Salute 23 Agosto 2018

Violenze sui camici bianchi, Anelli (FNOMCeO): «Un questionario a tutti gli operatori sanitari per definire la portata del fenomeno»

Il presidente Filippo Anelli descrive l’iniziativa della FNOMCeO per affrontare il problema delle aggressioni al personale sanitario: «Servono numeri certi per trovare soluzioni concrete. Il medico, spesso, non denuncia per non compromettere il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino»

Immagine articolo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Ddl del ministro della Salute Giulia Grillo che introduce un’aggravante per l’aggressione all’operatore sanitario durante l’esercizio delle sue funzioni ed introduce un Osservatorio nazionale sulla sicurezza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, AMATO (OMCEO PALERMO): «GLI OPERATORI SANITARI TEMONO RITORSIONI DA PARTE DEI SUPERIORI»

«Un segnale forte», come definito della stessa Grillo, «un primo passo per proteggere chi si prende cura di noi» e mettere un freno a quella che è diventata una grave emergenza nazionale: insulti, minacce, intimidazioni e attacchi fisici sono all’ordine del giorno in tutto il Paese.  Oltre a questo, però, molti sindacati e rappresentanti del mondo della sanità chiedono a gran voce che i professionisti sanitari siano inquadrati nella figura di pubblico ufficiale e ribadiscono quanto sia necessario individuare strategie e percorsi concreti che possano contrastare efficacemente il fenomeno. Per prima cosa, è fondamentale capirne la portata: un aiuto potrebbe arrivare dal questionario online di cui ci ha parlato Filippo Anelli (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri); in secondo luogo, bisogna arrivare alle radici del problema ed identificare i metodi per prevenirlo ed affrontarlo.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

Presidente Anelli, è stata presentata una Proposta di legge per equiparare il medico al pubblico ufficiale e far scattare la denuncia automatica in caso di aggressione. Lei però ha annunciato anche un questionario per capire bene la grandezza del fenomeno. Ci può spiegare di cosa si tratta?

«Si tratta di un questionario online che verrà inviato a tutti i medici; l’obiettivo è quello di fornire alle autorità competenti numeri e dati certi inerenti al fenomeno, per trovare soluzioni concrete. Con questo questionario, noi proveremo a comprendere le percentuali di aggressione: se e quanti medici hanno denunciato le violenze, dove sono avvenute e, soprattutto, quali sono i settori maggiormente “incriminati” in questo senso».

Perché molti medici non denunciano?

«Credo che ci sia un problema di carattere etico: il medico ha difficoltà a compromettere, ulteriormente, il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino. Il medico continua a vederlo e considerarlo come una persona da aiutare, non certamente da danneggiare, anche se ha subìto un episodio di violenza. L’altra motivazione è da ricercare nella sfiducia nei confronti delle istituzioni che, oltre alle persone comuni, colpisce anche i professionisti sanitari. Queste denunce, spesso, non portano ad interventi efficaci o risolutivi».

Si stanno susseguendo le iniziative parlamentari sul tema; non sarebbe il caso di raccoglierle per dare più forza alle iniziative stesse?

«Certo, questo è compito delle commissioni parlamentari. A inizio settembre chiederemo sicuramente di essere ascoltati e ricevuti dalla commissione parlamentare e lì proporremo di unificare i vari testi che sono presenti all’interno dell’attività legislativa del parlamento. D’altra parte, credo che questa sia una pratica abbastanza usuale all’interno del percorso legislativo delle leggi che vede la raccolta di più progetti di legge per poi arrivare alla stesura di un unico progetto che va in approvazione».

Articoli correlati
AIL incontra il ministro Grillo: «Garantire accesso tempestivo alle cure CAR-T»
In occasione dei 50 anni dalla sua fondazione l’Associazione Italiana contro Leucemie, linfomi e mieloma ha presentato la sua attività di supporto ai pazienti ematologici in tutta Italia e affrontato le prospettive future nella cura dei tumori del sangue
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Il primo anno del ministro della Salute Giulia Grillo: vaccini, liste d’attesa e ddl aggressioni
Dinanzi alle Commissioni riunite Sanità e Affari sociali di Senato e Camera, il Ministro specifica che «non ci saranno tagli in sanità»
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
Carenza medici, l’appello di Leoni (FNOMCeO): «Cittadini e professionisti combattano insieme per un SSN adeguato»
Il vicepresidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici: «Cosa stiamo aspettando? I medici italiani scappano all’estero o nel privato e gli stranieri non vogliono più venire a lavorare nel nostro Paese. Dovrebbero essere previsti aumenti stipendiali importanti per riconoscere il disagio professionale di alcune branche»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...