Salute 25 Luglio 2018 16:54

Sanità, Giulia Grillo presenta il programma: «Presto Stati Generali per benessere equo e sostenibile». Sui vaccini: «Supereremo legge Lorenzin»

Dalla formazione post laurea alla trasparenza, tanti i temi trattati dal Ministro davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità. La promessa: aumentare i finanziamenti a SSN. Opposizioni all’attacco

Sanità, Giulia Grillo presenta il programma: «Presto Stati Generali per benessere equo e sostenibile». Sui vaccini: «Supereremo legge Lorenzin»

Ha iniziato ricordando i 40 anni del Sistema Sanitario nazionale. E la stella polare che guiderà la sua azione: la centralità dei pazienti e i loro diritti costituzionalmente garantiti. L’esposizione delle linee programmatiche del Ministro della Salute Giulia Grillo davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità riunite congiuntamente non ha riservato particolari sorprese, anche se nel lungo elenco di azioni in calendario una novità è emersa: l’annuncio degli Stati Generali per il benessere equo e sostenibile a partire dal mese di settembre. Avranno il compito di elaborare un documento di programmazione, un provvedimento snello che tratterà molti dei diversi punti già toccati dal precedente Patto con un cronoprogramma per la realizzazione di quanto previsto e una rappresentazione dello stato di avanzamento lavori attraverso il portale del Ministero della Salute.

Tra i passaggi più attesi (e più contestati dalle opposizioni) quello sui vaccini in cui il Ministro ha ribadito la necessità di garantire il giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, «tutelando i bambini in età prescolare e scolare che potrebbero essere a rischio di esclusione sociale». Poi l’annuncio di un disegno di legge parlamentare che supererà la “legge Lorenzin” e la realizzazione dell’Anagrafe nazionale vaccini oltre al tavolo di esperti indipendenti a sostegno della pianificazione strategica in materia, per affrontare il fenomeno della diffidenza e del dissenso vaccinale.

Nella relazione, in cui non è passata inosservata la citazione di Einaudi “conoscere per deliberare”, ampio spazio anche ai temi della sanità digitale e della trasparenza, con un focus sul problema dell’ingerenza della politica nella scelta della dirigenza sanitaria, fino a quello della riforma della formazione medica post laurea. Sullo sfondo il macrotema del calo di risorse pubbliche destinate al Sistema sanitario, una tendenza, ha ricordato il Ministro, «che ha visto negli anni tra il 2009 e il 2016 la riduzione delle risorse destinate alla sanità di circa tre decimi di punto all’anno al contrario di altri Paesi europei»: su questo punto la Grillo ha ribadito che è necessario tornare ad effettuare investimenti, «garantendo una sostenibilità economica effettiva ai livelli essenziali di assistenza attraverso il rifinanziamento del Ssn a cui concorre lo Stato».

LEGGI ANCHE: VACCINI, GIULIA GRILLO: «AUMENTO COPERTURE GRAZIE ALL’OBBLIGO? NO, BISOGNA INVESTIRE NELLA FORMAZIONE»

LE REAZIONI

Le opposizioni, pur mantenendo un garbo istituzionale nei confronti del Ministro, non hanno risparmiato critiche. A partire da Forza Italia che giudica la relazione della Grillo «una lunga, banale, inconcludente lista della spesa, senza alcuna indicazione delle priorità nè delle soluzioni che il governo intende adottare per armonizzare i sistemi sanitari regionali e risolvere le maggiori problematiche del settore. Insomma, tanto fumo e niente arrosto» sottolineano i senatori e deputati azzurri presenti all’audizione. La senatrice Maria Rizzotti contesta i tempi contingentati del dibattito «che non hanno permesso di fare domande specifiche al Ministro, una cosa mai vista», mentre Marco Siclari ha chiesto alla Grillo perché non ha accettato di inserire nel Def l’aumento della spesa sanitaria nazionale e ha incalzato il Ministro sulla difficile situazione della sanità calabrese. Dal Pd invece critiche sul tema dei vaccini: Paolo Siani ha chiesto un confronto sull’argomento ricordando che è un tema su cui è «pericoloso tornare indietro» e sottolineando come dalla legge Lorenzin stiano arrivando buoni risultati. Anche la senatrice a vita Elena Cattaneo ha insistito sull’argomento vaccini e ha bocciato la possibilità dell’obbligo vaccinale differenziato da regione a regione: «Vorrebbe dire un’Italia che viaggia in venti direzioni diverse, così è difficile mettere in sicurezza il Paese». 

Dai sindacati arriva il plauso dell’Anaao-Assomed: «Il progetto annunciato dal ministro della Salute, Giulia Grillo, anche se ancora solo sulla carta, è sincrono con quello da sempre auspicato dall’Associazione per risollevare le sorti del Servizio sanitario nazionale e delle professioni che in esso operano».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, Oms e Unicef: “Oltre 120mila bambini a ‘dose zero” tra Europa e Asia Centrale”
La specialista regionale dell'UNICEF per le vaccinazioni in Europa e Asia Centrale: "Non c’è ragione per cui i bambini debbano correre il rischio di morire per malattie prevenibili con un vaccino. Dare priorità ai finanziamenti e investimenti sui programmi di immunizzazione e sistemi sanitari”
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...