Salute 1 Dicembre 2020 08:00

Colesterolo LDL, il cardiologo: «L’80% dei pazienti non raggiunge target terapeutici»

Le nuove linee guida hanno abbassato al massimo i livelli target di colesterolo LDL da raggiungere: sotto ai 55 mg/dl per i pazienti a rischio molto alto e sotto ai 70 per quelli a rischio alto

Proteggere i pazienti a rischio alto e molto alto con un’azione rapida, incisiva ed efficace per evitare che vadano incontro a un evento cerebro e cardiovascolare.

È questo l’obiettivo della pratica clinica; ma in realtà, qual è il target he si riesce a raggiungere? «Il colesterolo LDL nei pazienti a rischio molto alto che hanno già avuto eventi cerebrovascolari o con fattori di rischio quali diabete e insufficienza renale, deve essere sotto ai 55 mg/dl – spiega Vincenzo Russo, cardiologo dell’AO Monaldi di Napoli e ricercatore presso l’Università Vanvitelli – mentre nei pazienti considerati a rischio alto deve stare sotto ai 70».

Ma non è sempre semplice raggiungere questi obiettivi, anzi: «Nella nostra attività clinica quotidiana spesso ci rendiamo conto della dicotomia esistente tra mondo reale e mondo ideale. Nel mondo reale, secondo la letteratura disponibile, solo il 20% riesce ad essere a target. Vuol dire che c’è un bisogno clinico insoddisfatto, un 80% di pazienti che hanno bisogno di cure e di terapie ma che non riescono ad accedervi».

Eppure, anche il tempo gioca la sua parte: «Il rischio cardiovascolare è tempo dipendente – spiega ancora il dottor Russo -. Più tempo il nostro paziente non è a target LDL, maggiore è la probabilità di sviluppare un evento non solo cardiovascolare ma anche cerebrale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Odontoiatri e vaccino anti-Covid, Iandolo (CAO): «Non vogliamo essere tagliati fuori»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri: «Si segua criterio di esposizione al rischio, non di inquadramento contrattuale». Sì ad arruolamento come vaccinatori “in strutture ad hoc”
Troponina T: il biomarcatore cardiaco è una spia pericolosa nei pazienti con Covid-19
Uno studio realizzato tra Milano e Wuhan dal dottor Ammirati del Cardio Center dell’Ospedale Niguarda con il supporto della Fondazione De Gasperis ha evidenziato, su 2068 pazienti ricoverati in terapia intensiva, come un aumento del biomarcatore di danno cardiaco si associ ad una maggiore mortalità
di Federica Bosco
Covid-19: pazienti cronici gastro reumatologici pagano prezzo psicologico più alto
Doppio stress per i pazienti reumatici con malattie infiammatorie articolari
Dislipidemie, la gestione ottimale dei pazienti a rischio passa per l’elevata aderenza alla terapia
«Nei pazienti pluripatologici a rischio alto e molto alto c’è scarsa aderenza terapeutica. Per questo, è fondamentale instaurare un rapporto con il medico per capire la gravità del concetto di rischio cardiovascolare». Così Roberto Scicali, specialista in medicina interna
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...