Politica 30 Luglio 2018

Aggressioni ai medici, il ddl di Michela Rostan (LeU): «Camici bianchi siano pubblici ufficiali per far scattare denuncia d’ufficio»

Tra i firmatari della proposta i deputati Paolo Siani e Federico Conte. Bocciata la richiesta di inasprimento delle pene avanzata dal Ministro Grillo: «Servono pene più certe perché spesso gli episodi non vengono denunciati»

Immagine articolo

Equiparare i medici ai pubblici ufficiali per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni. Se ne parla da tempo ma ora la proposta è stata messa nero su bianco da Michela Rostan, deputata di Liberi e Uguali, e prima firmataria del disegno di legge. Tra i firmatari anche Paolo Siani, pediatra e deputato Pd, e Federico Conte, anche lui deputato di Leu. Ad appoggiare la proposta gran parte del mondo medico: dal Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli al Presidente FIMMG Silvestro Scotti fino al numero uno dell’ENPAM Alberto Oliveti.

«Le aggressioni ai medici e al personale sanitario rappresentano una vera emergenza – afferma la deputata Rostan – Bisogna trovare strumenti di tutela: vigilanza, strutture, più personale ma anche un riconoscimento maggiore della figura stessa del medico. Faremo il nostro lavoro per costruire convergenze e convincere la maggioranza e il governo a sostenere questa iniziativa».

LEGGI ANCHE: SANITA’, I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI

Onorevole, è stata presentata una proposta di legge di cui lei è prima firmataria per fronteggiare il fenomeno delle aggressioni. Lei pensa possa rappresentare un passo decisivo per combattere questo preoccupante fenomeno?

«Direi non solo un passo decisivo ma anche necessario. Purtroppo il fenomeno delle aggressioni al personale medico e sanitario più in generale è in continua escalation nel nostro Paese. Gli episodi certo si verificano con una maggiore frequenza nelle regioni del mezzogiorno del nostro Paese, molto spesso avvengono a discapito del personale femminile, delle donne medico, quindi per noi è fondamentale prevedere questa modifica dello status di medico che deve diventare un pubblico ufficiale a tutti gli effetti se vuole ottenere quella protezione, quella tutela che gli consenta di poter svolgere il proprio lavoro nella serenità più totale».

Le iniziative in materia stanno aumentando. Lei pensa si possano in qualche modo unificare anche se sono di parti politiche diverse?

«Su un tema che è un tema non di parte ma che è un tema di tutti c’è anzi il dovere morale di unire tutte le forze politiche, ricercare il consenso quanto più trasversale possibile e affrontare una questione che è diventata una vera e propria emergenza nazionale. Soltanto in questo modo noi potremo riuscire a dare una risposta. Il problema vero è che i medici nella maggior parte dei casi non denunciano le aggressioni fisiche o verbali che avvengono a loro discapito. E allora soltanto prevedere un meccanismo quale quello della denuncia non di parte ma di un procedimento d’ufficio come l’equiparazione allo status di pubblico ufficiale può garantire quella forma di protezione e tutela che noi tutti auspichiamo possa essere riconosciuta al personale medico e sanitario».

Il Ministro Grillo ha parlato di inasprimento delle pene, perché non appoggiate questa idea?

«Nella maggior parte dei casi i medici non denunciano, quindi non abbiamo bisogno di pene più severe ma abbiamo bisogno di pene più certe, abbiamo soprattutto la necessità che i procedimenti si avviino d’ufficio cosa che attualmente non accade».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Università, Rostan (Iv): «Bene Lauree abilitanti in Medicina, primo passo per colmare carenze organico»
«Ora servono nuove risorse per le borse di studio, per la medicina territoriale e per la telemedicina» sottolinea Michela Rostan, Vice presidente Commissione Affari Sociali
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Napoli, domani la prima seduta di laurea abilitante
Silvestro Scotti: «La laurea abilitante conferisce valore alle professioni e un rapido accesso al mondo del lavoro di giovani con competenze teoriche ma anche pratiche. Un ottimo lavoro del ministro Manfredi, porterà nuova linfa al sistema sanitario»
Ddl aggressioni, UGL Sanità: «Soddisfatti ma non abbassare la guardia. Occorre rafforzare i controlli»
«Si vigili perché, dopo l’approvazione, venga applicata con il massimo della severità e in ogni occasione. Proteggere gli operatori della sanità è compito imprescindibile delle istituzioni di una Nazione civile» sottolinea Gianluca Giuliano, Segretario UGL Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 16 luglio, sono 13.565.020 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 584.385 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 15 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»