Salute 7 agosto 2018

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», così il Direttore dell’Asl Rm2 sul tema della violenza contro i camici bianchi

Immagine articolo

Il fenomeno delle aggressioni ed intimidazioni verbali e fisiche ai danni degli operatori sanitari non sembra avere fine, anzi è ancora in allarmante crescita. Per contrastare gli episodi di violenza e cercare di arginare quella che è diventata una vera e propria emergenza, il ministro della Salute Giulia Grillo ha chiesto al Governo di potenziare la presenza delle forze dell’ordine in alcune strutture sanitarie considerate più “a rischio”. Come quelle dislocate all’interno del bacino dell’Azienda Asl Roma 2 che si colloca nella zona sud e sud-est del Comune di Roma e articola in sei distretti sanitari territoriali e due presidi ospedalieri: l’ospedale Sandro Pertini ed il S. Eugenio unificato con la struttura del CTO “Andrea Alesini.

Un territorio difficile ed estremamente popoloso, dove si sono registrati non pochi episodi di aggressioni contro i professionisti sanitari. Il direttore generale della Asl Roma 2, la dottoressa Flori Degrassi, ha denunciato ai nostri microfoni una situazione complicata ed individuato le strategie per fermare l’escalation di attacchi e violenze.

LEGGI ANCHE: REGIONE LAZIO, ISTITUITO OSSERVATORIO SULLE AGGRESSIONI AL PERSONALE MEDICO

Dottoressa, lei ha parlato di operatori sanitari in trincea: ci vuole raccontare cosa sta succedendo nella sua Asl e nel suo territorio?

«Sì, recentemente ci sono stati dei casi di rapina ed aggressioni al personale sanitario anche con delle pistole che riproducevano quelle normali a cui avevano tolto il tappino rosso di riconoscimento. È naturale che, di fronte ad una pistola, vera o finta che sia, gli operatori sanitari hanno avuto terrore. Stiamo parlando di un fenomeno recidivante. Specialmente nella zona di San Basilio gli operatori sono terrorizzati. È chiaro che noi siamo impotenti, lavoriamo in un territorio veramente difficile, ci sono problemi sia nei Pronto soccorso che su cento presidi territoriali. Anche la forza pubblica, in questo momento, ci può dare un supporto relativo, c’è carenza di personale anche per loro. Per questo, noi chiederemo un posto di polizia attivo di notte almeno nei Pronto soccorso dove c’è un servizio H24, in cui il problema è più sentito e gli attacchi avvengono specialmente la notte. E per quanto riguarda i presidi territoriali è necessario un protocollo con le forze dell’ordine perché i nostri operatori si sentono in trincea e perdono la motivazione a continuare a fare il proprio lavoro».

Lei ha parlato anche di vetri antiproiettile: ecco, quanto è difficile psicologicamente lavorare così?

«Abbiamo dovuto mettere le barriere specialmente nei Pronto soccorso, nello specifico all’ospedale Sandro Pertini, perché gli episodi di aggressioni erano recidivanti. La barriera ostacola il rapporto tra il paziente e l’operatore sanitario: l’interfono, infatti, non permette a quest’ultimo di prendere in carico il paziente a 360 gradi ed è difficile, per chi sta male, affidarsi completamente vedendo una “barriera” che divide dall’interlocutore.  A volte aumenta perfino l’aggressività delle persone. Il problema è che non abbiamo una soluzione facile, cerchiamo tutti di dare delle risposte che per tutelare la sicurezza dell’operatore ma che al tempo stesso lo rendano vicino al paziente. È una mediazione complicata, ma nel nostro lavoro la comunicazione con il paziente è fondamentale per la sua corretta gestione e presa in carico».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

Articoli correlati
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Aggressione Crotone, fuori pericolo dottoressa aggredita. Parla il Direttore dell’Ospedale San Giovanni di Dio: «Lavoriamo con la paura, è una costante»
Lucio Cosentino, Direttore del nosocomio calabrese, sottolinea: «La dottoressa sta bene dal punto di vista medico, ma è provata psicologicamente. C’era volontà di uccidere, decisivo l’intervento del migrante». Poi sottolinea: «Manca educazione civica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano