Salute 24 Novembre 2021 12:55

Con Delta dicembre e gennaio critici senza richiami e misure più dure, l’avvertimento dell’ECDC

La direttrice generale ECDC Andrea Ammon parla chiaro: in Europa meno del 70% della popolazione complessiva è totalmente vaccinata, troppo spazio per riacutizzazioni del virus e nuove impennate negli ospedali

Con Delta dicembre e gennaio critici senza richiami e misure più dure, l’avvertimento dell’ECDC

Pericolo da variante Delta molto elevato a dicembre e gennaio, a meno che non vengano applicate misure di salute pubblica e aumentata la distribuzione del vaccino nella popolazione totale. È l’avvertimento senza mezzi termini di Andrea Ammon, direttrice dell’ECDC (European centre for disease prevention and control), che punta a scuotere la regione europea prima delle feste natalizie.

Europa e vaccini

«Dall’inizio dell’anno – si legge – abbiamo assistito a una rapida implementazione dei programmi di vaccinazione nell’UE/SEE che ha evitato con successo i decessi e ha ridotto i ricoveri e la trasmissione. Ma ci sono ancora sotto-popolazioni e gruppi di età in cui la copertura rimane inferiore a quella desiderata, anche nei paesi che hanno raggiunto una buona copertura vaccinale complessiva. Ci sono ancora troppe persone a rischio di grave infezione da Covid-19 che dobbiamo proteggere il prima possibile. Dobbiamo concentrarci urgentemente sulla chiusura di questo divario di immunità, offrire dosi di richiamo a tutti gli adulti e reintrodurre misure non farmaceutiche».

Nei dati dell’ECDC meno del 70% della popolazione complessiva europea risulta completamente vaccinata, lasciando ancora troppo spazio alla diffusione del virus. Le proiezioni, che si sposano con quelle italiane, mostrano che un gran numero dei ricoveri ospedalieri sono attualmente occupati da persone non vaccinate e a rischio. Proprio perché il vaccino protegge da questo rischio. «L’attuale livello complessivo di diffusione delle vaccinazioni nell’UE/SEE sarà pertanto insufficiente a limitare l’onere dei casi di Covid-19 e dei ricoveri ospedalieri nei mesi invernali e i paesi con livelli di vaccinazione più bassi sono a più alto rischio», continua.

I richiami per tutti gli over 18

Oltre alle lacune di immunità, l’ECDC avverte anche sulle dosi di richiamo necessarie. «Prendere in considerazione una dose di richiamo per tutti gli adulti di età pari o superiore a 18 anni – dice ancora Ammon – con una priorità per le persone di età superiore ai 40 anni. Questo per aumentare la protezione contro le infezioni dovute al calo dell’immunità che potrebbe potenzialmente ridurre la trasmissione nella popolazione e prevenire ulteriori ricoveri e decessi. La dose di richiamo è raccomandata sei mesi dopo aver completato il programma primario al più presto».

«Motivare le persone a seguire queste misure è ancora più importante mentre ci muoviamo verso l’inverno e le festività natalizie, quando più persone viaggeranno e si riuniranno al chiuso. Sono consapevole – conclude – che si richiede uno sforzo significativo da parte delle autorità sanitarie pubbliche e della società in generale per raggiungere questo obiettivo. Ma ora è il momento di percorrere il miglio in più. Abbiamo vaccini sicuri ed efficaci disponibili e fino a quando una parte più ampia della popolazione ammissibile non sarà immunizzata, gli interventi non farmaceutici devono continuare a rimanere parte della nostra routine quotidiana».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Uso di antibiotici ridotto del 15% in Europa nel 2020, ma aumentato negli ospedali dell’est. Il report ECDC
Un effetto "positivo" della pandemia è stata la riduzione dell'uso degli antibiotici in Europa, un passo importante nella lotta all'antibiotico-resistenza che spaventa scienziati e istituzioni. Negli ospedali dei paesi dell'est il consumo è però aumentato e sono stati individuati anche ceppi di resistenza agli antimicrobici di ultima generazione
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Secondo l’ECDC le terze dosi per gli immunodepressi dovrebbero già essere considerate
L'ECDC si è espressa sulle terze dosi. Dai primi report va fatta una differenza tra persone immunodepresse e non: nel primo caso un terzo richiamo è già da mettere in conto mentre nel secondo non c'è urgenza
In 8 paesi europei in quattro anni è diminuito l’uso degli antibiotici
Secondo un Rapporto dell'ECDC, tra il 2014 e il 2018 in otto paesi europei l'informazione e l'impegno contro l'antibiotico-resistenza hanno dato i primi frutti. I più usati restano gli antibiotici ACCESS, che secondo l'Oms devono arrivare al 60% del totale di consumo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...