Salute 25 luglio 2018

Sanità, Giulia Grillo presenta il programma: «Presto Stati Generali per benessere equo e sostenibile». Sui vaccini: «Supereremo legge Lorenzin»

Dalla formazione post laurea alla trasparenza, tanti i temi trattati dal Ministro davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità. La promessa: aumentare i finanziamenti a SSN. Opposizioni all’attacco

Immagine articolo

Ha iniziato ricordando i 40 anni del Sistema Sanitario nazionale. E la stella polare che guiderà la sua azione: la centralità dei pazienti e i loro diritti costituzionalmente garantiti. L’esposizione delle linee programmatiche del Ministro della Salute Giulia Grillo davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità riunite congiuntamente non ha riservato particolari sorprese, anche se nel lungo elenco di azioni in calendario una novità è emersa: l’annuncio degli Stati Generali per il benessere equo e sostenibile a partire dal mese di settembre. Avranno il compito di elaborare un documento di programmazione, un provvedimento snello che tratterà molti dei diversi punti già toccati dal precedente Patto con un cronoprogramma per la realizzazione di quanto previsto e una rappresentazione dello stato di avanzamento lavori attraverso il portale del Ministero della Salute.

Tra i passaggi più attesi (e più contestati dalle opposizioni) quello sui vaccini in cui il Ministro ha ribadito la necessità di garantire il giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, «tutelando i bambini in età prescolare e scolare che potrebbero essere a rischio di esclusione sociale». Poi l’annuncio di un disegno di legge parlamentare che supererà la “legge Lorenzin” e la realizzazione dell’Anagrafe nazionale vaccini oltre al tavolo di esperti indipendenti a sostegno della pianificazione strategica in materia, per affrontare il fenomeno della diffidenza e del dissenso vaccinale.

Nella relazione, in cui non è passata inosservata la citazione di Einaudi “conoscere per deliberare”, ampio spazio anche ai temi della sanità digitale e della trasparenza, con un focus sul problema dell’ingerenza della politica nella scelta della dirigenza sanitaria, fino a quello della riforma della formazione medica post laurea. Sullo sfondo il macrotema del calo di risorse pubbliche destinate al Sistema sanitario, una tendenza, ha ricordato il Ministro, «che ha visto negli anni tra il 2009 e il 2016 la riduzione delle risorse destinate alla sanità di circa tre decimi di punto all’anno al contrario di altri Paesi europei»: su questo punto la Grillo ha ribadito che è necessario tornare ad effettuare investimenti, «garantendo una sostenibilità economica effettiva ai livelli essenziali di assistenza attraverso il rifinanziamento del Ssn a cui concorre lo Stato».

LEGGI ANCHE: VACCINI, GIULIA GRILLO: «AUMENTO COPERTURE GRAZIE ALL’OBBLIGO? NO, BISOGNA INVESTIRE NELLA FORMAZIONE»

LE REAZIONI

Le opposizioni, pur mantenendo un garbo istituzionale nei confronti del Ministro, non hanno risparmiato critiche. A partire da Forza Italia che giudica la relazione della Grillo «una lunga, banale, inconcludente lista della spesa, senza alcuna indicazione delle priorità nè delle soluzioni che il governo intende adottare per armonizzare i sistemi sanitari regionali e risolvere le maggiori problematiche del settore. Insomma, tanto fumo e niente arrosto» sottolineano i senatori e deputati azzurri presenti all’audizione. La senatrice Maria Rizzotti contesta i tempi contingentati del dibattito «che non hanno permesso di fare domande specifiche al Ministro, una cosa mai vista», mentre Marco Siclari ha chiesto alla Grillo perché non ha accettato di inserire nel Def l’aumento della spesa sanitaria nazionale e ha incalzato il Ministro sulla difficile situazione della sanità calabrese. Dal Pd invece critiche sul tema dei vaccini: Paolo Siani ha chiesto un confronto sull’argomento ricordando che è un tema su cui è «pericoloso tornare indietro» e sottolineando come dalla legge Lorenzin stiano arrivando buoni risultati. Anche la senatrice a vita Elena Cattaneo ha insistito sull’argomento vaccini e ha bocciato la possibilità dell’obbligo vaccinale differenziato da regione a regione: «Vorrebbe dire un’Italia che viaggia in venti direzioni diverse, così è difficile mettere in sicurezza il Paese». 

Dai sindacati arriva il plauso dell’Anaao-Assomed: «Il progetto annunciato dal ministro della Salute, Giulia Grillo, anche se ancora solo sulla carta, è sincrono con quello da sempre auspicato dall’Associazione per risollevare le sorti del Servizio sanitario nazionale e delle professioni che in esso operano».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Lotta alla peste suina africana, Giulia Grillo: «In pochi mesi risultati eccezionali, Sardegna merita sblocco export»
«Nelle prossime settimane sarò in Sardegna per incontrare anche gli allevatori e i lavoratori del comparto suinicolo che, grazie alla strategia messa in campo dalle autorità veterinarie regionali e dal ministero della Salute, hanno raggiunto risultati eccezionali nella lotta alla peste suina africana che tanto ha danneggiato il settore, imponendo vincoli all’export che hanno gravemente […]
Sanità, Mammì (M5S): «Bene fecondazione assistita al prezzo del ticket, così aiutiamo natalità»
Molto bene il via libera della Regione Lombardia alla fecondazione eterologa al prezzo del ticket, una misura che va incontro agli aspiranti genitori, che così potranno realizzare il loro sogno.  L’Istituto Superiore di Sanità segnala che l’infertilità riguarda circa il 15% delle coppie, che le cause sono molteplici e di diversa natura e pertanto è […]
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano