Salute 23 Agosto 2018

Violenze sui camici bianchi, Anelli (FNOMCeO): «Un questionario a tutti gli operatori sanitari per definire la portata del fenomeno»

Il presidente Filippo Anelli descrive l’iniziativa della FNOMCeO per affrontare il problema delle aggressioni al personale sanitario: «Servono numeri certi per trovare soluzioni concrete. Il medico, spesso, non denuncia per non compromettere il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino»

Immagine articolo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Ddl del ministro della Salute Giulia Grillo che introduce un’aggravante per l’aggressione all’operatore sanitario durante l’esercizio delle sue funzioni ed introduce un Osservatorio nazionale sulla sicurezza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, AMATO (OMCEO PALERMO): «GLI OPERATORI SANITARI TEMONO RITORSIONI DA PARTE DEI SUPERIORI»

«Un segnale forte», come definito della stessa Grillo, «un primo passo per proteggere chi si prende cura di noi» e mettere un freno a quella che è diventata una grave emergenza nazionale: insulti, minacce, intimidazioni e attacchi fisici sono all’ordine del giorno in tutto il Paese.  Oltre a questo, però, molti sindacati e rappresentanti del mondo della sanità chiedono a gran voce che i professionisti sanitari siano inquadrati nella figura di pubblico ufficiale e ribadiscono quanto sia necessario individuare strategie e percorsi concreti che possano contrastare efficacemente il fenomeno. Per prima cosa, è fondamentale capirne la portata: un aiuto potrebbe arrivare dal questionario online di cui ci ha parlato Filippo Anelli (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri); in secondo luogo, bisogna arrivare alle radici del problema ed identificare i metodi per prevenirlo ed affrontarlo.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

Presidente Anelli, è stata presentata una Proposta di legge per equiparare il medico al pubblico ufficiale e far scattare la denuncia automatica in caso di aggressione. Lei però ha annunciato anche un questionario per capire bene la grandezza del fenomeno. Ci può spiegare di cosa si tratta?

«Si tratta di un questionario online che verrà inviato a tutti i medici; l’obiettivo è quello di fornire alle autorità competenti numeri e dati certi inerenti al fenomeno, per trovare soluzioni concrete. Con questo questionario, noi proveremo a comprendere le percentuali di aggressione: se e quanti medici hanno denunciato le violenze, dove sono avvenute e, soprattutto, quali sono i settori maggiormente “incriminati” in questo senso».

Perché molti medici non denunciano?

«Credo che ci sia un problema di carattere etico: il medico ha difficoltà a compromettere, ulteriormente, il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino. Il medico continua a vederlo e considerarlo come una persona da aiutare, non certamente da danneggiare, anche se ha subìto un episodio di violenza. L’altra motivazione è da ricercare nella sfiducia nei confronti delle istituzioni che, oltre alle persone comuni, colpisce anche i professionisti sanitari. Queste denunce, spesso, non portano ad interventi efficaci o risolutivi».

Si stanno susseguendo le iniziative parlamentari sul tema; non sarebbe il caso di raccoglierle per dare più forza alle iniziative stesse?

«Certo, questo è compito delle commissioni parlamentari. A inizio settembre chiederemo sicuramente di essere ascoltati e ricevuti dalla commissione parlamentare e lì proporremo di unificare i vari testi che sono presenti all’interno dell’attività legislativa del parlamento. D’altra parte, credo che questa sia una pratica abbastanza usuale all’interno del percorso legislativo delle leggi che vede la raccolta di più progetti di legge per poi arrivare alla stesura di un unico progetto che va in approvazione».

Articoli correlati
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
Salute e migrazione, la FNOMCeO presenta il corso ECM per curare e prendersi cura. Anelli: «Nessuno va trascurato»
Il corso è disponibile gratuitamente per tutti i medici italiani ed è stato realizzato con la collaborazione di Sanità di Frontiera OIS, presieduta da Francesco Aureli: «La salute e il benessere dei migranti devono procedere di pari passo con la salute e il benessere della comunità ospitante»
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»
Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»
di Isabella Faggiano
Aggressioni ai Veterinari Pubblici, condannate due persone. SIVeMP: «Segnale positivo ma c’è ancora tanto da fare»
Condannate a 8 e 9 mesi di reclusione due persone che nel 2015 avevano preso a calci e pugni un veterinario in un piccolo paese del Leccese. Il veterinario era stato aggredito per aver denunciato un illecito conseguente alla vendita fraudolenta di un cavallo sottoposto a sequestro amministrativo. Gli imputati sono stati condannati per lesioni […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...