Lavoro 13 febbraio 2018

Aggressioni al personale sanitario, Maio (FIMMG): «Presto un tutorial per imparare a difendersi»

«Mai nella mia lunga carriera di formatrice avrei pensato di dover insegnare ai medici a difendersi» la denuncia del Segretario Nazionale per la Continuità Assistenziale della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale

Immagine articolo

«Bisogna imparare a difendersi: i camici bianchi devono sapere fronteggiare situazioni di emergenza in cui, purtroppo, viene messa a rischio la loro incolumità» questo l’appello di Tommasa Maio, Segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG molto attiva sulle iniziative di contrasto e di analisi delle sempre più frequenti aggressioni al personale sanitario. La violenza nei confronti del personale medico è «un’emergenza sempre più impellente ed è un dovere delle istituzioni farne un impegno in primis etico e morale» dichiara la Dottoressa Maio ai nostri microfoni.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, S.I.VE.M.P.: «AZIONI CONCRETE O PRONTI ALLO SCIOPERO»

In che modo la FIMMG sta facendo fronte a questa emergenza, quali sono i progetti futuri e quelli in corso?

«Quello che accadde nello scorso autunno ad una collega in Sicilia ha rappresentato per noi il punto di non ritorno. Non è più ammissibile che si possano determinare delle condizioni anche solo di potenziale pericolo. Dopo gli ultimi episodi di violenza abbiamo preso un impegno prima di tutto etico e morale per cercare di assicurare al professionista condizioni di migliorare la sua sicurezza. Tra le iniziative che la FIMMG ha lanciato sul territorio ‘l’ispezione da dentro’, occasione in cui abbiamo invitato i colleghi di tutta Italia, a segnalarci spontaneamente situazioni di rischio e condizioni di lavoro non idonee. Abbiamo raccolto nell’arco di poco più di 15 giorni, 408 segnalazioni corredate da documentazione fotografica che abbiamo consegnato nelle mani del Ministro Beatrice Lorenzin che si è impegnata a fare in modo che quel materiale diventasse oggetto di studio della Commissione ministeriale. Dunque siamo partiti con un’azione sistematica su tutte le aziende del territorio italiano (Abruzzo, Lombardia, Piemonte, Puglia e Sicilia) e stiamo procedendo nella verifica a tappeto di quali situazioni ci sono azienda per azienda. Ma non abbiamo intenzione di fermarci qui: andremo a chiedere il documento di valutazione del rischio di ogni sede di continuità assistenziale esistente in Italia (si tratta di un documento richiesto dalla Legge) ma a noi non basta che un funzionario solerte abbia compilato quel documento perché una volta che sia accertato che in una sede di continuità assistenziale persistano delle condizioni di rischio, noi ci aspettiamo anche dei provvedimenti. Inoltre non possiamo non fare un’azione di ascolto rispetto a quelle che sono le segnalazioni dei colleghi e stiamo predisponendo anche un’esperienza di formazione proprio per aiutare i colleghi ad evitare, se possibile, delle potenziali situazioni di rischio. Io sono un formatore da 15 anni e amo profondamente fare formazione, tuttavia mai nella vita avrei pensato di dover pormi il problema di aiutare i colleghi a prepararsi a situazioni di questa gravità, abbiamo abbondantemente superato il limite della civiltà» si sfoga la Dottoressa Maio annunciando che sarà presto presentato un tutorial per imparare a difendersi da far fruire a tutto il personale sanitario».

LEGGI ANCHE: MANDELLI: «PUNTARE SU PREVENZIONE E PROSSIMITÀ PER GARANTIRE LUNGA VITA AL SSN»

Altrettanto importante è l’assistenza nel post trauma: dopo un’aggressione sul posto di lavoro possono verificarsi sindromi da burn-out che necessitano assistenza specifica. In questo senso la FIMMG si sta muovendo?

«Stiamo cercando di fare del nostro meglio per quella che è la parte di nostra competenza, cioè prevenire le potenziali situazioni di rischio, vogliamo fornire un supporto ai medici perché siano attenti quando si trovano in determinate situazioni a rispondere nella maniera migliore. Chiaramente non abbandoniamo il medico nel momento in cui si è determinato, purtroppo, un evento increscioso. Infatti dopo aver subito un trauma è inevitabile si presenti una difficoltà a tornare a lavoro. Voglio sottolineare che la sicurezza non è un problema che riguarda solo le donne, infatti quattro giorni dopo l’aggressione della collega in Sicilia, due medici, due uomini medici, in servizio, sono stati praticamente costretti a barricarsi dentro una sede in Veneto, perché si trovavano di fronte un soggetto che assumeva comportamenti minacciosi. Quindi il problema della violenza è un difficoltà piuttosto ampia che riguarda sia uomini che donne e per i quali va fatta un’azione condivisa».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Fimmg, Scotti rieletto segretario. Studio CGIA Mestre: «Più anziani al lavoro ma più malati. Investire in prevenzione»
Nell'Esecutivo Nazionale Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Massimo Corti, Domenico Crisarà, Renzo Le Pera, Malek Mediati. L'Italia ha tra i più elevati tassi di lavoratori anziani in Europa. Ma aspettativa di vita degli italiani dopo i 50 anni è rappresentata da anni non in salute. Il Segretario Fimmg: « I medici di famiglia si candidano a essere i nuovi economisti di questo Paese»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila