Politica 25 Luglio 2018 16:54

Sanità, Giulia Grillo presenta il programma: «Presto Stati Generali per benessere equo e sostenibile». Sui vaccini: «Supereremo legge Lorenzin»

Dalla formazione post laurea alla trasparenza, tanti i temi trattati dal Ministro davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità. La promessa: aumentare i finanziamenti a SSN. Opposizioni all’attacco

Sanità, Giulia Grillo presenta il programma: «Presto Stati Generali per benessere equo e sostenibile». Sui vaccini: «Supereremo legge Lorenzin»

Ha iniziato ricordando i 40 anni del Sistema Sanitario nazionale. E la stella polare che guiderà la sua azione: la centralità dei pazienti e i loro diritti costituzionalmente garantiti. L’esposizione delle linee programmatiche del Ministro della Salute Giulia Grillo davanti alle Commissioni Affari Sociali e Sanità riunite congiuntamente non ha riservato particolari sorprese, anche se nel lungo elenco di azioni in calendario una novità è emersa: l’annuncio degli Stati Generali per il benessere equo e sostenibile a partire dal mese di settembre. Avranno il compito di elaborare un documento di programmazione, un provvedimento snello che tratterà molti dei diversi punti già toccati dal precedente Patto con un cronoprogramma per la realizzazione di quanto previsto e una rappresentazione dello stato di avanzamento lavori attraverso il portale del Ministero della Salute.

Tra i passaggi più attesi (e più contestati dalle opposizioni) quello sui vaccini in cui il Ministro ha ribadito la necessità di garantire il giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, «tutelando i bambini in età prescolare e scolare che potrebbero essere a rischio di esclusione sociale». Poi l’annuncio di un disegno di legge parlamentare che supererà la “legge Lorenzin” e la realizzazione dell’Anagrafe nazionale vaccini oltre al tavolo di esperti indipendenti a sostegno della pianificazione strategica in materia, per affrontare il fenomeno della diffidenza e del dissenso vaccinale.

Nella relazione, in cui non è passata inosservata la citazione di Einaudi “conoscere per deliberare”, ampio spazio anche ai temi della sanità digitale e della trasparenza, con un focus sul problema dell’ingerenza della politica nella scelta della dirigenza sanitaria, fino a quello della riforma della formazione medica post laurea. Sullo sfondo il macrotema del calo di risorse pubbliche destinate al Sistema sanitario, una tendenza, ha ricordato il Ministro, «che ha visto negli anni tra il 2009 e il 2016 la riduzione delle risorse destinate alla sanità di circa tre decimi di punto all’anno al contrario di altri Paesi europei»: su questo punto la Grillo ha ribadito che è necessario tornare ad effettuare investimenti, «garantendo una sostenibilità economica effettiva ai livelli essenziali di assistenza attraverso il rifinanziamento del Ssn a cui concorre lo Stato».

LEGGI ANCHE: VACCINI, GIULIA GRILLO: «AUMENTO COPERTURE GRAZIE ALL’OBBLIGO? NO, BISOGNA INVESTIRE NELLA FORMAZIONE»

LE REAZIONI

Le opposizioni, pur mantenendo un garbo istituzionale nei confronti del Ministro, non hanno risparmiato critiche. A partire da Forza Italia che giudica la relazione della Grillo «una lunga, banale, inconcludente lista della spesa, senza alcuna indicazione delle priorità nè delle soluzioni che il governo intende adottare per armonizzare i sistemi sanitari regionali e risolvere le maggiori problematiche del settore. Insomma, tanto fumo e niente arrosto» sottolineano i senatori e deputati azzurri presenti all’audizione. La senatrice Maria Rizzotti contesta i tempi contingentati del dibattito «che non hanno permesso di fare domande specifiche al Ministro, una cosa mai vista», mentre Marco Siclari ha chiesto alla Grillo perché non ha accettato di inserire nel Def l’aumento della spesa sanitaria nazionale e ha incalzato il Ministro sulla difficile situazione della sanità calabrese. Dal Pd invece critiche sul tema dei vaccini: Paolo Siani ha chiesto un confronto sull’argomento ricordando che è un tema su cui è «pericoloso tornare indietro» e sottolineando come dalla legge Lorenzin stiano arrivando buoni risultati. Anche la senatrice a vita Elena Cattaneo ha insistito sull’argomento vaccini e ha bocciato la possibilità dell’obbligo vaccinale differenziato da regione a regione: «Vorrebbe dire un’Italia che viaggia in venti direzioni diverse, così è difficile mettere in sicurezza il Paese». 

Dai sindacati arriva il plauso dell’Anaao-Assomed: «Il progetto annunciato dal ministro della Salute, Giulia Grillo, anche se ancora solo sulla carta, è sincrono con quello da sempre auspicato dall’Associazione per risollevare le sorti del Servizio sanitario nazionale e delle professioni che in esso operano».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...