Salute 10 Maggio 2021 13:09

Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

La Commissione europea non ha rinnovato, per ora, l’ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca. «Vedremo cosa succederà» ha dichiarato Thierry Breton. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali per smaltire le dosi

Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

«Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno. Vedremo cosa succederà». Con queste parole il commissario europeo al Mercato Interno Thierry Breton ha motivato il mancato rinnovo dell’ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca.

L’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca per i ritardi nelle consegne

La notizia non ha destato scalpore; nelle scorse settimane, infatti, Bruxelles aveva avviato una causa legale per inadempienza del contratto contro il produttore anglo svedese. La decisione non riguarda la qualità del vaccino che Breton ha definito «molto interessante e molto buono» soprattutto per «le condizioni logistiche e le temperature di conservazione». Non è un problema di efficacia, ma di mancato rispetto del calendario delle consegne.

Il contratto con AstraZeneca prevedeva una commessa di 300 milioni di dosi all’Ue con l’opzione per ulteriori 100 milioni. Nel primo trimestre del 2021, sono state recapitate solo 30 milioni di fiale anziché le 80 previste. La multinazionale biofarmaceutica, infatti, ha ridotto più volte le forniture ai Paesi europei, creando difficoltà nell’organizzazione dei piani vaccinali. Tanto per fare un paragone, nel nostro paese sono arrivate 6,5 milioni di dosi contro i 18 milioni di Pfizer-BioNTech.

L’Europa ha quindi cambiato strada, puntando su aziende che si sono dimostrate più serie, Pfizer su tutte. L’Ue sottoscriverà «nuovi contratti con altre aziende che si sono dimostrate più affidabili e che potranno, con un approvvigionamento sufficiente, essere all’altezza di un processo di vaccinazione complessa che interessa 500 milioni di persone». Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

Un milione e mezzo di dosi nei frigoriferi in Italia. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali

Complice il blocco delle somministrazioni da parte di Ema, per rischio trombosi, in Italia il vaccino non decolla. Oltre un milione e mezzo di dosi sono nei frigoriferi; di quelle consegnate, ne sono state inoculate il 77% mentre Pfizer e Moderna si attestano rispettivamente al 94% e al 73%.

L’ “Astranight”, l’iniziativa a libero accesso della Regione Basilicata rivolta alle persone tra 60 e 79 anni, non ha avuto il riscontro sperato. Su 750 dosi disponibili, ne sono state iniettate 250. L’Open Day a Rieti dello scorso fine settimana, invece, è stato un successo. Le dosi Pfizer, nel Lazio, sono esaurite e le prenotazioni, al momento, ferme. Per smaltire le 100mila dosi accumulate del prodotto AstraZeneca, la Regione sta valutando se estendere le giornate vaccinali aperte a tutti anche a Roma.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...