Salute 23 agosto 2018

Violenze sui camici bianchi, Anelli (FNOMCeO): «Un questionario a tutti gli operatori sanitari per definire la portata del fenomeno»

Il presidente Filippo Anelli descrive l’iniziativa della FNOMCeO per affrontare il problema delle aggressioni al personale sanitario: «Servono numeri certi per trovare soluzioni concrete. Il medico, spesso, non denuncia per non compromettere il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino»

Immagine articolo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Ddl del ministro della Salute Giulia Grillo che introduce un’aggravante per l’aggressione all’operatore sanitario durante l’esercizio delle sue funzioni ed introduce un Osservatorio nazionale sulla sicurezza.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, AMATO (OMCEO PALERMO): «GLI OPERATORI SANITARI TEMONO RITORSIONI DA PARTE DEI SUPERIORI»

«Un segnale forte», come definito della stessa Grillo, «un primo passo per proteggere chi si prende cura di noi» e mettere un freno a quella che è diventata una grave emergenza nazionale: insulti, minacce, intimidazioni e attacchi fisici sono all’ordine del giorno in tutto il Paese.  Oltre a questo, però, molti sindacati e rappresentanti del mondo della sanità chiedono a gran voce che i professionisti sanitari siano inquadrati nella figura di pubblico ufficiale e ribadiscono quanto sia necessario individuare strategie e percorsi concreti che possano contrastare efficacemente il fenomeno. Per prima cosa, è fondamentale capirne la portata: un aiuto potrebbe arrivare dal questionario online di cui ci ha parlato Filippo Anelli (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri); in secondo luogo, bisogna arrivare alle radici del problema ed identificare i metodi per prevenirlo ed affrontarlo.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, FLORI DEGRASSI (ASL ROMA 2): «OPERATORI IN TRINCEA, MINACCIATI ANCHE CON PISTOLE»

Presidente Anelli, è stata presentata una Proposta di legge per equiparare il medico al pubblico ufficiale e far scattare la denuncia automatica in caso di aggressione. Lei però ha annunciato anche un questionario per capire bene la grandezza del fenomeno. Ci può spiegare di cosa si tratta?

«Si tratta di un questionario online che verrà inviato a tutti i medici; l’obiettivo è quello di fornire alle autorità competenti numeri e dati certi inerenti al fenomeno, per trovare soluzioni concrete. Con questo questionario, noi proveremo a comprendere le percentuali di aggressione: se e quanti medici hanno denunciato le violenze, dove sono avvenute e, soprattutto, quali sono i settori maggiormente “incriminati” in questo senso».

Perché molti medici non denunciano?

«Credo che ci sia un problema di carattere etico: il medico ha difficoltà a compromettere, ulteriormente, il rapporto di fiducia che lo lega al cittadino. Il medico continua a vederlo e considerarlo come una persona da aiutare, non certamente da danneggiare, anche se ha subìto un episodio di violenza. L’altra motivazione è da ricercare nella sfiducia nei confronti delle istituzioni che, oltre alle persone comuni, colpisce anche i professionisti sanitari. Queste denunce, spesso, non portano ad interventi efficaci o risolutivi».

Si stanno susseguendo le iniziative parlamentari sul tema; non sarebbe il caso di raccoglierle per dare più forza alle iniziative stesse?

«Certo, questo è compito delle commissioni parlamentari. A inizio settembre chiederemo sicuramente di essere ascoltati e ricevuti dalla commissione parlamentare e lì proporremo di unificare i vari testi che sono presenti all’interno dell’attività legislativa del parlamento. D’altra parte, credo che questa sia una pratica abbastanza usuale all’interno del percorso legislativo delle leggi che vede la raccolta di più progetti di legge per poi arrivare alla stesura di un unico progetto che va in approvazione».

Articoli correlati
Aggressioni, a Gallarate paziente si suicida e parenti danno in escandescenza. Infermiera presa a pugni
L'episodio avvenuto all’ospedale Sant’Antonio Abate di Gallarate, in provincia di Varese. Il giovane era seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT)
I sindacati della dirigenza medica e sanitaria sospendono lo sciopero ma mantengono lo stato di agitazione
Nel corso dell’incontro con l’intersindacale, il ministro della Salute Giulia Grillo ha mostrato l’emendamento che annulla la retroattività del comma 687 della Legge di Bilancio e si è impegnata a far convocare i sindacati dall’Aran. Sul tavolo, anche confronto per lo sblocco della RIA
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...