Sanità internazionale 15 Marzo 2022 13:57

Covid, la Cina sta affrontando la più forte ondata in due anni di pandemia

La Cina sta affrontando una nuova ondata di Covid, la più forte da quando è iniziata la pandemia

Covid, la Cina sta affrontando la più forte ondata in due anni di pandemia

La Cina sta registrando un forte aumento delle infezioni quotidiane da Covid-19. I nuovi casi sono più che raddoppiati, raggiungendo il massimo storico dei contagi con numeri che non si vedevano da febbraio 2020. La diffusione è rapida specialmente nelle aree del Nord-Est. In particolare, lunedì scorso sono stati registrati a livello nazionale un totale di 3.507 nuovi contagi con sintomi confermati in più di una dozzina di province e comuni, stando a quanto riferito dalla Commissione sanitaria nazionale, rispetto ai 1.337 casi del giorno prima.

La nuova ondata di Covid in Cina dipende dalla variante Omicron

All’inizio della pandemia alla fine del 2019, la Cina è stata in grado di reprimere con gran successo i focolai grazie alla sua rigorosa strategia definita «zero-Covid», che prevedeva misure restrittive molto rigide che consistevano nell’isolare intere fasce della popolazione in casa. Sebbene il carico di casi del paese sia ancora relativamente basso se confrontato a quanto sta accadendo in altre parti del mondo, le autorità sanitarie cinesi ritengono che il tasso di aumento dei casi giornalieri nelle prossime settimane rappresenterà un fattore cruciale nel determinare se il suo approccio duro per il contenimento della pandemia è ancora efficace anche contro la variante Omicron.

Gli esperti prevedono il picco a inizio aprile

Un sistema di previsione del Covid-19 gestito dall’Università di Lanzhou nel Nord-Ovest della Cina prevede che l’attuale ciclo di infezioni finirà per essere messo sotto controllo all’inizio di aprile dopo un totale accumulato di circa 35.000 casi. Nella sua ultima valutazione pubblicata lunedì scorso l’università cinese spiega che, nonostante la Cina si ritrovi a vivere il momento più difficile da quando è scoppiata la pandemia, finché si continueranno a mantenere misure strette e rigide si riuscirà a tenere questa ondata sotto controllo. Almeno 11 città e contee a livello nazionale sono state bloccate a causa dell’ultima ondata, incluso l’hub tecnologico meridionale di Shenzhen, che ospita 17 milioni di persone. Nell’hub finanziario di Shanghai, le autorità hanno isolato ogni singolo appartamento e hanno testato tutti i residenti.

La strategia della Cina per contenere la diffusione del virus

L’autorità di regolamentazione dell’aviazione cinese ha affermato che 106 voli internazionali in arrivo a Shanghai verranno dirottati verso altre città nazionali dal 21 marzo al 1 maggio a causa del Covid. Lunedì le infezioni sintomatiche confermate a Shanghai sono state 21, di cui 12 importate dall’estero, con altri 130 casi asintomatici. Quasi il 90% dei nuovi casi sintomatici confermati lunedì sono stati trovati nella provincia Nord-Orientale di Jilin, che ha vietato ai suoi 24,1 milioni di abitanti di viaggiare dentro e fuori la provincia e attraverso diverse aree della provincia senza avvisare la polizia locale.

In crescita anche i casi asintomatici

I funzionari di Jilin dovrebbero intensificare la preparazione di ospedali temporanei e ospedali e utilizzare luoghi inattivi per garantire che tutte le infezioni e i loro contatti stretti siano isolati. Un focolaio negli stabilimenti del gruppo Volkswagen nella città di Jilin di Changchun ha anche spinto a chiudere tre siti per almeno tre giorni. Il numero di nuovi casi asintomatici, che la Cina non classifica come casi confermati, si è attestato a 1.768 rispetto ai 906 del giorno prima. Non ci sono stati nuovi decessi, lasciando invariato il bilancio delle vittime a 4.636. Al 14 marzo, la Cina continentale aveva segnalato 120.504 casi con sintomi confermati, inclusi sia quelli locali che quelli provenienti dall’estero.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...