Salute 25 Maggio 2022 14:32

Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose

I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi

Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose

Il numeri di caso di vaiolo delle scimmie sta aumentando rapidamente nel più grande focolaio che ci sia mai stato al di fuori dell’Africa Centrale e Occidentale, dove il virus è endemico. Secondo un elenco di report compilato da Moritz Kraemer dell’Università di Oxford, John Brownstein del Boston Children’s Hospital del Massachusetts e dei loro colleghi, sarebbero stati confermati 172 casi in Nord e Sud America, Australia, Medio Oriente, Nord Africa e in tutta Europa. Queste stesse regioni hanno anche un totale di 87 casi sospetti di vaiolo delle scimmie e 27 persone sono attualmente ricoverate in ospedale con l’infezione.

Al momento nessun decesso, ma si teme per gli «strani» contagi da uomo a uomo

Al 23 maggio, il Regno Unito aveva registrato 57 casi di virus e sembra essere uno dei paesi più colpiti finora. Nessun decesso è stato segnalato in nessuna parte del mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). In passato, i focolai al di fuori dell’Africa sono stati solitamente collegati a viaggi nelle regioni endemiche del continente. Un piccolo focolaio del 2021 nel Regno Unito si è verificato dopo che qualcuno ha viaggiato dalla Nigeria a Manchester. Nel 2003, il vaiolo delle scimmie ha fatto il suo ingresso negli Stati Uniti dopo che animali esotici, inclusi topi e scoiattoli, sono stati importati dal Ghana. Si pensa che questi animali abbiano trasmesso il virus del vaiolo delle scimmie all’uomo.

Possibili «ipermutazioni» che hanno reso il vaiolo delle scimmie più contagioso

L’attuale focolaio è insolito in quanto le infezioni sembrano diffondersi principalmente tra gli esseri umani senza collegamenti recenti con le regioni colpite dell’Africa, suggerendo che il virus si sta trasmettendo inosservato nella comunità. Questa è la prima volta che in Europa vengono segnalati casi senza legami con viaggi, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). I timori sono stati alimentati dai risultati dell’analisi dei primi pazienti malati, i quali suggeriscono che il virus si è evoluto «molto più» del previsto. Gli scienziati portoghesi hanno avvertito che un «salto evolutivo» – come quello che è successo con Covid – potrebbe aver creato un «virus ipermutato».

Nella maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie la prognosi è favorevole

Il vaiolo delle scimmie è generalmente lieve, con la maggior parte dei casi che si risolvono entro poche settimane senza alcun trattamento. Bollettini di organizzazioni come l’OMS, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) indicano che i paesi stanno cercando attivamente l’infezione, il che probabilmente può spiegare l’identificazione di casi che altrimenti sarebbero passati inosservati. Tuttavia, si prevede che i casi di vaiolo delle scimmie aumenteranno, almeno in Europa, nei prossimi mesi.

L’Oms teme un’impennata con l’inizio della stagione estiva

«Entriamo nella stagione estiva, con raduni di massa, festival e feste, e temo che la trasmissione possa accelerare, poiché i casi attualmente rilevati sono tra quelli che praticano attività sessuale e i sintomi non sono familiari a molti», dichiara il direttore regionale dell’OMS per l’Europa, Hans Kluge. I primi sintomi includono febbre, mal di testa e dolori muscolari, a volte seguiti da un’eruzione cutanea simile alla varicella che provoca croste. Il vaiolo delle scimmie non è considerato un’infezione a trasmissione sessuale, ma può diffondersi tramite il contatto pelle a pelle o condividendo il letto con una persona infetta.

Il Regno unito è il paese con più casi di vaiolo delle scimmie

Nel Regno Unito, i primi casi sono stati in gran parte osservati in uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. «Raccomandiamo a chiunque abbia cambiamenti regolari nei partner sessuali o abbia uno stretto contatto con persone che non conoscono, di farsi avanti nel caso sviluppi un’eruzione cutanea», ha detto alla BBC Susan Hopkink dell’UKHSA. Nel Regno Unito si consiglia ai contatti stretti delle persone infette dal vaiolo delle scimmie di isolarsi per 21 giorni. Ai contatti, inoltre, viene offerto un vaccino contro il vaiolo, che è efficace all’85% nel prevenire l’infezione. Nel Regno Unito si stima siano state somministrate 1000 dosi di vaccino e che ne siano rimaste solo 3500 da somministrare.

In Francia raccomandata vaccinazione a operatori sanitari

Il Belgio ha anche imposto a coloro che risultano positivi al vaiolo delle scimmie di isolarsi per 21 giorni. Anche negli Stati Uniti, il CDC consiglia alle persone con vaiolo delle scimmie di stare in isolamento. In Francia l’Autorità nazionale per la salute (Has) ha annunciato una strategia di vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie, dopo che tre casi di infezione sono stati rilevati nel Paese. Il programma di immunizzazione è rivolto agli adulti a rischio di esposizione al «virus del monkeypox», compresi gli operatori sanitari. In Europa, l’ECDC ha esortato i paesi a preparare strategie di controllo delle infezioni, come aumentare la tracciabilità dei contatti e la preparazione dei vaccini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...