Politica 26 Febbraio 2021 10:16

Consiglio europeo, la Ue alle case farmaceutiche: «Basta tagli e ritardi improvvisi sui vaccini»

Il Consiglio europeo rinnova l’impegno per cercare luoghi consoni a una produzione tutta europea. Passi avanti sul certificato vaccinale. Draghi interviene e chiede certezze

Consiglio europeo, la Ue alle case farmaceutiche: «Basta tagli e ritardi improvvisi sui vaccini»

È stata un’apertura particolare quella del Consiglio europeo di questo mese, la prima di Mario Draghi da presidente del Consiglio italiano. Gli Stati membri si sono confrontati su quello che non sta funzionando nella campagna vaccinale. Molto di cui parlare guardando ai dati, che mostrano come nei Paesi Ue sia vaccinato poco più del 6% della popolazione. Di fronte all’impietoso confronto con l’88% di Israele e il 27% del Regno Unito.

Gli interventi di Draghi sulle consegne del prossimo trimestre

Il presidente Draghi non si è comportato “da ultimo arrivato”. Durante la presentazione di Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, sul piano consegne vaccinali del prossimo trimestre ha storto il naso. «Non sono rassicuranti perché non danno certezze» ha detto, senza molte cerimonie, ai suoi nuovi colleghi. A questo ha fatto seguire una serie di richieste molto schiette sul futuro andamento della campagna vaccinale europea. Richieste che si possono riassumere con tre imperativi: velocità, puntualità e linea dura.

Quest’ultima nei confronti dei colossi farmaceutici produttori di vaccini, che continuano a ritardare gli accordi di fornitura firmati con l’Ue. Draghi ha chiesto di ipotizzare un “blocco” delle produzioni destinate all’Europa con conseguente divieto di export. Confermando di essere tra coloro che sospettano che dietro i ritardi di Big Pharma non ci sia un calo di produzione, ma un dirottamento dei vaccini fuori dall’Ue.

Il Consiglio è andato in questa direzione poi, nel confronto con le case farmaceutiche. Da qui la richiesta di rendere garantita la prevedibilità delle produzioni e rispettare tassativamente le consegne previste da contratto. Uno stop definitivo alla tolleranza verso i tagli improvvisi e le consegne ritardate, a cui si aggiunge la richiesta fatta ai leader di esaminare tutti gli impianti esistenti sul territorio europeo per poterli rendere funzionali alla produzione di vaccini. Nonché la necessità di rendere più facili gli accordi tra i produttori delle catene di approvvigionamento.

Contro le varianti Draghi chiede precedenza per prime dosi

Contro l’avanzo delle varianti e il pericolo che rappresentano la decisione è stata quella di limitare i viaggi non essenziali in tutti i paesi e alimentare restrizioni sempre più incisive. Anche in questo campo è intervenuto il presidente Draghi, con la proposta di dare la precedenza alle prime dosi di vaccino, per ampliare la platea di immunizzati come fatto dall’Uk.

Certificato sanitario per viaggiare? Entro l’estate

Si è discussa e concretizzata anche l’esigenza di mettere a punto, entro l’estate, un certificato sanitario che possa agevolare gli spostamenti delle persone. In un’audizione con gli amministratori di AstraZeneca, CureVac, Moderna e Novavax, è stato concertato un approccio comune sui certificati vaccinali. Tutti i leader concordano sull’utilità del lasciapassare, ma temono discriminazioni verso i propri cittadini. Dai due giorni di meeting si è venuti fuori con la certezza che un certificato digitale e letto da tutti i sistemi possa essere ultimato prima della stagione turistica.

Ultimo nodo affrontato è stato quello della solidarietà con paesi terzi, da sostenere nella risposta globale alla pandemia. L’Ue ha già implementato lo strumento Covax, per l’accesso ai vaccini per gruppi prioritari negli altri paesi. Per ora sono coinvolti 92 paesi a basso e medio reddito. Non è mancato l’intervento di Draghi che ha sottolineato che, pur sposando la causa, non bisogna dimenticare la «coerenza verso i cittadini Ue» e la necessità di progredire prima sufficientemente in Europa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
AstraZeneca e J&J, il farmacologo: «Non esiste farmaco comune con possibilità di eventi avversi così remota»
Con il prof. Sava (SIF) analizziamo i rischi di farmaci comuni e l'incidenza di trombosi, comparandola con quella dei vaccini a vettore virale
Vaccini, Regimenti (Lega): «Strategia lacunosa, Ue informi su negoziati con azienda Novavax»
L'eurodeputata della Lega ha presentato una interrogazione in cui chiede alla Commissione Ue «quali misure intende adottare per garantire la trasparenza delle negoziazioni dei contratti pubblici di acquisto dei vaccini» con la casa farmaceutica Novavax
Vaccini Covid, Italia senza dosi. Rostan (Misto): «Priorità ai fragili poi categorie economiche»
«L’ipotesi delle isole Covid free è un buon punto di partenza, a patto che si allarghi immediatamente a tutti gli altri siti turistici di pregio del nostro Paese», spiega la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...