Salute 7 Agosto 2018

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», così il Direttore dell’Asl Rm2 sul tema della violenza contro i camici bianchi

Immagine articolo

Il fenomeno delle aggressioni ed intimidazioni verbali e fisiche ai danni degli operatori sanitari non sembra avere fine, anzi è ancora in allarmante crescita. Per contrastare gli episodi di violenza e cercare di arginare quella che è diventata una vera e propria emergenza, il ministro della Salute Giulia Grillo ha chiesto al Governo di potenziare la presenza delle forze dell’ordine in alcune strutture sanitarie considerate più “a rischio”. Come quelle dislocate all’interno del bacino dell’Azienda Asl Roma 2 che si colloca nella zona sud e sud-est del Comune di Roma e articola in sei distretti sanitari territoriali e due presidi ospedalieri: l’ospedale Sandro Pertini ed il S. Eugenio unificato con la struttura del CTO “Andrea Alesini.

Un territorio difficile ed estremamente popoloso, dove si sono registrati non pochi episodi di aggressioni contro i professionisti sanitari. Il direttore generale della Asl Roma 2, la dottoressa Flori Degrassi, ha denunciato ai nostri microfoni una situazione complicata ed individuato le strategie per fermare l’escalation di attacchi e violenze.

LEGGI ANCHE: REGIONE LAZIO, ISTITUITO OSSERVATORIO SULLE AGGRESSIONI AL PERSONALE MEDICO

Dottoressa, lei ha parlato di operatori sanitari in trincea: ci vuole raccontare cosa sta succedendo nella sua Asl e nel suo territorio?

«Sì, recentemente ci sono stati dei casi di rapina ed aggressioni al personale sanitario anche con delle pistole che riproducevano quelle normali a cui avevano tolto il tappino rosso di riconoscimento. È naturale che, di fronte ad una pistola, vera o finta che sia, gli operatori sanitari hanno avuto terrore. Stiamo parlando di un fenomeno recidivante. Specialmente nella zona di San Basilio gli operatori sono terrorizzati. È chiaro che noi siamo impotenti, lavoriamo in un territorio veramente difficile, ci sono problemi sia nei Pronto soccorso che su cento presidi territoriali. Anche la forza pubblica, in questo momento, ci può dare un supporto relativo, c’è carenza di personale anche per loro. Per questo, noi chiederemo un posto di polizia attivo di notte almeno nei Pronto soccorso dove c’è un servizio H24, in cui il problema è più sentito e gli attacchi avvengono specialmente la notte. E per quanto riguarda i presidi territoriali è necessario un protocollo con le forze dell’ordine perché i nostri operatori si sentono in trincea e perdono la motivazione a continuare a fare il proprio lavoro».

Lei ha parlato anche di vetri antiproiettile: ecco, quanto è difficile psicologicamente lavorare così?

«Abbiamo dovuto mettere le barriere specialmente nei Pronto soccorso, nello specifico all’ospedale Sandro Pertini, perché gli episodi di aggressioni erano recidivanti. La barriera ostacola il rapporto tra il paziente e l’operatore sanitario: l’interfono, infatti, non permette a quest’ultimo di prendere in carico il paziente a 360 gradi ed è difficile, per chi sta male, affidarsi completamente vedendo una “barriera” che divide dall’interlocutore.  A volte aumenta perfino l’aggressività delle persone. Il problema è che non abbiamo una soluzione facile, cerchiamo tutti di dare delle risposte che per tutelare la sicurezza dell’operatore ma che al tempo stesso lo rendano vicino al paziente. È una mediazione complicata, ma nel nostro lavoro la comunicazione con il paziente è fondamentale per la sua corretta gestione e presa in carico».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
Spot risarcimenti, Rostan (LeU): «Peggiora rapporto medico-paziente». Appello al Ministro Grillo su aggressioni: «Serve equiparazione medico-pubblico ufficiale»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali di Montecitorio lancia l’idea di «un patto territoriale fra i medici di base e le aziende ospedaliere per ridurre il ricorso ai Pronto soccorso e di conseguenza gli atti di violenza». E sul ddl anti-violenza rilancia: «Pronti a ritirare nostre firme se può servire a dar seguito alla legge: occorre restituire dignità al lavoro dei medici e degli operatori sanitari consentendo la procedibilità d’ufficio»
Giovane dottoressa aggredita a Bagheria si sfoga su Facebook: «Siamo soli, quel posto è un ring». Maio (FIMMG CA): «Subito legge per procedibilità d’ufficio»
L'episodio avvenuto nella guardia medica della località vicino Palermo: 15 giorni di prognosi. Sui social tutta la sua amarezza. «Nelle sue parole ci riconosciamo tutti, fino a quando potremo andare avanti così?», sottolinea Tommasa Maio, responsabile FIMMG Continuità assistenziale
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...