Salute 18 Gennaio 2018 12:37

SMI: ancora violenze sui medici in Sicilia, occorre intervento fermo e tempestivo da parte dello Stato

Il Sindacato dei medici italiani chiede un intervento immediato e deciso del presidente della Regione, Nello Musumeci, e del ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera netta dalla parte di chi garantisce il diritto alla salute dei cittadini»

Ѐ allarme sicurezza per la categoria medica. «Non accenna a placarsi in Sicilia la spirale di violenza che coinvolge medici e personale sanitario ormai quotidianamente». Queste le affermazioni di Emanuele Cosentino, vice segretario regionale del Sindacato dei Medici Italiani (Smi) Sicilia, contenute in una nota stampa.

Nell’ultima settimana, infatti, 3 infermieri sono stati  aggrediti presso alcuni presidi ospedalieri di Palermo e un medico e un ausiliario del Pronto soccorso all’ospedale di Caltanissetta. «Per spezzare definitivamente questa tragica spirale» il Sindacato Medici Italiani chiede un intervento immediato e deciso del Presidente della Regione, Nello Musumeci, e del Ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera definitiva e netta dalla parte di chi garantisce il diritto costituzionale alla salute dei cittadini. Non è accettabile – prosegue lo Smi – che il personale sanitario, che per formazione rifiuta ogni forma di violenza, sia a rischio in ogni intervento, in ogni minuto della sua giornata lavorativa. Ѐ ormai necessario che vengano presi dei provvedimenti seri a difesa dei medici, e non solo, con una maggiore attenzione e presenza delle forze dell’ordine, attribuendo ai professionisti sanitari definitivamente lo stato di pubblici ufficiali nell’esercizio professionale, con le conseguenti misure previste dalla legge in questi casi, quali il fermo di polizia e la denuncia d’ufficio all’autorità giudiziaria per gli aggressori – sottolinea Cosentino – ».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI MEDICI, FOTO CHOC SUI SOCIAL PER DENUNCIARE VIOLENZE 

«L’episodio più grave – ricorda il vice segretario  – si è verificato nei confronti di un medico del 118 della postazione Msa di Falcone. Inviato per un soccorso in codice verde a Patti, nella notte del 5 gennaio è stato aggredito dallo stesso paziente che stava soccorrendo e dai familiari dello stesso. Il medico ha ricevuto un pugno che gli ha provocato la frattura del setto nasale e la lacerazione del labbro superiore. Il conseguente intervento dei carabinieri, a loro volta aggrediti, che hanno avuto difficoltà a riportare l’ordine, ha permesso di completare il soccorso e il trasporto in ospedale del cosiddetto ‘paziente’ e dello stesso medico che ha avuto una prognosi di 30 giorni. A causa dell”incidente – conclude Cosentino – l’ambulanza del 118 è rimasta priva del medico per la restante parte del turno, determinando una carenza assistenziale nei confronti di altri cittadini e difficoltà gestionali alla stessa centrale operativa 118 di Messina».

 

Articoli correlati
Arriva l’estate ma i professionisti sanitari non riescono ad andare in ferie. È allarme burnout
Hanno lavorato duramente perché questa fosse un'estate serena per tutti, ma medici e professionisti sanitari non sono certi di potersi riposare. Su di loro pesano ancora le visite rimandate e la campagna vaccinale, ma si rischiano conseguenze fisiche e psicologiche a lungo termine. Come tutelarsi
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Napoli, ancora violenza al Cardarelli. Il direttore del PS: «Aggressioni si ripercuotono sull’assistenza ai pazienti»
«A seguito del decesso di una paziente, otto familiari hanno aggredito con particolare veemenza il personale in servizio costretto a rifugiarsi nelle stanze e ad interrompere momentaneamente la normale attività»
Sopravvissuti a violenza e torture, a Palermo un ambulatorio specialistico per migranti
Il servizio per la riabilitazione di migranti e rifugiati, è stato inaugurato due mesi fa. Nato dalla collaborazione di Medici Senza Frontiere (MSF) e l’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP) di Palermo, offre sostegno psicologico, medico, sociale e legale
di Isabella Faggiano
I medici scrivono a Draghi e a Speranza: «Chiediamo ruolo da protagonisti nel rinnovamento in sanità»
I nove punti su cui FNOMCeO e sindacati chiedono un'interlocuzione con il governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM