Salute 23 Agosto 2018

Violenze sui camici bianchi, Anelli (FNOMCeO): «Un questionario a tutti gli operatori sanitari per definire la portata del fenomeno»

Il presidente Filippo Anelli descrive l’iniziativa della FNOMCeO per affrontare il problema delle aggressioni al personale sanitario: «Servono numeri certi per trovare soluzioni concrete. Il medico, spesso, non denuncia per non compromettere il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino»

Immagine articolo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Ddl del ministro della Salute Giulia Grillo che introduce un’aggravante per l’aggressione all’operatore sanitario durante l’esercizio delle sue funzioni ed introduce un Osservatorio nazionale sulla sicurezza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, AMATO (OMCEO PALERMO): «GLI OPERATORI SANITARI TEMONO RITORSIONI DA PARTE DEI SUPERIORI»

«Un segnale forte», come definito della stessa Grillo, «un primo passo per proteggere chi si prende cura di noi» e mettere un freno a quella che è diventata una grave emergenza nazionale: insulti, minacce, intimidazioni e attacchi fisici sono all’ordine del giorno in tutto il Paese.  Oltre a questo, però, molti sindacati e rappresentanti del mondo della sanità chiedono a gran voce che i professionisti sanitari siano inquadrati nella figura di pubblico ufficiale e ribadiscono quanto sia necessario individuare strategie e percorsi concreti che possano contrastare efficacemente il fenomeno. Per prima cosa, è fondamentale capirne la portata: un aiuto potrebbe arrivare dal questionario online di cui ci ha parlato Filippo Anelli (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri); in secondo luogo, bisogna arrivare alle radici del problema ed identificare i metodi per prevenirlo ed affrontarlo.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

Presidente Anelli, è stata presentata una Proposta di legge per equiparare il medico al pubblico ufficiale e far scattare la denuncia automatica in caso di aggressione. Lei però ha annunciato anche un questionario per capire bene la grandezza del fenomeno. Ci può spiegare di cosa si tratta?

«Si tratta di un questionario online che verrà inviato a tutti i medici; l’obiettivo è quello di fornire alle autorità competenti numeri e dati certi inerenti al fenomeno, per trovare soluzioni concrete. Con questo questionario, noi proveremo a comprendere le percentuali di aggressione: se e quanti medici hanno denunciato le violenze, dove sono avvenute e, soprattutto, quali sono i settori maggiormente “incriminati” in questo senso».

Perché molti medici non denunciano?

«Credo che ci sia un problema di carattere etico: il medico ha difficoltà a compromettere, ulteriormente, il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino. Il medico continua a vederlo e considerarlo come una persona da aiutare, non certamente da danneggiare, anche se ha subìto un episodio di violenza. L’altra motivazione è da ricercare nella sfiducia nei confronti delle istituzioni che, oltre alle persone comuni, colpisce anche i professionisti sanitari. Queste denunce, spesso, non portano ad interventi efficaci o risolutivi».

Si stanno susseguendo le iniziative parlamentari sul tema; non sarebbe il caso di raccoglierle per dare più forza alle iniziative stesse?

«Certo, questo è compito delle commissioni parlamentari. A inizio settembre chiederemo sicuramente di essere ascoltati e ricevuti dalla commissione parlamentare e lì proporremo di unificare i vari testi che sono presenti all’interno dell’attività legislativa del parlamento. D’altra parte, credo che questa sia una pratica abbastanza usuale all’interno del percorso legislativo delle leggi che vede la raccolta di più progetti di legge per poi arrivare alla stesura di un unico progetto che va in approvazione».

Articoli correlati
Rapporto SDO, la preoccupazione del Sindacato Medici Italiani: «Meno posti letto. Situazione favorisce aggressioni»
«Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente». È l'allarme lanciato da Pina Onotri, segretario generale dello SMI. A preoccupare è anche la mobilità interregionale
«Le Aziende si costituiscano parte civile contro chi aggredisce il personale sanitario»
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Generale Cisl Medici Lazio  
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
“Dimissioni” medici in Francia, Anelli (FNOMCeO): «Soffia un vento nuovo in Europa»
Il presidente della Fnomceo Filippo Anelli, su Facebook, manifesta vicinanza ai colleghi francesi che si sono ‘dimessi’ in massa dalle loro funzioni amministrative e traccia un parallelo con gli Stati Generali avviati in Italia
ECM, nasce l’Associazione dei provider: «Pronti a contribuire alla Riforma»
Simone Colombati, Presidente di “Formazione nella Sanità”, presenta gli obiettivi al Ministro Speranza: «In Italia operano 1.128 provider privati, una voce che non può essere ignorata: pronti a partecipare al tavolo di lavoro della Commissione ECM»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...