Salute 17 Febbraio 2021 16:52

Diabete e Covid, ecco perché si tratta di uno dei binomi più pericolosi

Disoteo (AME): «Mantenere una corretta aderenza terapeutica è fondamentale per limitare i rischi»

Diabete: cause, tipologie, sintomi e dieta da seguireA un anno dallo scoppio della pandemia di SARS-CoV-2, una delle lezioni che abbiamo imparato è che il binomio Covid-diabete è estremamente pericoloso. Nei pazienti diabetici, infatti, la malattia Covid-19 tende a manifestarsi in modo particolarmente severo e con complicanze spesso fatali. Insieme alla dottoressa Olga Disoteo, Diabetologa presso l’Ospedale Niguarda di Milano e responsabile della commissione Diabete di AME, Associazione Medici Endocrinologi, abbiamo indagato e approfondito le cause di questa correlazione.

Perché nei pazienti diabetici, anche non obesi o in forte sovrappeso, il decorso della malattia da SARS-CoV-2 è spesso più grave? Ci sono differenze a livello di prognosi del Covid tra i pazienti con diabete 1 o 2?

«É noto che tutte le infezioni sono più frequenti nel diabete, e in particolare la mortalità per infezioni è aumentata, sia nel paziente con diabete mellito tipo 1 che tipo 2, indipendentemente dal peso. L’aumento del rischio di morire di infezioni per il paziente con diabete rispetto alla popolazione senza diabete si manifesta in particolare nella fascia di età inferiore a 75 anni. Il rischio di essere ricoverati per SARS-CoV-2 in presenza di diabete mellito tipo 1 o tipo 2 è aumentato, e uno stato di mediocre o cattivo compenso glicemico incrementa ulteriormente tale rischio. In particolare, la malattia da SARS-CoV-2 nei pazienti con diabete è più severa e con maggior frequenza è necessario ricorrere alla terapia intensiva, con inevitabile incrementato rischio di morte. La presenza di obesità associata a diabete mellito peggiora ulteriormente la prognosi. Non c’è concordanza però negli studi se avere il diabete aumenti il rischio di contrarre il SARS-CoV-2, anche se gli studi più recenti sembrerebbero indicare anche un aumentato rischio in tal senso, come è logico aspettarsi. I fattori favorenti questo decorso così drammatico sono tanti. É noto infatti che nel paziente diabetico l’immunità innata è alterata, vi sono alterazioni dei monociti, dei leucociti e dei linfociti natural killer, ma anche delle immunoglobuline. Le barriere fisiche dell’organismo a livello polmonare e gastrico sono alterate dall’ossidazione delle proteine determinata dall’iperglicemia, è ridotta la capacità di eliminare il virus, è aumentata la proliferazione e la sovrainfezione batterica favorita dallo stato di iperglicemia e sono più frequenti i fenomeni trombotici con danni multi-organo».

Ci sono controindicazioni specifiche rispetto alle terapie di supporto comunemente utilizzate per il Covid?

«Le terapie impiegate per il trattamento delle infezioni da SARS-CoV-2 non sono controindicate nel paziente con diabete, ma alcune di esse possono determinare un importante peggioramento del compenso glicemico: in particolare l’uso di cortisone incrementa significativamente i valori glicemici e rende necessario modificare o potenziare il trattamento in atto per il controllo del diabete mellito. La terapia per il trattamento del diabete in corso di ricovero deve essere personalizzata e la terapia di scelta sembra essere quella insulinica per via sottocutanea o infusionale. Tuttavia l’impiego di inibitori del DPP-IV, in particolare, ma anche di analoghi del GLP 1 e di inibitori dell’SGLT 2 nel trattamento del diabete mellito tipo 2, in corso di SARS-CoV-2, utilizzati con le dovute cautele, sembrano essere in grado di fornire una protezione, agendo su alcuni dei meccanismi alla base della disfunzione multi-organica che si verifica in corso di questa temibile infezione».

La maggiore o minore aderenza terapeutica nei pazienti diabetici influisce sul decorso della malattia Covid?

«É importante che le persone con diabete mantengano un buon controllo glicemico: il buon compenso glicemico, infatti, sarebbe in grado di migliorare lo stato immunologico e quindi potrebbe aiutare a ridurre il rischio di infezione da SARS-CoV-2, ridurre la gravità, la probabilità di sovrainfezione batterica, il ricovero e la mortalità. É pertanto necessario che il paziente segua una corretta alimentazione, pratichi regolare movimento, anche al domicilio, e monitori con regolarità i livelli di glucosio nel sangue con glucometro o sensori. I pazienti con diabete complicato da malattie cardiovascolari, renali o affetti da neuropatia dovrebbero prestare ancora maggiore attenzione, perché a rischio più elevato di ricovero e mortalità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, nuovo report cabina di regia: «Chiara accelerazione aumento incidenza. Servono misure urgenti»
Pubblicato il monitoraggio settimanale di ISS e Ministero Salute: Rt stabile a 0,99. Cinque regioni a rischio alto
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Contrasto della pandemia, la Corte costituzionale: «Spetta allo Stato determinare le misure necessarie»
Anelli (Fnomceo) plaude: «Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti»
Premio Nobel al Corpo sanitario italiano, l’idea della Fondazione Gorbachev conquista adesioni
«Abbiamo scelto questa definizione inclusiva perchè voleva dire comprendere tutti, medici, infermieri, operatori sanitari, farmacisti, civili e militari impegnati nella prevenzione e nella cura del Covid» spiega il Presidente delle Fondazione Marzio Dallagiovanna
Malattie rare: per il rachitismo ereditario oggi esiste una speranza di cura
Il 28 febbraio si celebra la Giornata mondiale delle malattie rare. De Geronimo (AME): «Su circa 6mila malattie rare attualmente riconosciute, oltre 400 sono di interesse endocrino-metabolico, quindi il 7% e almeno il 20% dei pazienti affetti sono bambini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano