Salute 2 agosto 2018

Aggressioni ai medici, Ministro Grillo: «È emergenza, ho chiesto militari in ospedale come soluzione tampone per arginare il fenomeno»

Nella seconda parte dell’audizione alle Commissioni Affari Sociali e Sanità riunite la titolare della Salute ha affrontato anche il tema della formazione post laurea: «Ho in mente schema che riprende il percorso europeo sulla formazione-lavoro, senza bloccare i neo laureati»

Immagine articolo

Dalla carenza di medici ai problemi della sanità calabrese, dalla governance farmaceutica alle politiche antidroga. Seconda parte dell’audizione del Ministro della Salute Giulia Grillo davanti alle Commissioni Affari Sociali e Senato riunite, questa volta però non alla Camera ma a Palazzo Madama.

Anche in questo caso l’inquilina di Lungotevere Ripa non ha eluso le questioni più spinose, a partire dal tema della formazione post laurea su cui ha sottolineato che «è tutto fermo dal 1999, praticamente da quando mi sono laureata, già allora c’era il problema della carenza degli specialisti». Da allora, ricorda Grillo, «è stata recepita nel 2007 la normativa europea, ma con una serie di storture che tuttora rendono diversa la specializzazione in Italia dal resto d’Europa». «Noi abbiamo uno schema che ricalca quello europeo – ha spiegato la titolare della Salute – far entrare i medici subito dopo la laurea e l’abilitazione direttamente in un percorso di formazione-lavoro, quindi una specie di ciclo continuo di ingresso dei medici nel mondo del lavoro senza bloccarli con questa specie di cesoia che c’è all’ingresso. Non è cosa che potremmo fare subito – ha concluso – ci sarà fase di transizione che stiamo discutendo con le regioni».

LEGGI ANCHE: SANITA’, GIULIA GRILLO PRESENTA IL PROGRAMMA:«PRESTO STATI GENERALI PER BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE». SUI VACCINI:«SUPEREREMO LEGGE LORENZIN»

Tema caldo di questi mesi è quello delle aggressioni ai medici, su cui stanno fioccando le iniziative parlamentari come quella che vuole equiparare il medico al pubblico ufficiale: «Ho inviato una richiesta per aumentare la presenza delle forze dell’ordine in alcune strutture. Non amo il concetto di ‘militarizzare’ ma la situazione è tale che alcuni sanitari hanno paura di andare a lavorare, specialmente nei Pronto soccorso e in alcuni territori. C’è una situazione su cui si deve intervenire subito». Il Ministro ha poi chiarito il concetto a margine dell’audizione: «Sulla ‘militarizzazione dei presidi ospedalieri’ stiamo cercando di capire come intervenire. Ho interloquito con Gabrielli, Trenta e Salvini per capire se sia realizzabile. Lo preciso: sarebbe una misura momentanea visto che ora è una situazione emergenziale. In alcuni pronto soccorso si registrano episodi settimanalmente. Sto facendo una ricognizione con le varie regioni per capire quali sono le aree più a rischio. Stiamo cercando di capire come aumentare i presidi di sicurezza. Da una parte ci sono le dotazioni di polizia, su cui ci vuole più tempo, perché sappiamo che esiste un deficit di organico, serve rimpolparlo e questo è già nel nostro programma. E dall’altra parte c’è la possibilità legata all’operazione ‘Strade sicure’. Ho interloquito con la ministra Elisabetta Trenta e il ministro Matteo Salvini – riferisce – stiamo cercando di capire se è realizzabile».

Sui vaccini Grillo ha ribadito che «sarà il Parlamento ad affrontare il superamento del decreto Lorenzin sull’obbligatorietà delle vaccinazioni. Noi non abbiamo condiviso lo strumento della coercizione e della paura, e crediamo in altri strumenti che adotteremo».

Altro nodo è quello della sanità calabrese, dopo il presunto caso di malasanità con le fratture fasciate con il cartone all’Ospedale di Reggio Calabria. «Nella sanità calabrese è sotto gli occhi di tutti che ci sono dei problemi, e forse è anche dire poco. Come già detto sarebbe interessante pubblicare e rendere visibili a tutti i verbali dei tavoli di monitoraggio, già da lì si vedrebbe il riscontro che il Ministero della Salute dà sull’attuazione di alcune procedure per il miglioramento della gestione sanitaria. Vedreste quanto non è stato fatto in questi anni in Calabria, cioè tutto. C’è stata una gestione sicuramente non risolutiva, che ha affossato una regione che aveva già dei suoi grossi problemi».

Tema caro al Ministro è quello della governance farmaceutica: Grillo ha ricordato l’istituzione di un tavolo che dovrà proporre soluzioni concrete da sottoporre al nuovo dg Aifa.

Infine un accenno alle politiche antidroga che ora passeranno al Ministero della Famiglia: «Ho chiesto un maggiore coinvolgimento del mio Ministero perché questo fenomeno, quello delle dipendenze in generale, è stato trascurato dal punto di vista sanitario. Penso soprattutto al binge drinking, le ubriacature del fine settimana, uno degli argomenti su cui vorrei lavorare».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

 

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
Giuseppe Pulina (Carni Sostenibili): «Ecco perché non va demonizzata la bistecca»
«Non può esistere una dieta valida per tutti: il regime alimentare dipende da tanti fattori. Una dieta varia, completa e sostenibile è da preferire. No a criminalizzare la carne» parla il Professor Giuseppe Pulina, Presidente dell’associazione Carni sostenibili
Lancet lancia la dieta sana “universale”: ecco cosa prevede
Secondo il report della prestigiosa rivista scientifica, per preservare la nostra salute e quella del pianeta è necessario raddoppiare i consumi “vegetali” di legumi e frutta secca e dimezzare quelli di carne rossa. Ma il limite di a 14 grammi al giorno fa discutere la comunità scientifica...
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Neoplasie ematologiche, 33mila italiani colpiti ogni anno da tumore del sangue, ma mortalità ridotta grazie a nuove terapie
I maggiori esperti di fama internazionale nel campo dell’ematologia oncologica e non riuniti a Bologna dal 14 al 16 febbraio per presentare tutte le novità e i progressi livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mieloma multiplo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...