Salute 7 Agosto 2018

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», così il Direttore dell’Asl Rm2 sul tema della violenza contro i camici bianchi

Immagine articolo

Il fenomeno delle aggressioni ed intimidazioni verbali e fisiche ai danni degli operatori sanitari non sembra avere fine, anzi è ancora in allarmante crescita. Per contrastare gli episodi di violenza e cercare di arginare quella che è diventata una vera e propria emergenza, il ministro della Salute Giulia Grillo ha chiesto al Governo di potenziare la presenza delle forze dell’ordine in alcune strutture sanitarie considerate più “a rischio”. Come quelle dislocate all’interno del bacino dell’Azienda Asl Roma 2 che si colloca nella zona sud e sud-est del Comune di Roma e articola in sei distretti sanitari territoriali e due presidi ospedalieri: l’ospedale Sandro Pertini ed il S. Eugenio unificato con la struttura del CTO “Andrea Alesini.

Un territorio difficile ed estremamente popoloso, dove si sono registrati non pochi episodi di aggressioni contro i professionisti sanitari. Il direttore generale della Asl Roma 2, la dottoressa Flori Degrassi, ha denunciato ai nostri microfoni una situazione complicata ed individuato le strategie per fermare l’escalation di attacchi e violenze.

LEGGI ANCHE: REGIONE LAZIO, ISTITUITO OSSERVATORIO SULLE AGGRESSIONI AL PERSONALE MEDICO

Dottoressa, lei ha parlato di operatori sanitari in trincea: ci vuole raccontare cosa sta succedendo nella sua Asl e nel suo territorio?

«Sì, recentemente ci sono stati dei casi di rapina ed aggressioni al personale sanitario anche con delle pistole che riproducevano quelle normali a cui avevano tolto il tappino rosso di riconoscimento. È naturale che, di fronte ad una pistola, vera o finta che sia, gli operatori sanitari hanno avuto terrore. Stiamo parlando di un fenomeno recidivante. Specialmente nella zona di San Basilio gli operatori sono terrorizzati. È chiaro che noi siamo impotenti, lavoriamo in un territorio veramente difficile, ci sono problemi sia nei Pronto soccorso che su cento presidi territoriali. Anche la forza pubblica, in questo momento, ci può dare un supporto relativo, c’è carenza di personale anche per loro. Per questo, noi chiederemo un posto di polizia attivo di notte almeno nei Pronto soccorso dove c’è un servizio H24, in cui il problema è più sentito e gli attacchi avvengono specialmente la notte. E per quanto riguarda i presidi territoriali è necessario un protocollo con le forze dell’ordine perché i nostri operatori si sentono in trincea e perdono la motivazione a continuare a fare il proprio lavoro».

Lei ha parlato anche di vetri antiproiettile: ecco, quanto è difficile psicologicamente lavorare così?

«Abbiamo dovuto mettere le barriere specialmente nei Pronto soccorso, nello specifico all’ospedale Sandro Pertini, perché gli episodi di aggressioni erano recidivanti. La barriera ostacola il rapporto tra il paziente e l’operatore sanitario: l’interfono, infatti, non permette a quest’ultimo di prendere in carico il paziente a 360 gradi ed è difficile, per chi sta male, affidarsi completamente vedendo una “barriera” che divide dall’interlocutore.  A volte aumenta perfino l’aggressività delle persone. Il problema è che non abbiamo una soluzione facile, cerchiamo tutti di dare delle risposte che per tutelare la sicurezza dell’operatore ma che al tempo stesso lo rendano vicino al paziente. È una mediazione complicata, ma nel nostro lavoro la comunicazione con il paziente è fondamentale per la sua corretta gestione e presa in carico».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, approvato il Ddl in Commissione Sanità: inasprite le pene e introdotta la procedibilità d’ufficio
Previsto inoltre un Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari al ministero della Salute. Il ministro Grillo: «Un passo importante contro gli odiosi episodi di aggressioni e minacce in corsia»
Medici di Famiglia, FIMMG proclama stato di agitazione. Il segretario Scotti: «Defiscalizzazioni e ‘microteam’, aspettiamo risposte su ACN»
Il Segretario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale rilancia le proposte del sindacato per chiudere l’Accordo collettivo nazionale: «Incominciamo a ragionare su un team di fiducia, che copre l’arco orario, dando le dovute risposte e smistando le varie richieste» spiega Scotti, che poi chiede anche la decontribuzione per l’assunzione del personale. E non esclude lo sciopero: «Se nessuno ci risponde ci faremo le vacanze»
di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Salute mentale, grande successo in Europa per il progetto HERO della ASL Roma 2
Il progetto triennale HERO (Housing: an educational European ROad to civil rights) del programma Erasmus+/2016, promosso e coordinato in Europa dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2, il più grande DSM metropolitano d’Italia con un bacino di utenza di oltre 1milione 300mila abitanti, si conclude con successo. Oltre l’ASL Roma 2, hanno partecipato la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...