Sanità internazionale 8 Giugno 2021 13:15

La Norvegia è la prima a dire “la pandemia è finita”

Uno dei responsabili dell’organizzazione sanitaria in Norvegia ha twittato: la pandemia è finita. Il paese ha il numero di contagi più basso di sempre e quasi la metà delle popolazione vaccinata

La Norvegia è la prima a dire “la pandemia è finita”

La comunicazione ufficiale dalle autorità che recita “La pandemia è finita” è probabilmente il sogno di molti in questo momento. Eppure a qualcuno è già capitato di leggerla. Ai norvegesi per esempio, che l’hanno letto su Twitter per mano del prof. Preben Aasvitsland dell’Istituto norvegese di Sanità pubblica.

In realtà non è proprio così, come ha poi spiegato Aasvitsland, ma la situazione epidemiologica norvegese non è mai stata migliore di così quest’anno. Nel grafico che ha aggiunto al tweet l’esperto mostrava un totale di 128 nuovi casi, mentre le vittime restano 175 da tempo. Un ritorno alla normalità sarà presto possibile se le misure vengono rispettate ancora con efficacia per qualche tempo, secondo Aasvitsland.

Come la Norvegia ha controllato il Covid

La Norvegia è riuscita meglio di tutti i paesi scandinavi a controllare il coronavirus. Aiutata anche da una bassa densità di popolazione e la conseguente maggiore facilità nel rispettare il distanziamento, insieme al grande impegno del governo nel contact tracing, che si è rivelato vincente.

Nonostante questo la Norvegia porta avanti una campagna vaccinale di successo, affiancandola alle regole già dette. Secondo i dati istituzionali, circa il 42% dei norvegesi ha ricevuto una dose di vaccino e il 28% ha completato il ciclo. Tuttavia, su questo si è espresso Espen Nakstad, il vicedirettore della Salute, che teme la variante Delta.

Variante Delta, l’unico timore

Dopo la decisione di rinominare con lettere greche le varianti del nuovo coronavirus, la variante indiana ha infatti preso il “Delta”. Nakstad ha tenuto a ricordare che nel Regno Unito, questa nuova versione di Sars-CoV-2 sta rapidamente alzando il numero dei nuovi contagi. Si rischia di non procedere alle riaperture totali previste a fine giugno. «Non saremo davvero tranquilli finché tutti non avranno fatto la seconda dose in Norvegia» ha aggiunto.

«Tasso di infezione sempre più basso e un ottimo calo dei ricoveri ci fanno ben sperare – ha concluso Nakstad – ma l’attenzione deve continuare ad essere molto alta». Sull’eventualità di nuovi focolai ha poi specificato: «Abbiamo capito come fare, isolare subito e curare in fretta».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Covid-19, la Spagna ha vaccinato il 100% degli over 80. Ecco come
La maggioranza della popolazione over 80 si è vaccinata in un centro di salute pubblica del suo quartiere. Perché la campagna di vaccinazione è stata un successo
Nuovo report Cabina di regia: Rt a 0,92, aumentano ricoveri e terapie intensive. Tre Regioni a rischio moderato
Brusaferro: «In calo casi tra i più giovani, età mediana della diagnosi a 37 anni». Rezza: «Calo vaccini fisiologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco