Salute 4 Marzo 2021 11:54

World Obesity Day, ecco l’impatto della pandemia sui pazienti affetti da obesità

Foschi (SICOB): «Includere obesità nei Lea. Priorità per i vaccini? I pazienti non sono censiti, rischiamo di rallentare tutta la campagna»

World Obesity Day, ecco l’impatto della pandemia sui pazienti affetti da obesità

In Italia una persona su dieci è obesa. Una persona su dieci si trova, ogni giorno, a fare i conti con una patologia insidiosa, che spesso ne porta altre con sé, ma soprattutto con uno stigma sociale duro a morire, che tende a vedere più una “colpa” che una vera e propria malattia. Il 4 marzo è la Giornata mondiale dedicata all’Obesità e, insieme al dottor Diego Foschi, presidente della SICOB (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle malattie metaboliche), abbiamo affrontato le questioni più attuali che i pazienti affetti da obesità (ma anche la loro rete assistenziale) si sono trovati ad affrontare nell’ultimo anno.

Da dove nasce l’esigenza globale di dedicare una giornata al tema dell’obesità?

«L’iniziativa del World Obesity Day, che risale al 2015, nasce dalla presa di coscienza che questa patologia, ormai diffusa non solo nei Paesi industrializzati ma anche in quelli in via di sviluppo, meritasse una maggiore attenzione. Ci sono 800 milioni di obesi nel mondo, di cui 6 milioni in Italia: una persona su dieci. Se poi consideriamo il corollario di patologie che sono collegate all’obesità, come il diabete, l’ipertensione, nefropatia, dislipidemia, e le varie vasculopatie, la questione diventa ancora più drammatica dal punto di vista assistenziale e dei costi sanitari. La forma più incisiva di trattamento parte, senza dubbio, dalla prevenzione, ma tutto il processo di facilitazione delle cure nasce dalla consapevolezza e dal supporto della società intera verso questi pazienti, oltre che dalla rimozione di quei pregiudizi che ancora colpiscono chi soffre di questa patologia. Un altro aspetto fondamentale della questione è la necessità di una presa in carico con un approccio multidisciplinare che coinvolga tutti gli specialisti interessati: endocrinologi, nutrizionisti, psicologi, chirurghi per il trattamento dei casi più complessi».

Che cosa ha significato la pandemia per i pazienti affetti da obesità?

«Che l’obesità fosse un fattore predisponente alle infezioni è noto da molto tempo, così come il fatto che l’obesità espone a maggiori rischi di complicanze a seguito di infezioni. Nel caso specifico del Covid, è stato dimostrato che i soggetti obesi sono tra le categorie più a rischio, ed infatti l’indice BMI è inserito nell’algoritmo per il calcolo del rischio. Questo ha reso evidente il fatto che le persone affette da obesità presentano una fragilità di fondo, anche senza patologie concomitanti. Ulteriore conferma viene dal fatto che la maggior parte dei giovani morti per Covid erano affetti da obesità. Da un lato, la pandemia è riuscita a riaccendere un faro su una problematica ultimamente trascurata. L’Italia riconosce l’obesità come malattia, ma di fatto non la include nei Livelli essenziali di assistenza. Di conseguenza il paziente obeso viene lasciato molto a se stesso, anche per un retaggio culturale che da un lato tende a sottovalutare, quando invece l’obesità è una vera e propria malattia, e dall’altro a stigmatizzare».

Secondo quali meccanismi il Covid si sviluppa in forma più grave nei pazienti obesi?

«Per quanto riguarda l’infettività, sappiamo che la proteina spike del coronavirus si lega in particolar modo ai recettori dell’angiotensina, molto presenti nel tessuto adiposo. Per quanto riguarda invece la risposta immunitaria, nei pazienti che hanno già avuto un’evoluzione verso le complicanze incidono sfavorevolmente l’insulino-resistenza e il diabete. Il terzo fattore che entra in gioco è la serie di alterazioni a carico dei diversi organi e apparati in caso di obesità grave. Un esempio lampante: una persona affetta da obesità, che ha l’addome e il torace completamente occupato da tessuto adiposo, ha una funzionalità respiratoria già enormemente ridotta in condizioni normali. In condizioni di patologia polmonare da Covid, la funzionalità respiratoria è praticamente annientata».

Che ripercussioni ha avuto il lockdown sui pazienti obesi?

«Sicuramente l’isolamento e l’abbandono di un contesto sociale e di relazioni umane ha inciso negativamente sulla cura verso se stessi. Se a questo si somma il venir meno di una continuità assistenziale per questi pazienti (visite ridotte, accessi contingentati, timore di recarsi in strutture sanitarie) è facile comprendere la complessità della situazione. A parte rari casi virtuosi in cui la telemedicina ha sopperito in qualche modo, in generale i tempi nel nostro sistema sanitario non sono ancora maturi, purtroppo, per un’assistenza da remoto soddisfacente».

Cosa pensa dell’opportunità, attualmente discussa, di inserire i pazienti obesi tra i “fragili”, destinatari prioritari del vaccino anti-Covid?

«Credo che una programmazione in tal senso andasse fatta a monte. Ricordiamoci che la campagna vaccinale, per dare i risultati sperati, deve essere fatta oltre che nel miglior modo possibile, soprattutto nel più breve tempo possibile. Ora dobbiamo considerare un fattore molto significativo: i pazienti obesi nel nostro Paese non sono censiti ufficialmente. Di conseguenza, se inserire questi pazienti tra i destinatari prioritari rischia di portare a un ulteriore rallentamento di tutta la campagna, allora meglio lasciare le cose come stanno e rispettare la programmazione originaria. Perché a fare le spese di un ulteriore rallentamento sarebbe la comunità intera, compresi i pazienti fragili e i pazienti obesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. In altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...