Sanità internazionale 20 Aprile 2021 16:17

Cosa sta succedendo in India?

Passata dall’essere “il Paese che ha sconfitto il virus prima dell’immunità di gregge” a registrare 200mila contagi al giorno in sole due settimane. Alla base della situazione indiana comportamenti errati: eventi sportivi e culturali senza freni, campagna elettorale senza controlli e allentamento delle misure. Si teme la variante indiana

Cosa sta succedendo in India?

L’India non trova pace. Dopo essere stato definito, con troppo anticipo, come il Paese che era riuscito a sconfiggere il virus prima di concludere l’immunizzazione vaccinale, i numeri sono decisamente cambiati: da 15mila nuovi casi a più di 200mila tra fine marzo e metà aprile. Un aumento che si riflette anche sugli ospedali stracolmi, sui farmaci assenti e sui tantissimi morti: 1.761 solo ieri.

Da qualche tempo si inneggiava all’immunità di gregge raggiunta e il ministro della Salute indiano Harsh Vardhan parlava di “fine corsa”. I contagi ora superano 1,6 milioni di persone e le autorità politiche fanno appelli accorati in televisione chiedendo alla popolazione di rimanere in casa il più possibile.

Eventi religiosi e sportivi: misure dimenticate

Il primo errore è stato l’allentamento delle misure. Complice una poco controllata campagna elettorale, che ha avuto luogo a febbraio, fatta di incontri e comizi senza limiti di spazi o numeri di partecipanti. Si parla di eventi senza precedenti, con oltre 600mila persone presenti, poche dotate di mascherina o altri strumenti di precauzione. Ma anche gli eventi culturali, religiosi e sportivi hanno dato una spinta importante. Ai pellegrini infatti è concesso muoversi per i pellegrinaggi e l’annuale immersione nel Gange non è stata saltata nemmeno quest’anno.

La comparsa della variante indiana, inoltre, potrebbe essere alla base di questo brusco aumento dei numeri, sebbene i dati sui sequenziamenti siano ancora pochi e non sempre disponibili. I più recenti mostravano come la B.1.617 avesse superato la variante inglese tra i nuovi contagiati.

Vaccinare sempre di più

Ora l’India vuole vaccinare ancora di più per poterne uscire. In attesa dello sblocco delle materie prime per realizzarli, che devono arrivare dagli Usa, il Paese ha deciso di bloccare l’esportazione dei propri vaccini anti-Covid e vaccinare più persone possibile. Indipendentemente dall’età o dalla condizione, per bloccare il diffondersi di quella che sembra una fortissima terza ondata.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia numero infermieri sotto media Ue: «Carenza aumenta mortalità pazienti»
In occasione della Giornata dell’infermiere, la FNOPI ha raccolto in un documento tutti i dati principali, i numeri e le problematiche della professione infermieristica in Italia
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Adozioni internazionali al tempo del Covid, tra ritardi e blocchi le associazioni fanno rete
Bertolusso (Amici di Don Bosco): «La pandemia tra le tante difficoltà ci ha insegnato a lavorare meglio insieme, ma non tutti i paesi collaborano»
di Federica Bosco
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
Covid-19, esami e terapie gratuiti per guariti da forma grave. Cicchetti (Altems): «50 milioni buon inizio ma non basteranno»
«Il Coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione». Così il Ministro Speranza, motivando la sua proposta di stanziare 50 milioni di euro affinché il Ssn prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...