Salute 29 Luglio 2021 15:57

Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»

«Dateci la possibilità di vaccinare i ragazzi – spiega il presidente della Federazione italiana medici pediatri a Sanità Informazione – ce la metteremo tutta non appena avremo disponibilità di dosi nei nostri studi»

Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»

Per garantire una ripartenza in presenza della scuola a settembre si sta valutando di introdurre il vaccino obbligatorio per il personale scolastico così come avvenuto per quello sanitario.

Appurate le negative conseguenze formative e psicologiche, scongiurare il ricorso alla Dad anche per il prossimo anno scolastico è l’obiettivo primario di tutti. Raggiungere l’intesa in Parlamento è però tutt’altro che semplice: sono contrari all’obbligo per i docenti Fratelli D’Italia, Lega e Movimento 5 Stelle. Raccomandare fortemente la vaccinazione con corsie prioritarie per studenti e personale scolastico è, al momento, la soluzione più plausibile.

Aifa approva il vaccino Moderna per 12-17 anni

Per la fascia d’età 12-17 anni è arrivato il via libera della Commissione Tecnico Scientifica di AIFA sulla somministrazione del vaccino Moderna, accogliendo il parere positivo dell’EMA. Le coperture vaccinali nei ragazzi di questa età sono, tuttavia, sotto i valori ideali in tutta Italia. I ragazzi, com’è noto, possono essere un serbatoio del virus e trasmetterlo alle famiglie. E come l’anno scorso, si teme che gli incontri con i compagni dopo la scuola e i mezzi pubblici pieni possano provocare pericolose dinamiche familiari, contribuire alla circolazione del virus e alla comparsa di varianti aggressive in grado di abbassare l’efficacia dei vaccini.

«Sull’obbligo vaccinale ai ragazzi ci siamo espressi con perplessità – ha dichiarato il presidente Fimp Paolo Biasci a margine del convegno di Apm dedicato al Pnrr -. Dobbiamo sottolineare che rispetto alle vaccinazioni nell’età pediatrica siamo partiti con estremo ritardo, considerato anche il Protocollo d’intesa del 17 marzo scorso. L’obiettivo “scuola in sicurezza” è in questo momento mancato – ha evidenziato – . Noi vogliamo essere ottimisti, ce la metteremo tutta per vaccinare i ragazzi, non appena avremo la disponibilità delle dosi vaccinali nei nostri studi».

«Rapporto con le famiglie farà la differenza sul vaccino in età pediatrica»

Per la vaccinazione in età pediatrica, Biasci ha suggerito di “abbandonare” la logica degli hub vaccinali e puntare sul rapporto di fiducia che lega i pediatri alle famiglie. «Non sarà più possibile sostenere la ratio e i costi di questa soluzione. Andavano bene con i grandi numeri, ma in una età particolare come quella pediatrica, sapendo che avremo entro la fine dell’anno la possibilità di vaccinare gli under 12, conterà tanto il rapporto fiduciario con le famiglie. Anzi, credo che farà la differenza anche questa volta sulla vaccinazione di tutta l’età pediatrica».

Ha poi aggiunto: «Abbiamo vaccinato con la prima dose il 22-23% dei nostri ragazzi. E dai colloqui con gli adolescenti emerge la loro voglia di incontrarsi, fare sport, ritornare alla normalità e a quella socialità che tanto è mancata. Abbiamo la possibilità di aprire la scuola in presenza senza didattica a distanza e questo sforzo va fatto». L’appello di Biasci è alle regioni: «Dateci la possibilità di vaccinare, dare il nostro contributo anche a nome dei 7.500 pediatri di libera scelta. Non ci sono problemi logistici per i genitori, il vaccino è sicuro e comodo. Siamo diffusi capillarmente e vicini alle famiglie che frequentano quotidianamente i nostri studi» ha concluso il presidente della Federazione italiana medici pediatri.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
Covid, Gimbe: «Contagi in calo. Immunità di gregge una chimera, obbligo vaccinale una scelta politica»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe, nella settimana 1-7 settembre, rileva una diminuzione dei nuovi casi (-12,5%) dopo 9 settimane di aumento e un’ulteriore frenata negli ospedali
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
Riapertura scuole, le indicazioni ISS per sorvegliare l’epidemia
Il documento, diretto a tutte le scuole, stabilisce le misure per il corretto svolgimento della didattica in presenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...