Salute 10 Maggio 2021 13:09

Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

La Commissione europea non ha rinnovato, per ora, l’ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca. «Vedremo cosa succederà» ha dichiarato Thierry Breton. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali per smaltire le dosi

Vaccini, l’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

«Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno. Vedremo cosa succederà». Con queste parole il commissario europeo al Mercato Interno Thierry Breton ha motivato il mancato rinnovo dell’ordine di vaccini anti-Covid ad AstraZeneca.

L’Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca per i ritardi nelle consegne

La notizia non ha destato scalpore; nelle scorse settimane, infatti, Bruxelles aveva avviato una causa legale per inadempienza del contratto contro il produttore anglo svedese. La decisione non riguarda la qualità del vaccino che Breton ha definito «molto interessante e molto buono» soprattutto per «le condizioni logistiche e le temperature di conservazione». Non è un problema di efficacia, ma di mancato rispetto del calendario delle consegne.

Il contratto con AstraZeneca prevedeva una commessa di 300 milioni di dosi all’Ue con l’opzione per ulteriori 100 milioni. Nel primo trimestre del 2021, sono state recapitate solo 30 milioni di fiale anziché le 80 previste. La multinazionale biofarmaceutica, infatti, ha ridotto più volte le forniture ai Paesi europei, creando difficoltà nell’organizzazione dei piani vaccinali. Tanto per fare un paragone, nel nostro paese sono arrivate 6,5 milioni di dosi contro i 18 milioni di Pfizer-BioNTech.

L’Europa ha quindi cambiato strada, puntando su aziende che si sono dimostrate più serie, Pfizer su tutte. L’Ue sottoscriverà «nuovi contratti con altre aziende che si sono dimostrate più affidabili e che potranno, con un approvvigionamento sufficiente, essere all’altezza di un processo di vaccinazione complessa che interessa 500 milioni di persone». Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.

Un milione e mezzo di dosi nei frigoriferi in Italia. Il Lazio pensa agli Open day vaccinali

Complice il blocco delle somministrazioni da parte di Ema, per rischio trombosi, in Italia il vaccino non decolla. Oltre un milione e mezzo di dosi sono nei frigoriferi; di quelle consegnate, ne sono state inoculate il 77% mentre Pfizer e Moderna si attestano rispettivamente al 94% e al 73%.

L’ “Astranight”, l’iniziativa a libero accesso della Regione Basilicata rivolta alle persone tra 60 e 79 anni, non ha avuto il riscontro sperato. Su 750 dosi disponibili, ne sono state iniettate 250. L’Open Day a Rieti dello scorso fine settimana, invece, è stato un successo. Le dosi Pfizer, nel Lazio, sono esaurite e le prenotazioni, al momento, ferme. Per smaltire le 100mila dosi accumulate del prodotto AstraZeneca, la Regione sta valutando se estendere le giornate vaccinali aperte a tutti anche a Roma.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
AstraZeneca, il Cts Aifa approva il mix vaccinale per la seconda dose a distanza di 8-12 settimane
Il Comitato tecnico-scientifico dell'Agenzia del Farmaco italiana dice sì alla seconda dose con vaccini mRna (Pfizer o Moderna) per gli under 60 che hanno fatto AstraZeneca, dopo aver esaminato gli studi clinici. Due o tre mesi tra l'una e l'altra
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM