Salute 28 Agosto 2018

Vaccini, la petizione delle mamme di bimbi immunodepressi. La storia di Roberta: «Mia figlia merita una vita normale»

Una raccolta di 300mila firme per rinvigorire l’obbligo alla profilassi e abolire l’ipotesi di ‘flessibilità’ così come proposta dal governo. Questo l’obiettivo di tantissime mamme che insieme all’associazione ‘IoVaccino’ reclamano il diritto alla salute e allo studio per i figli

Vaccini, la petizione delle mamme di bimbi immunodepressi. La storia di Roberta: «Mia figlia merita una vita normale»

«In questi giorni la nostra petizione arriverà in Parlamento, la politica deve risponderci con chiarezza, finora c’è stato troppo silenzio». Un tono deciso e una voce squillante quella di Roberta Amatelli, mamma di Viola, 3 anni, che a soli 8 mesi ha subito un trapianto di fegato a causa di una malattia rara alle vie biliari. «Mia figlia è immunodepressa e a settembre dovrebbe iniziare l’asilo, ma se i suoi compagni non sono vaccinati non potrà frequentare».

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL BALLO DELLE INCERTEZZE. COSA È CAMBIATO DAVVERO PER MEDICI, ASL, SCUOLE E FAMIGLIE?

Quella di Viola è solo una delle storie di tanti bambini che, con un sistema immunitario depotenziato per via di una storia clinica complessa, non possono sottoporsi ai vaccini e rischierebbero la vita se entrassero in contatto con virus invalidanti. «Per garantire il diritto alla vita, soprattutto ad una vita normale – prosegue a Sanità Informazione -, io insieme a tante mamme abbiamo lanciato una petizione con una raccolta firme che è già arrivata a 300mila sostenitori; non vogliamo ‘l’obbligo flessibile’ ipotizzato dal governo, vogliamo sicurezza per i nostri figli e la possibilità di garantire loro il diritto alla salute e allo studio».

La risposta del ministro Giulia Grillo alle perplessità sollevate dalle famiglie con bimbi immunodepressi è la formazione di ‘classi differenziate’ frequentate esclusivamente da bambini in regola con il calendario vaccinale. «Ma esistono spazi comuni nelle strutture scolastiche – fa notare Roberta Amatelli -, i bagni, i corridoi, le palestre, ma lo stesso ingresso della scuola rappresenta una di quelle aree dove inevitabilmente i bambini entrano in contatto fra loro. I virus non rimangono fuori dalla porta. Inoltre – aggiunge – non condivido la volontà di ‘ghettizzare’ dei piccoli che, se inseriti in spazi ah hoc per loro, verrebbero inevitabilmente additati come ‘diversi’».

«La mia battaglia non è solo per Viola – spiega Roberta – e non è solo per i minori immunodepressi, ma per tutti i bambini, perché la vaccinazione protegge anche i figli dei no-vax. Non trovo corretta la discriminazione tra bambini vaccinati e non, ma quello che ritengo assurdo è che purtroppo debbano pagare le conseguenze della non vaccinazione dei bambini che non hanno colpa delle scelte dei genitori, scelte che, a parer mio, sono scellerate perché tutti i medici consigliano caldamente la profilassi e noi dovremmo ascoltare il parere scientifico di chi sa quello che dice».

Di fronte a queste evidenze, continua la mamma di Viola, «le famiglie no-vax replicano chiedendo il motivo per cui negli altri Paesi l’obbligo non esiste. La spiegazione è semplice: in Italia siamo sotto la soglia di sicurezza che garantisce l’immunità di gregge, negli altri Paesi no. In Italia se non metti l’obbligo d’indossare la cintura di sicurezza in macchina, buona parte dei cittadini non la mette, questa è la realtà. Però è bene precisare che chi non indossa la cintura mette a rischio solo se stesso, mentre chi non vaccina il figlio mette a rischio non solo il minore stesso ma anche coloro che gli stanno intorno. Basta pensare che per andare in Messico dobbiamo dimostrare di aver fatto i vaccini (compreso il morbillo), perché la verità è che oggi siamo noi italiani potenzialmente pericolosi per gli altri Paesi. Ma come, il Messico dove la povertà è estrema e il tasso di criminalità è altissimo, ci impone di essere vaccinati? Insomma quello che noi definiamo ‘terzo mondo’ non è poi così lontano».

LEGGI ANCHE: VACCINI, PERCHÉ IN ITALIA SONO OBBLIGATORI E IN ALTRI PAESI NO? LO SPIEGA REZZA (ISS) SUL BRITISH MEDICAL JOURNAL

La tenacia di Roberta insieme al clamore suscitato della petizione da lei proposta le ha attirato l’ostilità di chi nutre dei dubbi sulla sicurezza della profilassi: «Molte famiglie no-vax – ci racconta – mi hanno contattato per convincermi a desistere. C’è chi mi ha fatto notare che mia figlia sarebbe comunque a rischio non solo a scuola ma anche al parco giochi, per strada e in qualunque altro luogo. C’è anche chi mi ha ‘consigliato’ di portare Viola a frequentare ‘la scuola in ospedale’, ma perché? Io non rispondo a queste provocazioni perché ritengo che mia figlia frequentando l’asilo non dia fastidio a nessuno, mentre un bambino non vaccinato è potenzialmente pericoloso per se stesso e anche per gli altri bambini».

«Io continuo a combattere – prosegue Roberta -, continuo a portare argomentazioni scientifiche che mi vengono fornite da quei medici che curano mia figlia. Purtroppo nonostante le evidenze, c’è ancora chi dice che i medici siano ‘complottisti’ e che i vaccini ‘fanno venire l’autismo’, allora io dico grazie a questi medici ‘corrotti’ che hanno dato una chance di vita a Viola che, prima del loro intervento, versava in uno stato di salute così grave da non far sperare per lei alcuna guarigione. Grazie anche a tutti coloro che ci sostengono, perché le risposte alla nostra battaglia, supportata da IoVaccino, non sono solo critiche ma anche incoraggianti da parte di chi ci dice ‘continuate, noi vi sosteniamo’, ed è così che faremo, continueremo a lottare».

La petizione sta per arrivare nelle mani della politica e delle istituzioni e «attendiamo una risposta – conclude Roberta -. Io sono ancora una di quelle che crede che lo Stato abbia voglia di sentire i cittadini, spero di riuscire a far sentire la voce dei nostri bambini e che queste voci ottengano risposte. Ci aspettiamo chiarezza, ci aspettiamo una garanzia di tutela per i nostri bimbi, non solo quelli più fragili, ma per tutti perché tutti hanno bisogno di essere protetti».

Articoli correlati
Covid-19, Arcuri: «Vaccini saranno tracciati da arrivo a somministrazione. In campo 20 mila operatori»
Il commissario straordinario all'emergenza coronavirus Domenico Arcuri ha parlato alle Commissioni riunite Trasporti e Affari sociali: «Piano vaccini sostanzialmente pronto»
Covid-19 e animali domestici, cosa c’è da sapere?
Posso contrarre l’infezione dal mio animale domestico? Esiste il rischio che il virus SARS-CoV-2 sia trasmesso dall’uomo agli animali o da animale ad animale? Cosa fare dopo la passeggiata con il cane? Il Ministero della Salute risponde ai principali quesiti
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Gestione dei pazienti Covid in casa, le indicazioni del Ministero a medici e pediatri
Firmata da Rezza e Urbani, la circolare del Ministero della Salute illustra a medici e pediatri come occuparsi di pazienti Covid in cura domiciliare. Elencati anche i criteri da adottare e le restrizioni sui farmaci da prescrivere (netto il "no" all'idrossiclorochina) per evitare un aggravarsi della malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli