Salute 18 gennaio 2018

SMI: ancora violenze sui medici in Sicilia, occorre intervento fermo e tempestivo da parte dello Stato

Il Sindacato dei medici italiani chiede un intervento immediato e deciso del presidente della Regione, Nello Musumeci, e del ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera netta dalla parte di chi garantisce il diritto alla salute dei cittadini»

Ѐ allarme sicurezza per la categoria medica. «Non accenna a placarsi in Sicilia la spirale di violenza che coinvolge medici e personale sanitario ormai quotidianamente». Queste le affermazioni di Emanuele Cosentino, vice segretario regionale del Sindacato dei Medici Italiani (Smi) Sicilia, contenute in una nota stampa.

Nell’ultima settimana, infatti, 3 infermieri sono stati  aggrediti presso alcuni presidi ospedalieri di Palermo e un medico e un ausiliario del Pronto soccorso all’ospedale di Caltanissetta. «Per spezzare definitivamente questa tragica spirale» il Sindacato Medici Italiani chiede un intervento immediato e deciso del Presidente della Regione, Nello Musumeci, e del Ministro dell’Interno, Marco Minniti, affinché «lo Stato si schieri in maniera definitiva e netta dalla parte di chi garantisce il diritto costituzionale alla salute dei cittadini. Non è accettabile – prosegue lo Smi – che il personale sanitario, che per formazione rifiuta ogni forma di violenza, sia a rischio in ogni intervento, in ogni minuto della sua giornata lavorativa. Ѐ ormai necessario che vengano presi dei provvedimenti seri a difesa dei medici, e non solo, con una maggiore attenzione e presenza delle forze dell’ordine, attribuendo ai professionisti sanitari definitivamente lo stato di pubblici ufficiali nell’esercizio professionale, con le conseguenti misure previste dalla legge in questi casi, quali il fermo di polizia e la denuncia d’ufficio all’autorità giudiziaria per gli aggressori – sottolinea Cosentino – ».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI MEDICI, FOTO CHOC SUI SOCIAL PER DENUNCIARE VIOLENZE 

«L’episodio più grave – ricorda il vice segretario  – si è verificato nei confronti di un medico del 118 della postazione Msa di Falcone. Inviato per un soccorso in codice verde a Patti, nella notte del 5 gennaio è stato aggredito dallo stesso paziente che stava soccorrendo e dai familiari dello stesso. Il medico ha ricevuto un pugno che gli ha provocato la frattura del setto nasale e la lacerazione del labbro superiore. Il conseguente intervento dei carabinieri, a loro volta aggrediti, che hanno avuto difficoltà a riportare l’ordine, ha permesso di completare il soccorso e il trasporto in ospedale del cosiddetto ‘paziente’ e dello stesso medico che ha avuto una prognosi di 30 giorni. A causa dell”incidente – conclude Cosentino – l’ambulanza del 118 è rimasta priva del medico per la restante parte del turno, determinando una carenza assistenziale nei confronti di altri cittadini e difficoltà gestionali alla stessa centrale operativa 118 di Messina».

 

Articoli correlati
Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante
L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più
Emilia-Romagna, il Gruppo San Donato acquisisce la Casa di Cura Villa Chiara
Il Gruppo ospedaliero San Donato (GSD) ha perfezionato l’acquisizione della quota di maggioranza del capitale sociale di Villa Chiara S.p.A., ospedale privato accreditato con il servizio sanitario dell’Emilia Romagna. L’Assemblea di Villa Chiara, riunitasi il 28 settembre scorso, ha provveduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione dell’ospedale, che ha nominato Presidente il dottor Paolo Rotelli, […]
Contratto, Vergallo (Aaroi-Emac): «Sciopero di un anestesista blocca dieci professionisti. Faremo sentire peso della categoria»
Il presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri spiega i motivi che hanno condotto l’intersindacale allo stato di agitazione. E manda un messaggio ai cittadini: «Volete il reddito di cittadinanza o la sanità pubblica?»
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Violenza di genere, Roberto Carlo Rossi (OMCeO Milano): «C’è bisogno di fatti concreti, pochi si impegnano davvero per risolvere il problema»
L’OMCeO Milano, il Comune di Milano, la Regione Lombardia, il Policlinico Ca’ Granda e Club Medici scendono in campo insieme per contrastare il fenomeno. Al via il 27 ottobre la nuova edizione del corso di formazione ECM "Violenza sulle donne, violenza di genere” di Club Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...