Salute 28 Maggio 2021 15:38

Vaccini Covid, Figliuolo: «Dal 3 giugno prenotazioni aperte a tutte le classi di età»

L’annuncio del Commissario straordinario per l’emergenza Covid durante la visita all’Umbria Fiere. Dal 3 giugno ogni Regione potrà permettere a chi ha più di 16 anni di prenotare il vaccino, 20 milioni le dosi a disposizione. Figliuolo però insiste sugli over 60: solo il 60% è immunizzato

Vaccini Covid, Figliuolo: «Dal 3 giugno prenotazioni aperte a tutte le classi di età»

Siamo vicini al “liberi tutti” vaccinale. Il Commissario straordinario all’emergenza Covid Francesco Figliuolo lo ha annunciato durante la visita del centro vaccinale Umbria Fiere. «Dal 3 giugno – ha detto – si darà la possibilità alle Regioni e alle province autonome di aprire su tutte le classi seguendo il piano, utilizzando tutti i punti di somministrazione, anche quelli aziendali». In una lettera tutti i dettagli alle singole Regioni.

«Le dosi a disposizione saranno 20 milioni – ha aggiunto Figliuolo – e ogni Regione dovrà regolarsi sul numero di dosi, ma quello che bisogna evitare è la rincorsa tra Regioni per avere più vaccini». Aperte quindi a tutti, probabilmente dai 16 anni in su. Probabilmente in quanto a inizio della prossima settimana, l’Agenzia italiana del Farmaco dovrebbe concedere il via libera al vaccino per il target 12-15 anni e quindi la soglia potrebbe allungarsi ulteriormente. Si aggiungerebbero quindi 2 milioni e 300mila ragazzi, già previsti da Figliuolo nel piano a marzo.

Intanto è arrivata dall’Agenzia europea del Farmaco l’autorizzazione ufficiali all’uso del vaccino Pfizer dai 12 anni di età. Ne ha dato comunicazione il ministro della Salute Roberto Speranza sui social. «Ora sarà possibile – ha scritto – estendere la campagna di vaccinazione anche ai più giovani. È una novità importante, pensando anche alla riapertura delle scuole a settembre. Se continuiamo ad avere cautela, con il quadro epidemiologico che mostra segnali incoraggianti, possiamo guardare al futuro con più fiducia».

Le dosi a disposizione e lo zoccolo duro over 60

«Ad oggi noi abbiamo somministrato quasi 33 milioni di dosi, di cui 21 milioni e 800mila prime dosi. Quindi abbiamo circa 11 milioni e 200mila persone vaccinate», ha snocciolato il commissario straordinario. Sugli over 80 superato il 90%, sugli over 70 sopra l’80%, mentre è sugli over 60 a livello nazionale che tutte le Regioni dovrebbero migliorare, perché siamo intorno al 62-63%. «Con procedure di chiamata attiva dobbiamo andare a intercettare la restante parte di popolazione che ci manca», secondo Figliuolo.

Ora il focus si accenderà, ha promesso infine, sulla somministrazione in azienda e in farmacia, sul ritorno dai medici di base e probabilmente dai pediatri con il via libera ai minori. «Un occhio è puntato sugli over 60 ma l’altro occhio attento deve essere sulla popolazione studentesca. Noi a settembre dobbiamo riaprire le scuole in sicurezza», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?
Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi
Lombardia, Moratti: «Tutti vaccinati entro 30 luglio». E pensa ad un centro di ricerca sulle malattie infettive
Intervista all'Assessore alla sanità Letizia Moratti: «Ecco la ricetta dell'inversione di marcia nella campagna vaccinale. Ora puntiamo su territorio e telemedicina»
di Federica Bosco
Vaccinazioni, Figliuolo alle Regioni: «Coinvolgere di più MMG e farmacisti». Plauso FIMMG, no dello SNAMI
Il Commissario all’emergenza ha stilato le “Linee guida per la prosecuzione della campagna vaccinale”. Anelli (FNOMCeO): «Medici pronti a contribuire di più alle vaccinazioni»
Vaccini Covid, Provenza (M5S): «Programmazione attenta per immunizzare i più giovani»
«Ho sollecitato il ministro ad assicurare azioni adeguate ed efficaci anche per la fascia di età 12-15 anni», ha spiegato l'onorevole Nicola Provenza intervenuto nel corso di un Question time
Vaccini, Locatelli e Magrini: «Ritardare seconda dose Pfizer e Moderna non inficia efficacia. Probabile terzo richiamo»
In audizione in Commissione Sanità, il coordinatore del Cts ricorda come le stesse compagnie farmaceutiche avevano presentato all’EMA un dossier in cui la popolazione studiata aveva avuto richiami fino a 42 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM