Sanità internazionale 24 Maggio 2022 14:29

Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia

Triplicano i casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito. Mentre l’ECDC teme che possibili contagi in animali possano far diventare il virus endemico

Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia

Nel Regno Unito, in soli 3 giorni, i casi di vaiolo delle scimmie sono quasi triplicati. In totale sono 37 i casi confermati, ma sono oltre 20 quelli già individuati. Per un totale di 57. Da qui il timore che il vaiolo delle scimmie possa diffondersi anche agli animali domestici e alla fauna selvatica, diventando così endemico in Europa.

Ieri confermati 67 casi in 9 paesi d’Europa, oggi si aggiunge la Slovenia

Il bilancio aggiornato ieri indica 67 casi di vaiolo delle scimmie confermati in nove paesi europei, tra cui Spagna, Italia, Germania, Svezia e Francia. Oggi si unisce anche la Slovenia, portando i paesi europei coinvolti a 10. Secondo una rapida valutazione del rischio pubblicata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), i roditori domestici, come ratti e topi, dovrebbero idealmente essere isolati in «strutture monitorate» qualora fossero stati a stretto contatto con le persone infette.

L’ECDC teme che il vaiolo delle scimmie diventi endemico in Europa

In Africa, dove il vaiolo delle scimmie è endemico o ben consolidato, il virus si trova spesso nei roditori, inclusi scoiattoli e ghiri. L’ECDC ha affermato che roditori e scoiattoli potrebbero essere «ospiti adatti». Inoltre ha dichiarato che un «evento di spillover», in cui il virus si diffonde dalle persone agli animali domestici alla fauna selvatica, potrebbe vedere il vaiolo delle scimmie diventare endemico in Europa.

Il roditore è la specie animale più «adatta» a ospitare il vaiolo delle scimmie

«Attualmente, si sa poco sull’idoneità delle specie animali peridomestiche europee (mammiferi) a fungere da ospite per il virus del vaiolo delle scimmie», si legge nel report dell’ECDC. «Tuttavia, è probabile che i roditori, e in particolare le specie della famiglia degli Sciuridae (scoiattoli), siano ospiti adatti, più degli esseri umani, e la trasmissione dall’uomo agli animali (da compagnia) è teoricamente possibile. Un tale evento di ricaduta – continua – potrebbe potenzialmente portare il virus a stabilirsi nella fauna selvatica europea e la malattia a diventare una zoonosi endemica». Tuttavia, ha affermato che la probabilità che ciò accada è «molto bassa».

Il contatto sessuale sembra la principale causa di trasmissione

I casi in Europa e nel Regno Unito riguardano principalmente uomini gay e bisessuali. David Heymann, un esperto di salute globale presso la London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha affermato che la teoria principale che spiega la diffusione della malattia è il comportamento sessuale in due rave in Belgio e Spagna. «Sappiamo che il vaiolo delle scimmie può diffondersi quando c’è uno stretto contatto con le lesioni di qualcuno che è infetto e sembra che il contatto sessuale abbia ora amplificato quella trasmissione», dice.

Nel Regno Unito i casi aumentano e si invitano le persone a farsi avanti in caso di sospetto

I sintomi includono febbre, mal di schiena, linfonodi ingrossati e stanchezza. Un‘eruzione cutanea inizia spesso sul viso e possono comparire vesciche. Fino a questo mese c’erano stati solo otto casi segnalati nel Regno Unito dal 2018, tutti collegati a viaggi dalla Nigeria. Ieri la Scozia ha riportato i suoi primi casi, con 56 ora in Inghilterra, secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA). Si tratta di un aumento rispetto ai 20 casi nel Regno Unito di venerdì. Susan Hopkins, consulente medico capo dell’UKHSA, ha ringraziato le persone colpite per essersi fatte avanti, dicendo che «ci stanno aiutando a limitare la diffusione dell’infezione».

Vaccino contro il vaiolo messo a disposizione dei contatti ravvicinati

«Poiché il virus si diffonde attraverso uno stretto contatto, invitiamo tutti a essere consapevoli di eventuali eruzioni cutanee o lesioni insolite e a contattare un servizio di salute sessuale se presentano sintomi», sottolinea Hopkins. A chiunque abbia trascorso almeno una notte sotto lo stesso tetto di una persona infetta viene consigliato di autoisolarsi per tre settimane. Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato ieri: «Finora le conseguenze non sembrano molto gravi, ma è importante tenerle d’occhio». I vaccini contro il vaiolo, che offrono protezione contro il vaiolo delle scimmie, vengono messi a disposizione per contatti ravvicinati. Ma il portavoce del Primo Ministro ha detto che non ci sono piani di vaccinazione «su larga scala», almeno per il momento.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa, FDA raccomanda nuovi vaccini contro Omicron, si faranno a ottobre
Il Comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC), un gruppo di consulenti indipendenti della FDA, ha approvato i piani per il lancio di vaccini di nuova formulazione per questo autunno
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Il vaccino può causare il Long Covid?
Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali
In autunno un test ci dirà se dobbiamo fare un nuovo vaccino anti-Covid?
Un nuovo test rapido del sangue è in grado di misurare l'immunità al virus Sars-CoV-2 e indicare, in questo modo, l'opportunità di fare una nuova dose di vaccino
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...