Salute 18 gennaio 2018

SMI: ancora violenze sui medici in Sicilia, occorre intervento fermo e tempestivo da parte dello Stato

Il Sindacato dei medici italiani chiede un intervento immediato e deciso del presidente della Regione, Nello Musumeci, e del ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera netta dalla parte di chi garantisce il diritto alla salute dei cittadini»

Ѐ allarme sicurezza per la categoria medica. «Non accenna a placarsi in Sicilia la spirale di violenza che coinvolge medici e personale sanitario ormai quotidianamente». Queste le affermazioni di Emanuele Cosentino, vice segretario regionale del Sindacato dei Medici Italiani (Smi) Sicilia, contenute in una nota stampa.

Nell’ultima settimana, infatti, 3 infermieri sono stati  aggrediti presso alcuni presidi ospedalieri di Palermo e un medico e un ausiliario del Pronto soccorso all’ospedale di Caltanissetta. «Per spezzare definitivamente questa tragica spirale» il Sindacato Medici Italiani chiede un intervento immediato e deciso del Presidente della Regione, Nello Musumeci, e del Ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera definitiva e netta dalla parte di chi garantisce il diritto costituzionale alla salute dei cittadini. Non è accettabile – prosegue lo Smi – che il personale sanitario, che per formazione rifiuta ogni forma di violenza, sia a rischio in ogni intervento, in ogni minuto della sua giornata lavorativa. Ѐ ormai necessario che vengano presi dei provvedimenti seri a difesa dei medici, e non solo, con una maggiore attenzione e presenza delle forze dell’ordine, attribuendo ai professionisti sanitari definitivamente lo stato di pubblici ufficiali nell’esercizio professionale, con le conseguenti misure previste dalla legge in questi casi, quali il fermo di polizia e la denuncia d’ufficio all’autorità giudiziaria per gli aggressori – sottolinea Cosentino – ».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI MEDICI, FOTO CHOC SUI SOCIAL PER DENUNCIARE VIOLENZE 

«L’episodio più grave – ricorda il vice segretario  – si è verificato nei confronti di un medico del 118 della postazione Msa di Falcone. Inviato per un soccorso in codice verde a Patti, nella notte del 5 gennaio è stato aggredito dallo stesso paziente che stava soccorrendo e dai familiari dello stesso. Il medico ha ricevuto un pugno che gli ha provocato la frattura del setto nasale e la lacerazione del labbro superiore. Il conseguente intervento dei carabinieri, a loro volta aggrediti, che hanno avuto difficoltà a riportare l’ordine, ha permesso di completare il soccorso e il trasporto in ospedale del cosiddetto ‘paziente’ e dello stesso medico che ha avuto una prognosi di 30 giorni. A causa dell”incidente – conclude Cosentino – l’ambulanza del 118 è rimasta priva del medico per la restante parte del turno, determinando una carenza assistenziale nei confronti di altri cittadini e difficoltà gestionali alla stessa centrale operativa 118 di Messina».

 

Articoli correlati
Aggressioni, FNOMCeO in audizione al Senato: «Minate le basi del SSN, serve decreto legge»
«La situazione dei nostri medici, infermieri e operatori rappresenta una vera emergenza di sanità pubblica. C’è necessità di un intervento legislativo immediato», così il presidente della Federazione Filippo Anelli
Aggressioni, Anaao-Assomed: «Ora la politica è pronta per un nuovo modello di garanzia a tutela degli operatori della salute»
Bilancio propositivo a margine del confronto tra rappresentati parlamentari, parti sociali e sindacali in occasione del convegno organizzato dall’AnaaoAssomed Campania presso l’aula magna del C.T.O di Napoli, dal titolo “Aggressioni in Sanità: la salute degli Operatori”. «Anaao-Assomed è riuscita, dopo anni di assoluta assenza della politica – si legge nella nota stampa diffusa dal sindacato […]
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
Sanità, ferie non godute: i camici bianchi non perdono il diritto all’indennità
Medici e operatori sanitari, a causa delle ormai croniche carenze di organico, arrivano alla pensione anche con 300 giorni di ferie non godute. Corte Giustizia Ue: Diritto all'indennità anche se lavoratore non ha richiesto di fruirne durante il periodo di servizio. Consulcesi: «Al datore di lavoro l'onere di dimostrare di aver adottato le misure necessarie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano