Salute 18 Febbraio 2021 10:03

Dislipidemie, Fresco (cardiologo): «Ecco perché non si raggiungono i target terapeutici»

L’esperto racconta a Sanità Informazione che sono molto comuni la non aderenza terapeutica o la sua bassa continuità nei pazienti a rischio

Sono tanti i motivi per cui i pazienti a rischio alto e molto alto non riescono a raggiungere i loro target terapeutici. «Innanzitutto, c’è una specie di paura degli alti dosaggi – precisa il cardiologo Claudio Fresco dell’azienda sanitaria universitaria Friuli centrale – tanto è che dopo un anno praticamente più di metà dei pazienti ha dimezzato la dose farmacologica senza nessun motivo».

Esistono poi pazienti che non tollerano le statine per problemi muscolari – le note mialgie – e che sono costretti ad abbandonarle. «Il terzo motivo per cui non sono a target – aggiunge l’esperto – è che i target cambiano continuamente: 71 è un valore che viene considerato non a target sebbene sia molto vicino».

La percentuale dei pazienti che non sono a target, dai dati del Friuli-Venezia Giulia, è molto alta «circa il 60% di quelli che hanno avuto un evento cardiovascolare e che sono in trattamento» spiega lo specialista.

Per ovviare a questo problema c’è tanto da lavoro da fare: «Dovremo avere più armi disponibili – conclude il cardiologo – per riuscire a portare i pazienti a target e salvaguardare, allo stesso tempo, la sanità e il SSN».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Ipercolesterolemia, l’esperto: «Pazienti poco consapevoli dei rischi. Seguire dieta e terapia farmacologica»
«In Italia c’è scarsa consapevolezza del rischio cardiovascolare associato al colesterolo alto e non si adottano le corrette misure concrete per abbassarlo» così il cardiologo a Sanità informazione
Aggiornamento piano vaccinale, precedenza ai pazienti vulnerabili. E si parte con i giovani
Sono sei le categorie di pazienti con priorità individuate da Ministero, Aifa, Iss e Agenas per la seconda fase della campagna vaccinale anti-Covid-19. Si parte dai soggetti "estremamente vulnerabili" per specifiche patologie, a prescindere dall'età. Intanto sono arrivate le dosi di AstraZeneca per forze dell'Ordine e docenti under 55
Lotta al colesterolo, Arca (Sapienza): «Il futuro è nei registri osservazionali»
«Informazioni reali sugli obiettivi terapeutici, l’aderenza terapeutica e la scelta dei farmaci sono molto più utili degli esperimenti clinici»
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio, sono 112.554.307 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.497.814 i decessi. Ad oggi, oltre 216,17 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...