Salute 3 Giugno 2021 15:19

Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?

Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi

Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?

Entro fine giugno arriveranno venti milioni di vaccini. E da oggi, giovedì 3 giugno, la platea vaccinale si amplia. Secondo le indicazioni contenute nella circolare del commissario per l’Emergenza coronavirus Francesco Figliuolo, le iscrizioni sono libere e chi vuole vaccinarsi, indipendentemente dall’età, potrà farlo.

In realtà, per le vaccinazioni aperte a tutti le regioni vanno, ancora, in odine sparso. Gran parte ha aperto le adesioni alla campagna vaccinale a tutte le classi d’età ma ogni territorio si organizza a modo suo. Solo Lombardia, Veneto, Campania e Calabria, ad esempio, hanno autorizzato la prenotazione di Pfizer anche ai ragazzi tra i 12 e i 15 anni, dopo il via libera dell’Aifa. Vediamo la situazione regione per regione.

Liberi tutti in Veneto

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha annunciato l’apertura della campagna vaccinale a tutti i cittadini dai 12 ai 39 anni.

Il Lazio prosegue per fasce d’età. Si parte domenica 6 giugno per i nati 1982-1986

La Regione Lazio merita un discorso a parte. Va infatti controcorrente: ieri è iniziato l’open week di AstraZeneca – 50.000 dosi prenotate – per gli over 18, ma mantiene le prenotazioni per fasce d’età continuando a seguire il modello israeliano. Domenica 6 giugno alle 24:00 toccherà a chi ha (o compirà quest’anno) da 35 a 39 anni, ossia i nati 1982-1986. Martedì 8 giugno alle 24:00 si apriranno le prenotazioni per la fascia d’età 34-30 anni, nati 1987-1991. Giovedì 10 giugno alle 24:00 sarà il turno dei nati 1992-1996 per la fascia d’età 29-25 anni. Chiudono, domenica 13 giugno alle 24:00 i nati 1997-2004, per la fascia d’età 24-17 anni. Secondo le previsioni, entro fine luglio tutti i cittadini registrati avranno ricevuto almeno la prima dose. I ragazzi tra i 12 e i 16 anni (nati 2009-2005) invece, devono rivolgersi al pediatra di libera scelta o mmg.

Intanto, dopo le vaccinazioni dei maturandi – a cui hanno aderito oltre 43 mila studenti – e nelle farmacie con il monodose Johnson & Johnson, da oggi partono le aziende: Acea, Eni, Enel Coop, Conad, AbbVie e Stellantis fanno da apripista. Il vaccino, fornito dalla Regione, sarà AstraZeneca. Per vaccinare i dipendenti, su base volontaria e senza vincoli di età, le aziende possono appoggiarsi agli hub già esistenti, con costi a loro carico.

Vaccini per la fascia d’età 12-29 in Lombardia. Piemonte apre agli over 30

Da ieri tutti i lombardi tra i 12 e i 29 anni hanno potuto prenotare la propria vaccinazione. In Piemonte, sono state aperte le iscrizioni per le persone con più di 30 anni (inclusi i nati nel 1991) e quelle per i giovani con più di 18 anni compiuti.

Friuli-Venezia Giulia, Alto Adige e Valle d’Aosta

Tra qualche giorno il Friuli aprirà la prenotazione a tutte le fasce di età, compresa quella 12-15 anni. A Bolzano invece attive sin da oggi le prenotazioni anche per gli adolescenti tra 16 e 18 anni. All’Astra Open Day della Valle d’Aosta hanno partecipato tutti i cittadini over 18.

La Liguria chiama gli over 40, l’Emilia-Romagna gli adolescenti

Ad oggi, in Liguria si possono vaccinare i quarantenni e gli over 18 con Astrazeneca e Johnson&Johnson. L’Emilia-Romagna ha deciso di dare priorità ai ragazzi tra 12 e 19 anni, rispetto agli over 30 e over 20. L’obiettivo è vaccinare tutti – personale, docenti e studenti – prima dell’inizio del nuovo anno scolastico. Poi, seguirà il modello Lazio, per fasce d’età, ogni due giorni: 9 e 10 giugno sarà la volta dei 35-39enni; 11, 12 e 13 giugno per la fascia 30-34; 14 e 15 giugno sono riservati a chi ha tra i 25 e i 29 anni e dal 16 al 18 giugno si chiuderà con i 20-24enni. La Asl chiamerà i ragazzi fragili tra i 12 e i 15 anni.

L’Abruzzo apre ai 16enni. Molise: dal 5 giugno 20-29 anni

In Abruzzo spazio a tutti i cittadini che abbiano compiuto 16 anni. Per la fascia di età 12-15 si attendono istruzioni. In Molise sono partite le adesioni per la decade 39-30 anni e da sabato 5 giugno slot aperti per chi ha tra i 20 ai 29 anni.

Marche: vaccini senza limiti per chi ha comorbidità. In Umbria chiamata per i cinquantenni

Nelle Marche si è arrivati agli over 40 e non ci sono limiti di età (dai 16 in su) per le persone con comorbidità. Porte aperte anche ai 14mila maturandi senza prenotazione ma in ordine alfabetico. In Umbria sono scattate le pre-adesioni per tutti fino ai 18 anni mentre proseguono quelle per fasce d’età che riguardano i cinquantenni.

Toscana: dal 7 giugno sì agli over 18

Aperte le adesioni fino al 1983; chi ha 16 anni compiuti ed è residente in Toscana potrà iscriversi dal 7 giugno. Dovranno aspettare i ragazzi tra i 12 e i 15 anni.

La Puglia chiama gli under 40

Giovedì prossimo sarà la volta degli under 40. Anche qui, per evitare di intasare i sistemi, saranno sbloccate per fasce di età e a scaglioni: il 3 giugno i nati 1982-1986; il 5 giugno 1987-1991 fino ai nati dal 2002 al 2005 a cui si arriverà l’11 giugno. Si potrà aderire online sul sito della Regione al numero verde 800713931 o in farmacia.

Precedenza ad anziani e fragili in Basilicata. Spazio ai 12enni in Calabria

In Basilicata priorità, ancora, ad anziani e pazienti fragili. Poi, la Regione seguirà le indicazioni del Commissario all’emergenza. La Calabria è pronta, da oggi, a iscrivere i ragazzi dai 12 anni in su, compresi ventenni e over 30.

In Sicilia prenotazioni per chi ha tra 16 e 39 anni. Domani parte la Sardegna

Anche in Sicilia, da oggi, è possibile prenotare il proprio posto per il vaccino anti-Covid per chi ha tra 16 e 39 anni. I vaccini previsti saranno Pfizer e Moderna e, su base volontaria, anche Astrazeneca e Johnson & Johnson. La Sardegna aumenta l’offerta vaccinale da venerdì 4 giugno con la fascia d’età 16-39 anni, tramite Poste Italiane.

Campania: via alle adesioni per i dodicenni

Da ieri sulla piattaforma della Regione Campania c’è la possibilità di iscrizione per gli over 12. Le convocazioni, però, dipenderanno dalle dosi consegnate e seguiranno il compimento di quelle per fasce d’età.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa