Salute 17 Febbraio 2021 16:52

Diabete e Covid, ecco perché si tratta di uno dei binomi più pericolosi

Disoteo (AME): «Mantenere una corretta aderenza terapeutica è fondamentale per limitare i rischi»

Diabete: cause, tipologie, sintomi e dieta da seguireA un anno dallo scoppio della pandemia di SARS-CoV-2, una delle lezioni che abbiamo imparato è che il binomio Covid-diabete è estremamente pericoloso. Nei pazienti diabetici, infatti, la malattia Covid-19 tende a manifestarsi in modo particolarmente severo e con complicanze spesso fatali. Insieme alla dottoressa Olga Disoteo, Diabetologa presso l’Ospedale Niguarda di Milano e responsabile della commissione Diabete di AME, Associazione Medici Endocrinologi, abbiamo indagato e approfondito le cause di questa correlazione.

Perché nei pazienti diabetici, anche non obesi o in forte sovrappeso, il decorso della malattia da SARS-CoV-2 è spesso più grave? Ci sono differenze a livello di prognosi del Covid tra i pazienti con diabete 1 o 2?

«É noto che tutte le infezioni sono più frequenti nel diabete, e in particolare la mortalità per infezioni è aumentata, sia nel paziente con diabete mellito tipo 1 che tipo 2, indipendentemente dal peso. L’aumento del rischio di morire di infezioni per il paziente con diabete rispetto alla popolazione senza diabete si manifesta in particolare nella fascia di età inferiore a 75 anni. Il rischio di essere ricoverati per SARS-CoV-2 in presenza di diabete mellito tipo 1 o tipo 2 è aumentato, e uno stato di mediocre o cattivo compenso glicemico incrementa ulteriormente tale rischio. In particolare, la malattia da SARS-CoV-2 nei pazienti con diabete è più severa e con maggior frequenza è necessario ricorrere alla terapia intensiva, con inevitabile incrementato rischio di morte. La presenza di obesità associata a diabete mellito peggiora ulteriormente la prognosi. Non c’è concordanza però negli studi se avere il diabete aumenti il rischio di contrarre il SARS-CoV-2, anche se gli studi più recenti sembrerebbero indicare anche un aumentato rischio in tal senso, come è logico aspettarsi. I fattori favorenti questo decorso così drammatico sono tanti. É noto infatti che nel paziente diabetico l’immunità innata è alterata, vi sono alterazioni dei monociti, dei leucociti e dei linfociti natural killer, ma anche delle immunoglobuline. Le barriere fisiche dell’organismo a livello polmonare e gastrico sono alterate dall’ossidazione delle proteine determinata dall’iperglicemia, è ridotta la capacità di eliminare il virus, è aumentata la proliferazione e la sovrainfezione batterica favorita dallo stato di iperglicemia e sono più frequenti i fenomeni trombotici con danni multi-organo».

Ci sono controindicazioni specifiche rispetto alle terapie di supporto comunemente utilizzate per il Covid?

«Le terapie impiegate per il trattamento delle infezioni da SARS-CoV-2 non sono controindicate nel paziente con diabete, ma alcune di esse possono determinare un importante peggioramento del compenso glicemico: in particolare l’uso di cortisone incrementa significativamente i valori glicemici e rende necessario modificare o potenziare il trattamento in atto per il controllo del diabete mellito. La terapia per il trattamento del diabete in corso di ricovero deve essere personalizzata e la terapia di scelta sembra essere quella insulinica per via sottocutanea o infusionale. Tuttavia l’impiego di inibitori del DPP-IV, in particolare, ma anche di analoghi del GLP 1 e di inibitori dell’SGLT 2 nel trattamento del diabete mellito tipo 2, in corso di SARS-CoV-2, utilizzati con le dovute cautele, sembrano essere in grado di fornire una protezione, agendo su alcuni dei meccanismi alla base della disfunzione multi-organica che si verifica in corso di questa temibile infezione».

La maggiore o minore aderenza terapeutica nei pazienti diabetici influisce sul decorso della malattia Covid?

«É importante che le persone con diabete mantengano un buon controllo glicemico: il buon compenso glicemico, infatti, sarebbe in grado di migliorare lo stato immunologico e quindi potrebbe aiutare a ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2, ridurre la gravità, la probabilità di sovrainfezione batterica, il ricovero e la mortalità. É pertanto necessario che il paziente segua una corretta alimentazione, pratichi regolare movimento, anche al domicilio, e monitori con regolarità i livelli di glucosio nel sangue con glucometro o sensori. I pazienti con diabete complicato da malattie cardiovascolari, renali o affetti da neuropatia dovrebbero prestare ancora maggiore attenzione, perché a rischio più elevato di ricovero e mortalità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 novembre, sono 261.519.267 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.200.271 i decessi. Ad oggi, oltre 7,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano