, il secondo pilastro di una risposta immunitaria, possano prevenire gravi malattie attaccando le cellule umane infette». I vaccini dunque dovrebbero mantenere la loro utilità, mentre sono i monoclonali finora sviluppati che potrebbero non funzionare, secondo Swaminathan.

La pandemia «dovrà finire»

La conferenza OMS si è comunque conclusa con un messaggio di speranza, «il 2022 deve essere l’anno in cui porremo fine alla pandemia». Con i vaccini di seconda e terza generazione e ulteriori trattamenti farmacologici contro Covid, secondo Mike Ryan (responsabile emergenza OMS) la malattia potrebbe finalmente “addomesticarsi”. «Se riusciamo a mantenere la trasmissione del virus al minimo, allora possiamo porre fine alla pandemia», ha detto.

Da quando è stato segnalato per la prima volta in Sudafrica a novembre, Omicron è stato identificato in dozzine di paesi, vanificando le speranze che il peggio della pandemia sia passato. Tedros ha detto che il ceppo sembra avere la capacità di raddoppiare le sue infezioni ogni 1,5 o tre giorni. «È davvero veloce», ha aggiunto. Più di 5,3 milioni di persone sono morte dall’inizio della pandemia, anche se si ritiene che il vero bilancio sia superiore.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?
I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
Da Ema via libera ai vaccini «aggiornati» per Omicron
Il comitato per i medicinali umani dell'Agenzia europea del farmaco ha raccomandato di autorizzare due vaccini aggiornati per fornire una protezione più ampia contro Covid-19. Si tratta delle due versioni di Pfizer/BioNTech e Moderna adattati contro la variante Omicron 1
Le varianti Covid più preoccupanti emergono da infezioni croniche
Uno studio condotto dall'Università di Emory e dall'Università di Oxford sostiene che le varianti più preoccupanti emergano dalle persone con infezioni croniche Covid-19
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola