OMCeO, Enti e Territori 23 agosto 2018

Vaccini, Sindaci pugliesi contro accesso a scuola di bimbi senza certificazione. La lettera di Anelli (FNOMCeO)

Obbligo vaccinale sì, no, forse: mentre la Politica oscilla e tende a rimandare il problema, mentre la petizione lanciata da un gruppo di mamme di bambini immunosoppressi, e sostenuta da IoVaccino, per chiedere l’applicazione immediata delle sanzioni previste della Legge Lorenzin veleggia verso le trecentomila firme, quasi a sorpresa scendono in campo i Sindaci, che emettono ordinanze […]

Obbligo vaccinale sì, no, forse: mentre la Politica oscilla e tende a rimandare il problema, mentre la petizione lanciata da un gruppo di mamme di bambini immunosoppressi, e sostenuta da IoVaccino, per chiedere l’applicazione immediata delle sanzioni previste della Legge Lorenzin veleggia verso le trecentomila firme, quasi a sorpresa scendono in campo i Sindaci, che emettono ordinanze per disporre la mancata ammissione ai nidi e alle materne per i bambini da 0 a 6 anni privi della certificazione che attesti le avvenute vaccinazioni.

Ad accendere i riflettori sull’accaduto è la FNOMCeO che parla di «una piccola, grande rivoluzione che parte dalla Puglia: prima a Maruggio, Taranto, poi a Lucera, Foggia, poi a Mola, in provincia di Bari, e presto anche a Bitonto, sempre Bari».

Si tratterebbe, a detta della Federazione, di «un’applicazione in toto, a colpi di ordinanze sindacali, della Legge Lorenzin, che un emendamento al “Milleproroghe”, già approvato in Senato e ora all’esame della Camera, vorrebbe in parte posticipare, nell’attesa che sia approvato il nuovo ddl sulla materia presentato, sempre al Senato, dalla maggioranza, che introduce l’obbligo flessibile. Un movimento spontaneo, quello dei Sindaci – prosegue la nota -, che nasce dal basso, e si fa interprete delle istanze della popolazione riaffermando il ruolo di tutori della salute pubblica dei primi cittadini».

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL BALLO DELLE INCERTEZZE. COSA È CAMBIATO DAVVERO PER MEDICI, ASL, SCUOLE E FAMIGLIE?

«L’intervento dei Sindaci pugliesi costituisce una vera novità nel difficile intento di assicurare con le vaccinazioni il diritto alla salute dei cittadini, in particolare di quelli più fragili – commenta il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Filippo Anelli – e apre una questione nevralgica sinora sottaciuta e talora misconosciuta nella gestione del Servizio sanitario nazionale: la partecipazione democratica delle comunità locali e dei cittadini alla gestione della salute sia pubblica che individuale».

Per meglio esaminare i risvolti di questa innovazione e per innescare un dibattito che coinvolga l’opinione pubblica, il presidente FNOMCeO ha voluto scrivere una lettera aperta rivolta alla politica, ai medici e a tutti i cittadini: la riportiamo integralmente qui di seguito.

La lettera aperta del Presidente Anelli

L’intervento dei Sindaci pugliesi costituisce una vera novità nel difficile intento di assicurare con le vaccinazioni il diritto alla salute dei cittadini, in particolare di quelli più fragili. I Sindaci pugliesi hanno utilizzato lo strumento dell’Ordinanza Sindacale di cui al Decreto Legislativo 267/2000 per ribadire quanto previsto dalla legge e assicurare così, soprattutto ai bambini immunodepressi, una regolare frequenza scolastica senza il rischio di incorrere in un’infezione per contagio. L’intervento dei Sindaci, tuttavia, apre una questione nevralgica sinora sottaciuta e talora misconosciuta nella gestione del Servizio sanitario nazionale: la partecipazione democratica delle comunità locali e dei cittadini alla gestione della salute sia pubblica che individuale. Infatti, l’art.1 della Legge n. 833/1978, istitutiva del SSN, così recita: “L’attuazione del Servizio sanitario nazionale compete allo Stato, alle Regioni e agli Enti locali territoriali, garantendo la partecipazione dei cittadini”. Sinora, pochi si sono interessati a questo tema. I provvedimenti che hanno provato a incentivare la partecipazione dei cittadini, a disciplinarne le modalità, a definirne le competenze e, soprattutto, a determinare il ruolo dei Sindaci, sono stati insufficienti. L’art.2 della stessa legge, difatti, dispone che quei principi stabiliti dall’art.1 trovino attuazione attraverso il raggiungimento di una serie di obiettivi che, tra gli altri, contemplano “la formazione di una moderna coscienza sanitaria sulla base di un’adeguata educazione sanitaria del cittadino e delle comunità”. I Sindaci, ora, accettano la sfida di mettere in pratica questi principi. E scendono in campo sul tema delle vaccinazioni, con interventi diretti, ma anche attraverso azioni diffuse e capillari di informazione, sinora totalmente delegate alle Regioni o allo Stato senza che tali attori siano riusciti a centrare appieno l’obiettivo di una moderna educazione sanitaria e quello, prioritario, dello sviluppo di una coscienza collettiva. Con la seconda riforma (D.Lgs. 502/’92) si decise di ridurre il numero delle Usl e quindi di alterare le dimensioni degli ambiti territoriali, modificandone, di conseguenza, la partecipazione; soprattutto, però, si sostituì alla parola Unità la parola Azienda, cambiando sostanzialmente le finalità del sistema e subordinandolo agli equilibri di bilancio. Difatti, la partecipazione popolare e la consapevolezza collettiva del proprio diritto alla salute avrebbero impedito la formazione degli squilibri territoriali, le disuguaglianze nella tutela della salute e le disequità nell’accesso ai servizi socio-sanitari. La partecipazione dei cittadini, espressamente definita dalla Legge come obiettivo da perseguire e competenza precipua del Servizio sanitario nazionale, rappresenta il mezzo per avviare politiche che ripristinino il diritto alla cittadinanza, superando le attuali disuguaglianze. Ora, l’intervento dei Sindaci ripropone in maniera preponderante il tema della partecipazione dei cittadini e la tutela della comunità, ove si vivono le gioie e i drammi delle famiglie e dei cittadini che le compongono. Infatti, la salute non è solo un diritto del singolo, da rispettare o da esigere. È un vero e proprio diritto di cittadinanza e, come tale, va riconosciuto e alimentato da una effettiva conoscenza dei problemi e da una informazione trasparente e completa, che portino a una piena consapevolezza, presupposto imprescindibile di ogni libertà e di ogni altro diritto.

Filippo Anelli
Presidente FNOMCeO

Articoli correlati
Aggressioni, FNOMCeO in audizione al Senato: «Minate le basi del SSN, serve decreto legge»
«La situazione dei nostri medici, infermieri e operatori rappresenta una vera emergenza di sanità pubblica. C’è necessità di un intervento legislativo immediato», così il presidente della Federazione Filippo Anelli
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
Emergenza neve: garantita l’assistenza sul territorio H24, grazie ai medici pugliesi
I medici della Continuità assistenziale e di Emergenza territoriale di tutta la Puglia stanno affrontando da molte ore l’emergenza neve da tempo annunciata, con grande senso di responsabilità. L’assistenza alla cittadinanza è stata garantita in maniera ininterrotta per 24 ore al giorno. Le emergenze vengono gestite dal settore 118 con la presenza fondamentale dei medici […]
Spot risarcimento danni, Fnomceo e sindacati chiedono intervento della Grillo. E la Rai sospende la messa in onda
La questione approda in Parlamento: M5S chiede ritiro della pubblicità. Filippo Anelli scrive a Vigilanza Rai: «Stato tuteli SSN». Magi (OMCeO) Roma: «Messaggio che scredita sanità». E intanto partono le denunce...
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano