Sanità internazionale 4 Maggio 2021 13:29

Covid, in Israele e Uk sembra tutto finito. Mentre India e America Latina vivono il peggior momento

La situazione mondiale della battaglia contro Covid ha diverse facce: nel Sud del mondo i vaccini non arrivano e si continua a morire, la situazione indiana spaventa anche i paesi limitrofi. Mentre in occidente Israele e Uk guidano la strada verso la normalità

Covid, in Israele e Uk sembra tutto finito. Mentre India e America Latina vivono il peggior momento

La battaglia del mondo contro Covid-19 è un fronte unitario, eppure le singole situazioni dei paesi non sembrano rispondere a questa visione. Mentre Stati Uniti ed Europa procedono nelle vaccinazioni, il sud del mondo fatica a reperire nuove dosi e soffre maggiormente varianti e aggressività del virus. Si configurano quindi situazioni opposte: stati che vedono la luce e altri che non ne sono mai stati così lontani.

Israele ha meno di 100 casi gravi

In Israele, per la prima volta in oltre 10 mesi i pazienti gravi per Covid-19 sono scesi sotto soglia 100. Sono 97 le persone con malattia grave e 63 quelle in terapia intensiva con ventilazione artificiale. Per risalire a un numero così basso si deve riavvolgere fino al 7 luglio 2020. La campagna vaccinale procede con successo e quasi tutti gli ambienti pubblici hanno riaperto. Nelle ultime 24 ore i casi registrati sono stati 51, lo 0.2% dei tamponi effettuati.

Uk, prove di ripartenza per eventi pubblici

La Gran Bretagna gode altrettanto di buona salute. Un solo morto nella giornata di lunedì e poco più di 1000 nuovi casi di coronavirus. Il 3 maggio l’Uk ha superato le 50 milioni di somministrazioni con 34,59 milioni di persone vaccinate con prima dose. L’annuncio del premier Boris Johnson è stato: entro il 31 luglio tutta la popolazione over 18 immunizzata. Dal 17 maggio i matrimoni potranno avere 50 invitati e i funerali torneranno senza limiti.

Nei prossimi giorni è prevista la pubblicazione di una “lista verde” con tutti i Paesi a minor rischio Covid verso i quali tutti i cittadini inglesi potranno liberamente viaggiare. Mentre nel paese dovrebbe essere il 21 giugno la data fissata per la fine del distanziamento sociale. Si susseguono, per anticiparla, esperimenti sul ritorno alla vita fatta di grandi eventi come festival, concerti e serate in discoteca. Tanti i giovani a partecipare agli eventi, che accettano di essere monitorati per studiare la possibilità di una nuova estensione a tutti.

Messico, mancano i vaccini

Una situazione che si contrappone a quella che presenta il Messico, in cui l’urgente bisogno di vaccini e il loro mancato arrivo stanno continuando a far salire i numeri. Il problema principale è stato creato da un importante ritardo nelle produzione di vaccini nello stabilimento messicano AstraZeneca, che avrebbe dovuto rappresentare il fulcro delle fornitura. Inoltre, le dosi Sputnik V arrivate dalla Russia sono state sensibilmente minori rispetto al numero pattuito.

Pfizer supera il ban di Trump

In aiuto è arrivata la casa farmaceutica Pfizer, che ha finalmente cominciato ad esportare verso il Messico alcune delle sue dosi. Fino ad ora non era stato possibile per via di una restrizione imposta dall’amministrazione Trump, valida fino alla fine di marzo. Ad oggi sono circa 10 milioni le dosi spedite dalla casa farmaceutica. Le dosi statunitensi saranno comunque assicurate, riferisce Reuters, ma con la capacità extra degli stabilimenti americani e di quello in Belgio si procederà alle esportazioni.

Il presidente statunitense Joe Biden ha inoltre promesso di spedire fino a 60 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca, inutilizzate, ai paesi con più bisogno tra cui il Messico. Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha chiarito che saranno circa 5 milioni quelle che raggiungeranno il suo paese.

India, la situazione si aggrava

Intanto, l’India segna un record in negativo: superando i 20 milioni di contagiati si qualifica come il paese con il maggior numero di ammalati al mondo. Con numeri di morti talmente alti che i forni crematori non riescono a sostenerne la portata. Di fronte a numeri tanto alti e spaventosi solo una cosa corre più del contagio: le fake news.L’emittente Cnn ha operato quindi un attento fact-checking delle notizie più diffuse sulla nuova ondata di Covid in India. Partendo da quella, sponsorizzata anche dal governo, che in questo caso siano i giovani ad essere maggiormente contagiati. Dai dati raccolti dal dipartimento sanitario però, si evince come rispetto alla prima ondata il numero di contagiati under 30 sia aumentata solo dell’1%, mentre i decessi sono addirittura scesi (dal 20% al 19%).

Vaccini poco efficaci e varianti, cosa c’è di vero?

Un’altra falsa pista riguardava la presunta “poca efficacia” dei vaccini anti-Covid indiani Covishield (di AstraZeneca) e Covaxin. Questo perché sui giornali si è parlato molto di operatori sanitari che, dopo aver completato i cicli di vaccinazioni, sono risultati positivi.

I dati smentiscono ancora tuttavia. Dei 15 milioni vaccinati Covishield lo 0,03% è risultato positivo e degli 1,7 milioni con Covaxin lo 0,04%, quindi 695 persone. Nessun vaccino protegge totalmente dal virus, quindi come statistiche queste tornano ad essere perfettamente nella media.

Infine il divisivo problema delle varianti: quella indiana (B.1.617) con doppio mutante sta spaventando il mondo e si pensa che sia all’origine di un aumento così importante dei contagi. Si temeva inoltre che fosse resistente ai vaccini, proprio per la ragione prima elencata. Le informazioni su questo non sono sufficienti, ma per ora la variante dominante in India resta quella inglese dai sequenziamenti genomici.

Più che una singola variante, forse la circolazione massiccia di più varianti potrebbe avere influenzato l’andamento epidemiologico, ma su questo i dati sono ancora troppo scarsi e non danno per ora ragione di supporre una più alta letalità.

 

Articoli correlati
Arturo, ecco perché la sorella di Omicron colpisce gli occhi e i bambini
La nuova variante XBB 1.16, ribattezzata Arturo, è attualmente responsabile dell'aumento di contagi e infezioni Covid-19 in India. E' caratterizzata da un sintomo raramente presente nei contagi da altre varianti Omicron, la congiuntivite
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini
Un'intensa ondata di caldo sta investendo l'India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...