Salute 30 Luglio 2018

Aggressioni ai medici, il ddl di Michela Rostan (LeU): «Camici bianchi siano pubblici ufficiali per far scattare denuncia d’ufficio»

Tra i firmatari della proposta i deputati Paolo Siani e Federico Conte. Bocciata la richiesta di inasprimento delle pene avanzata dal Ministro Grillo: «Servono pene più certe perché spesso gli episodi non vengono denunciati»

Immagine articolo

Equiparare i medici ai pubblici ufficiali per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni. Se ne parla da tempo ma ora la proposta è stata messa nero su bianco da Michela Rostan, deputata di Liberi e Uguali, e prima firmataria del disegno di legge. Tra i firmatari anche Paolo Siani, pediatra e deputato Pd, e Federico Conte, anche lui deputato di Leu. Ad appoggiare la proposta gran parte del mondo medico: dal Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli al Presidente FIMMG Silvestro Scotti fino al numero uno dell’ENPAM Alberto Oliveti.

«Le aggressioni ai medici e al personale sanitario rappresentano una vera emergenza – afferma la deputata Rostan – Bisogna trovare strumenti di tutela: vigilanza, strutture, più personale ma anche un riconoscimento maggiore della figura stessa del medico. Faremo il nostro lavoro per costruire convergenze e convincere la maggioranza e il governo a sostenere questa iniziativa».

LEGGI ANCHE: SANITA’, I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI

Onorevole, è stata presentata una proposta di legge di cui lei è prima firmataria per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni. Lei pensa possa rappresentare un passo decisivo per combattere questo preoccupante fenomeno?

«Direi non solo un passo decisivo ma anche necessario. Purtroppo il fenomeno delle aggressioni al personale medico e sanitario più in generale è in continua escalation nel nostro Paese. Gli episodi certo si verificano con una maggiore frequenza nelle regioni del mezzogiorno del nostro Paese, molto spesso avvengono a discapito del personale femminile, delle donne medico, quindi per noi è fondamentale prevedere questa modifica dello status di medico che deve diventare un pubblico ufficiale a tutti gli effetti se vuole ottenere quella protezione, quella tutela che gli consenta di poter svolgere il proprio lavoro nella serenità più totale».

Le iniziative in materia stanno aumentando. Lei pensa si possano in qualche modo unificare anche se sono di parti politiche diverse?

«Su un tema che è un tema non di parte ma che è un tema di tutti c’è anzi il dovere morale di unire tutte le forze politiche, ricercare il consenso quanto più trasversale possibile e affrontare una questione che è diventata una vera e propria emergenza nazionale. Soltanto in questo modo noi potremo riuscire a dare una risposta. Il problema vero è che i medici nella maggior parte dei casi non denunciano le aggressioni fisiche o verbali che avvengono a loro discapito. E allora soltanto prevedere un meccanismo quale quello della denuncia non di parte ma di un procedimento d’ufficio come l’equiparazione allo status di pubblico ufficiale può garantire quella forma di protezione e tutela che noi tutti auspichiamo possa essere riconosciuta al personale medico e sanitario».

Il Ministro Grillo ha parlato di inasprimento delle pene, perché non appoggiate questa idea?

«Nella maggior parte dei casi i medici non denunciano, quindi non abbiamo bisogno di pene più severe ma abbiamo bisogno di pene più certe, abbiamo soprattutto la necessità che i procedimenti si avviino d’ufficio cosa che attualmente non accade».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Premio 100 eccellenze italiane al chirurgo che salvò Noemi dai proiettili della camorra
Tra i giurati il segretario FIMMG, Silvestro Scotti: «Napoli non è solo terra di aggressioni ai medici». Il premio ha individuato 100 protagonisti della migliore Italia, in virtù del prezioso contributo per la crescita del Paese
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali
Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.
Santobono-Pausillipon, Zampa (Sottosegretario Salute): «Eccellenza del Sistema sanitario da aiutare e sostenere»
Il sottosegretario, nel visitare la struttura napoletana, ha voluto anche portare la propria solidarietà all’infermiere oggetto di aggressione fisica lo scorso settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...