Sanità internazionale 8 Giugno 2021 13:15

La Norvegia è la prima a dire “la pandemia è finita”

Uno dei responsabili dell’organizzazione sanitaria in Norvegia ha twittato: la pandemia è finita. Il paese ha il numero di contagi più basso di sempre e quasi la metà delle popolazione vaccinata

La Norvegia è la prima a dire “la pandemia è finita”

La comunicazione ufficiale dalle autorità che recita “La pandemia è finita” è probabilmente il sogno di molti in questo momento. Eppure a qualcuno è già capitato di leggerla. Ai norvegesi per esempio, che l’hanno letto su Twitter per mano del prof. Preben Aasvitsland dell’Istituto norvegese di Sanità pubblica.

In realtà non è proprio così, come ha poi spiegato Aasvitsland, ma la situazione epidemiologica norvegese non è mai stata migliore di così quest’anno. Nel grafico che ha aggiunto al tweet l’esperto mostrava un totale di 128 nuovi casi, mentre le vittime restano 175 da tempo. Un ritorno alla normalità sarà presto possibile se le misure vengono rispettate ancora con efficacia per qualche tempo, secondo Aasvitsland.

Come la Norvegia ha controllato il Covid

La Norvegia è riuscita meglio di tutti i paesi scandinavi a controllare il coronavirus. Aiutata anche da una bassa densità di popolazione e la conseguente maggiore facilità nel rispettare il distanziamento, insieme al grande impegno del governo nel contact tracing, che si è rivelato vincente.

Nonostante questo la Norvegia porta avanti una campagna vaccinale di successo, affiancandola alle regole già dette. Secondo i dati istituzionali, circa il 42% dei norvegesi ha ricevuto una dose di vaccino e il 28% ha completato il ciclo. Tuttavia, su questo si è espresso Espen Nakstad, il vicedirettore della Salute, che teme la variante Delta.

Variante Delta, l’unico timore

Dopo la decisione di rinominare con lettere greche le varianti del nuovo coronavirus, la variante indiana ha infatti preso il “Delta”. Nakstad ha tenuto a ricordare che nel Regno Unito, questa nuova versione di Sars-CoV-2 sta rapidamente alzando il numero dei nuovi contagi. Si rischia di non procedere alle riaperture totali previste a fine giugno. «Non saremo davvero tranquilli finché tutti non avranno fatto la seconda dose in Norvegia» ha aggiunto.

«Tasso di infezione sempre più basso e un ottimo calo dei ricoveri ci fanno ben sperare – ha concluso Nakstad – ma l’attenzione deve continuare ad essere molto alta». Sull’eventualità di nuovi focolai ha poi specificato: «Abbiamo capito come fare, isolare subito e curare in fretta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con la FitnessWalk il benessere dopo il Covid si ritrova camminando a ritmo di musica
Per la dottoressa Marisa Gualea (medico di medicina dello sport Università di Pavia) è importante camminare e praticare attività aerobica personalizzata. Per provare la FitnessWalk e sostenere il progetto di ricerca per sconfiggere il tumore al seno con le nanosfere d’oro intelligenti, appuntamento con la Yac FitnessWalk il 24 giugno a Pavia
di Federica Bosco
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale dei donatori di sangue, in Toscana cresce il numero dei “supereroi”
Intervista ad Adelmo Agnolucci, presidente di Avis Toscana uscente: «Le donazioni di sangue, plasma e multicomponenti di Avis nel 2020 sono aumentate dell'1,5%. Gli uomini oggi rappresentano il 63% dei donatori, contro il 37% di donatrici. Al contrario i donatori tra i 18 e i 25 anni sono soprattutto donne»
di Federica Bosco
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Sesto Rapporto ISS-Istat su impatto pandemia: «Con Covid +15,6% di morti rispetto alla media»
Il documento presenta una sintesi delle principali caratteristiche di diffusione dell’epidemia Covid-19 e del suo impatto sulla mortalità totale del 2020 e un’analisi dettagliata della nuova fase epidemica che, nel primo quadrimestre 2021, si caratterizza anche per la progressiva diffusione della vaccinazione Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM