Salute 26 Febbraio 2021 14:46

Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?

Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare

Educare tutti è un compito molto difficile, quasi impossibile. «Il medico riesce a sensibilizzare di più i familiari di quei pazienti affetti da forme familiari di dislipidemia che vanno incontro a complicanze cardio e cerebrovascolari molto precoci – sottolinea la dottoressa Rosalba Cipriani – perché ha il supporto dell’anamnesi familiare e quindi può intercettare precocemente i soggetti a rischio. Riesce anche a individuare quelli che non hanno forme familiari ma che hanno avuto eventi cardio o cerebrovascolari in età molto precoce».

Sfuggono alla sensibilizzazione, invece, «quei pazienti di media età che godono sostanzialmente di buona salute – aggiunge la dottoressa – e consultano poco frequentemente il medico curante. Proprio in questo gruppo di pazienti è nascosta una grande fetta di soggetti che inconsapevolmente sono esposti ad alto rischio cardiovascolare».

Agire sui fattori di rischio è d’obbligo: «Sia come prevenzione secondaria – conclude la dottoressa Cipriani – perché riduce il rischio di avere una recidiva di complicanza cardio o cerebrovascolare, sia precocemente in prevenzione primaria» per prevenire l’evento stesso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, Bonanni: «Gli intervalli di riferimento dei laboratori analisi sono datati»
«Le indicazioni dei referti di laboratorio fanno riferimento a linee guida molto vecchie, come il famoso 220 o altri valori che non sono più validi»
Isolamento e solitudine: un rischio per la salute
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Scarsa aderenza terapeutica, Stazi (cardiologo): «L’11% degli anziani deve prendere ogni giorno anche più di dieci farmaci»
«Per le dislipidemie e l’ipertensione sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato senza importanti conseguenze collaterali. Da preferire – spiega a Sanità Informazione - la polipillola, in modo da ridurre il numero di compresse assunte»
Ridurre il colesterolo LDL è difficile? Arieti (cardiologo): «Ecco le tre motivazioni principali»
Tanti pazienti a rischio alto e molto alto non riescono a raggiungere i loro obiettivi terapeutici. Vediamo perché con Mario Arieti, cardiologo dell’ospedale Carlo Poma di Mantova
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...