Salute 1 Dicembre 2020 08:00

Colesterolo LDL, il cardiologo: «L’80% dei pazienti non raggiunge target terapeutici»

Le nuove linee guida hanno abbassato al massimo i livelli target di colesterolo LDL da raggiungere: sotto ai 55 mg/dl per i pazienti a rischio molto alto e sotto ai 70 per quelli a rischio alto

Proteggere i pazienti a rischio alto e molto alto con un’azione rapida, incisiva ed efficace per evitare che vadano incontro a un evento cerebro e cardiovascolare.

È questo l’obiettivo della pratica clinica; ma in realtà, qual è il target he si riesce a raggiungere? «Il colesterolo LDL nei pazienti a rischio molto alto che hanno già avuto eventi cerebrovascolari o con fattori di rischio quali diabete e insufficienza renale, deve essere sotto ai 55 mg/dl – spiega Vincenzo Russo, cardiologo dell’AO Monaldi di Napoli e ricercatore presso l’Università Vanvitelli – mentre nei pazienti considerati a rischio alto deve stare sotto ai 70».

Ma non è sempre semplice raggiungere questi obiettivi, anzi: «Nella nostra attività clinica quotidiana spesso ci rendiamo conto della dicotomia esistente tra mondo reale e mondo ideale. Nel mondo reale, secondo la letteratura disponibile, solo il 20% riesce ad essere a target. Vuol dire che c’è un bisogno clinico insoddisfatto, un 80% di pazienti che hanno bisogno di cure e di terapie ma che non riescono ad accedervi».

Eppure, anche il tempo gioca la sua parte: «Il rischio cardiovascolare è tempo dipendente – spiega ancora il dottor Russo -. Più tempo il nostro paziente non è a target LDL, maggiore è la probabilità di sviluppare un evento non solo cardiovascolare ma anche cerebrale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infermieri specialisti del rischio infettivo, Mongardi (ANIPIO): «In Italia siamo 497, dovremmo essere almeno il doppio»
La figura professionale è nata negli anni ’80. La presidente ANIPIO: «Dopo oltre trent’anni la formazione è ancora inadeguata e non esiste un sistema di sorveglianza nazionale»
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
Colesterolo, Maresca: «Sì alla terapia di associazione per raggiungere target terapeutici»
«Riduce gli effetti collaterali e aumenta l’effetto ipocolesterolemizzante rispetto alla monoterapia. È la risposta più corretta dal punto di vista farmacologico utilizzando meccanismi d’azione diversi e complementari»
Colesterolo LDL, solo il 20% dei pazienti raggiunge il target. Vediamo perché
Per ridurre il colesterolo LDL bisogna migliorare l’aderenza terapeutica. Franco Pazzucconi (Niguarda): «Già a sei mesi dall’inizio della terapia con statina il 50% dei pazienti abbandona. A 12 mesi siamo al 60%»
Colesterolo, De Ferrari: «Nel 90% dei pazienti impossibile abbassare i valori di LDL con un solo farmaco»
The lower the better ma anche The earlier the lower the better. Dobbiamo ridurre anche precocemente i valori di LDL nel paziente a rischio molto alto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...