Sanità internazionale 28 Agosto 2018

Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal

«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]

«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo articolo pubblicato nella sezione “opinioni” del British Medical Journal.

Spiegando ai colleghi d’Oltralpe cosa sta avvenendo in Italia e perché le vaccinazioni sono un tema così caldo e protagonista della scena politica, mette in relazione sin dal titolo le evidenze scientifiche e le controversie politiche. Inizia poi con una frase divenuta ormai nota a chi negli ultimi tempi si occupa dell’argomento: «I vaccini sono le vittime del loro stesso successo. Grazie a loro – scrive Rezza – l’incidenza di molte malattie è diminuita, alcune patologie sono scomparse. Ma in questo modo, si è diffusa la percezione che le malattie combattute dai vaccini non sono rischiose, dando vita a riluttanza o rifiuto nei confronti delle vaccinazioni».

Intanto, però, l’emergenza morbillo in Europa è una realtà, come confermano i dati pubblicati recentemente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità secondo i quali nel 2018 è stato raggiunto il record di casi rispetto agli ultimi 10 anni. Ecco perché, come scrive il Professore, «non possiamo restare indifferenti davanti all’aumento del sentimento antivaccinista».

Rezza prosegue il suo articolo ricordando le tappe che hanno portato il governo precedente ad adottare la Legge che ha introdotto l’obbligo vaccinale in Italia: l’abbassamento delle coperture, gli effetti positivi dell’obbligatorietà riscontrati ad esempio in California e, soprattutto, l’inefficacia di sistemi non coercitivi in un contesto sociale e culturale come quello italiano.

Quindi, il dibattito sempre acceso tra chi ritiene prioritario il principio della libertà individuale e chi quello della protezione della comunità; i risultati positivi dei primi mesi di applicazione della Legge sull’obbligo vaccinale che ha consentito l’aumento della copertura dell’esavalente e del trivalente rispettivamente del 1,2% e del 4,4%. Infine, il dibattito in campagna elettorale, il cambio di governo, il favore nei confronti dei vaccini ma la contrarietà all’obbligo, l’introduzione delle autocertificazioni e le varie proposte di obbligo flessibile.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL BALLO DELLE INCERTEZZE. COSA È CAMBIATO DAVVERO PER MEDICI, ASL, SCUOLE E FAMIGLIE?

«Mantenere alte coperture vaccinali senza coercizioni sarebbe l’ideale – scrive il professor Rezza – ma nel contesto italiano attualmente ciò è difficile, a causa della bassa alfabetizzazione sanitaria, un’alta percentuale di genitori riluttanti nei confronti dei vaccini (secondo un sondaggio del 2016 condotto su oltre 3mila genitori lo 0,7% era antivaccinista e il 16% riluttante) e, infine, una forte pressione mediatica condotta dal movimento no-vax».

«Inoltre, come già detto – prosegue – grazie alla Legge le coperture vaccinali stanno aumentando. Per questo motivo, sarebbe saggio mantenerla finché non sarà raggiunta la copertura di gregge contro il morbillo e non saranno assicurate alte percentuali di vaccinati contro tutte le altre malattie».

«Ad ogni modo – conclude Rezza – è importante che qualunque decisione sull’introduzione di un sistema non coercitivo venga presa in considerazione di valutazioni sui costi e benefici. Il successo delle diverse strategie vaccinali è legato al contesto geografico e culturale di un Paese e queste valutazioni devono tenerne conto».

Articoli correlati
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
Vaccini, entro il 2025 Gavi immunizzerà 300 milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo
Tra il 2021 e il 2025 verranno vaccinati 300 milioni di bambini nei Paesi in via di sviluppo, con otto milioni di vite salvate. L’ambizioso programma è di Gavi, The Vaccine Alliance, che ha lanciato per questo piano una raccolta fondi da almeno 7,4 miliardi di dollari. In questo lasso di tempo, spiega il comunicato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali