Salute 20 agosto 2018

Morbillo, OMS: «In Europa record di casi negli ultimi dieci anni: nel primo semestre 2018 sono stati 41mila»

I Paesi che hanno registrato più di mille contagi sono l’Italia (con 2029 casi di morbillo), la Francia, la Georgia, la Grecia, la Russia, la Serbia e l’Ucraina. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda: «Per combattere questa malattia mortale è necessario raggiungere il 95% di copertura vaccinale»

Immagine articolo

In Europa c’è un’emergenza morbillo. Sono stati più di 41mila i casi di contagio nel primo semestre dell’anno nel vecchio continente. Almeno 37 persone sono morte. Un record, evidenzia l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che riporta numeri preoccupanti: da gennaio a giugno 2018 (in soli sei mesi) si è già superato di molto il totale dei casi registrati ogni anno nell’ultimo decennio. Basti pensare che il maggior numero di contagi di morbillo dal 2010 al 2017 è stato registrato nel 2017, anno in cui ci sono stati 23.927 casi. Solo un anno prima, nel 2016, i casi di morbillo erano stati 5.273.

Tra i Paesi responsabili di un aumento così rilevante dei numeri c’è anche l’Italia. In particolare, come riporta il bollettino di luglio dell’Istituto Superiore di Sanità sulla sorveglianza integrata del morbillo e della rosolia, in Italia dal 1 gennaio al 30 giugno 2018 sono stati segnalati 2.029 casi di morbillo, inclusi 4 decessi e 14 casi di rosolia. L’89,4% si è verificato in sette Regioni: Sicilia, Lazio, Calabria, Lombardia, Campania, Emilia Romagna e Toscana. L’età media dei casi è stata pari a 25 anni e 393 casi si sono verificati in bambini di età inferiore a 5 anni (di cui 125 avevano meno di 1 anno). Il 91,3% dei casi era non vaccinato al momento del contagio, il 5,4% era stato vaccinato con una sola dose. Quasi la metà (48,9%) ha sviluppato almeno una complicanza mentre il 59,5% dei casi totali è stato ricoverato. Inoltre, 87 casi sono stati segnalati tra operatori sanitari.

Il Paese più colpito è stato però l’Ucraina, con più di 23mila casi. Ma ci sono altri cinque stati europei in cui sono stati registrati più di mille casi: l’emergenza è infatti presente anche in Francia, Georgia, Grecia, Russia e Serbia.

LEGGI ANCHE: VACCINI, GRILLO: «PRONTO DDL SU OBBLIGO FLESSIBILE». E DIFENDE AUTOCERTIFICAZIONE: «CI SARA’ ANCHE NEL 2018»

«Stiamo assistendo ad un drammatico aumento di contagi di morbillo e dell’estensione dei focolai – dichiara il Direttore regionale per l’Europa dell’OMS Zsuzsanna Jakab -. Chiediamo a tutti i Paesi di adottare immediatamente misure importanti ed appropriate per frenare ulteriori diffusioni della malattia. La salute di tutti passa dalla vaccinazione, e finché il morbillo non sarà eliminato non raggiungeremo questo obiettivo».

Se da una parte la Commissione europea per l’eliminazione del morbillo e della rosolia segnala che 43 dei 53 stati della Regione sono riusciti ad interrompere la diffusione di queste malattia, d’altra parte si dice «preoccupata» per l’inadeguata sorveglianza e la bassa copertura vaccinale registrate in alcuni Paesi, tanto che in alcune aree, che erano riuscite a vincere la malattia, il morbillo è tornato.

L’OMS ricorda quindi nuovamente la necessità di raggiungere la soglia di immunizzazione del 95% per prevenire la nascita di focolai. L’Organizzazione comunica inoltre di star lavorando a stretto contatto con gli stati che stanno affrontando l’emergenza: «Questa malattia mortale può essere fermata – dichiara Jakab – ma non ci riusciremo se ognuno non farà la sua parte: tutti dobbiamo vaccinarci, vaccinare i nostri figli, far vaccinare i propri pazienti, e ricordare agli altri l’importanza delle vaccinazioni per salvare molte vite».

L’Organizzazione Mondiale della Sanità annuncia inoltre che si terrà proprio a Roma, dal 17 al 20 settembre, la 68° sessione del Comitato Regionale Europeo OMS che registrerà anche i progressi fatti dal Piano di azione europeo sui vaccini.

LEGGI ANCHE: DDL VACCINI, ECCO IL TESTO: VIA LE DIECI VACCINAZIONI OBBLIGATORIE. MA IN CASO DI PIANI STRAORDINARI SANZIONI ED ESCLUSIONE DA SCUOLA

Articoli correlati
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
Alcol, il report OMS: uccide 3 milioni di persone l’anno. E il 44% degli adolescenti europei beve abitualmente
I tre quarti dei decessi dovuti a incidenti, violenze o malattie legati all’abuso di alcol colpisce gli uomini. Nel Vecchio Continente le percentuali più alte. Tutti i dati emersi dal “Global status report on alcohol and health 2018”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila