Voci della Sanità 23 Agosto 2018 18:12

Vaccini, Sindaci pugliesi contro accesso a scuola di bimbi senza certificazione. La lettera di Anelli (FNOMCeO)

Obbligo vaccinale sì, no, forse: mentre la Politica oscilla e tende a rimandare il problema, mentre la petizione lanciata da un gruppo di mamme di bambini immunosoppressi, e sostenuta da IoVaccino, per chiedere l’applicazione immediata delle sanzioni previste della Legge Lorenzin veleggia verso le trecentomila firme, quasi a sorpresa scendono in campo i Sindaci, che emettono ordinanze […]

Obbligo vaccinale sì, no, forse: mentre la Politica oscilla e tende a rimandare il problema, mentre la petizione lanciata da un gruppo di mamme di bambini immunosoppressi, e sostenuta da IoVaccino, per chiedere l’applicazione immediata delle sanzioni previste della Legge Lorenzin veleggia verso le trecentomila firme, quasi a sorpresa scendono in campo i Sindaci, che emettono ordinanze per disporre la mancata ammissione ai nidi e alle materne per i bambini da 0 a 6 anni privi della certificazione che attesti le avvenute vaccinazioni.

Ad accendere i riflettori sull’accaduto è la FNOMCeO che parla di «una piccola, grande rivoluzione che parte dalla Puglia: prima a Maruggio, Taranto, poi a Lucera, Foggia, poi a Mola, in provincia di Bari, e presto anche a Bitonto, sempre Bari».

Si tratterebbe, a detta della Federazione, di «un’applicazione in toto, a colpi di ordinanze sindacali, della Legge Lorenzin, che un emendamento al “Milleproroghe”, già approvato in Senato e ora all’esame della Camera, vorrebbe in parte posticipare, nell’attesa che sia approvato il nuovo ddl sulla materia presentato, sempre al Senato, dalla maggioranza, che introduce l’obbligo flessibile. Un movimento spontaneo, quello dei Sindaci – prosegue la nota -, che nasce dal basso, e si fa interprete delle istanze della popolazione riaffermando il ruolo di tutori della salute pubblica dei primi cittadini».

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL BALLO DELLE INCERTEZZE. COSA È CAMBIATO DAVVERO PER MEDICI, ASL, SCUOLE E FAMIGLIE?

«L’intervento dei Sindaci pugliesi costituisce una vera novità nel difficile intento di assicurare con le vaccinazioni il diritto alla salute dei cittadini, in particolare di quelli più fragili – commenta il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Filippo Anelli – e apre una questione nevralgica sinora sottaciuta e talora misconosciuta nella gestione del Servizio sanitario nazionale: la partecipazione democratica delle comunità locali e dei cittadini alla gestione della salute sia pubblica che individuale».

Per meglio esaminare i risvolti di questa innovazione e per innescare un dibattito che coinvolga l’opinione pubblica, il presidente FNOMCeO ha voluto scrivere una lettera aperta rivolta alla politica, ai medici e a tutti i cittadini: la riportiamo integralmente qui di seguito.

La lettera aperta del Presidente Anelli

L’intervento dei Sindaci pugliesi costituisce una vera novità nel difficile intento di assicurare con le vaccinazioni il diritto alla salute dei cittadini, in particolare di quelli più fragili. I Sindaci pugliesi hanno utilizzato lo strumento dell’Ordinanza Sindacale di cui al Decreto Legislativo 267/2000 per ribadire quanto previsto dalla legge e assicurare così, soprattutto ai bambini immunodepressi, una regolare frequenza scolastica senza il rischio di incorrere in un’infezione per contagio. L’intervento dei Sindaci, tuttavia, apre una questione nevralgica sinora sottaciuta e talora misconosciuta nella gestione del Servizio sanitario nazionale: la partecipazione democratica delle comunità locali e dei cittadini alla gestione della salute sia pubblica che individuale. Infatti, l’art.1 della Legge n. 833/1978, istitutiva del SSN, così recita: “L’attuazione del Servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle Regioni e agli Enti locali territoriali, garantendo la partecipazione dei cittadini”. Sinora, pochi si sono interessati a questo tema. I provvedimenti che hanno provato a incentivare la partecipazione dei cittadini, a disciplinarne le modalità, a definirne le competenze e, soprattutto, a determinare il ruolo dei Sindaci, sono stati insufficienti. L’art.2 della stessa legge, difatti, dispone che quei principi stabiliti dall’art.1 trovino attuazione attraverso il raggiungimento di una serie di obiettivi che, tra gli altri, contemplano “la formazione di una moderna coscienza sanitaria sulla base di un’adeguata educazione sanitaria del cittadino e delle comunità”. I Sindaci, ora, accettano la sfida di mettere in pratica questi principi. E scendono in campo sul tema delle vaccinazioni, con interventi diretti, ma anche attraverso azioni diffuse e capillari di informazione, sinora totalmente delegate alle Regioni o allo Stato senza che tali attori siano riusciti a centrare appieno l’obiettivo di una moderna educazione sanitaria e quello, prioritario, dello sviluppo di una coscienza collettiva. Con la seconda riforma (D.Lgs. 502/’92) si decise di ridurre il numero delle Usl e quindi di alterare le dimensioni degli ambiti territoriali, modificandone, di conseguenza, la partecipazione; soprattutto, però, si sostituì alla parola Unità la parola Azienda, cambiando sostanzialmente le finalità del sistema e subordinandolo agli equilibri di bilancio. Difatti, la partecipazione popolare e la consapevolezza collettiva del proprio diritto alla salute avrebbero impedito la formazione degli squilibri territoriali, le disuguaglianze nella tutela della salute e le disequità nell’accesso ai servizi socio-sanitari. La partecipazione dei cittadini, espressamente definita dalla Legge come obiettivo da perseguire e competenza precipua del Servizio sanitario nazionale, rappresenta il mezzo per avviare politiche che ripristinino il diritto alla cittadinanza, superando le attuali disuguaglianze. Ora, l’intervento dei Sindaci ripropone in maniera preponderante il tema della partecipazione dei cittadini e la tutela della comunità, ove si vivono le gioie e i drammi delle famiglie e dei cittadini che le compongono. Infatti, la salute non è solo un diritto del singolo, da rispettare o da esigere. È un vero e proprio diritto di cittadinanza e, come tale, va riconosciuto e alimentato da una effettiva conoscenza dei problemi e da una informazione trasparente e completa, che portino a una piena consapevolezza, presupposto imprescindibile di ogni libertà e di ogni altro diritto.

Filippo Anelli
Presidente FNOMCeO

Articoli correlati
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
“Value based Vaccination Project”, il primo studio al mondo sul valore delle vaccinazioni
Il paper si basa sui 4 pilastri proposti dall’Expert Panel on Effective Ways of Investing in Health (EXPH) della Commissione Europea: valore personale, tecnico, allocativo e sociale. Dai sanitari alla politica, fino alle imprese: ecco tutte le reazioni alla pubblicazione
di Isabella Faggiano
Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18
Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano