Salute 11 Marzo 2021 11:29

Vaccinazioni dei pazienti vulnerabili, ancora molte le criticità

Per quali patologie sono consigliati i vaccini a mRNA come Pfizer e Moderna?

di Peter D'Angelo
Vaccinazioni dei pazienti vulnerabili, ancora molte le criticità

La vaccinazione anti-Covid dei pazienti fragili procede a macchia di leopardo. In Lombardia non c’è ancora nessuna data certa per questa categoria di pazienti; in Campania i disabili e i fragili vengono dopo gli over 80 e partiranno a fine mese; nel Lazio è già partita la campagna per chi è in possesso di esenzioni per malattie croniche e invalidanti. Come ci spiega Guido Forni, immunologo dell’Accademia dei Lincei, «i fattori di rischio sono: età, con rischio massimo oltre gli 80 anni, sesso (i maschi, per motivi non del tutto chiariti, sono più a rischio), cardiopatie, diabete e peso corporeo al di sopra del normale. Inoltre, ritengo che soggetti con dispnea o asma grave siano più a rischio».

Lo scarso approvvigionamento dei vaccini impone delle scelte delicate: è importante individuare quali pazienti abbiano priorità assoluta. Il ministero della Salute ha esteso l’uso di AstraZeneca agli over65, ma questo non riguarda «i soggetti estremamente fragili. In questi soggetti – si legge nella nota ministeriale dell’8 marzo -, si conferma l’indicazione a un uso preferenziale dei vaccini a RNA messaggero (Pfizer/Moderna, ndr)».

L’integrazione delle categorie fragili rappresenta un percorso positivo, certo, ma continuano ad essere esclusi «la maggior parte dei pazienti reumatologici che presentano patologie croniche e quindi sarebbero da considerare in qualche modo vulnerabili», ci spiega Roberto Gerli, presidente della Società Italiana di Reumatologia.

«Ma è evidente che i pazienti affetti da malattie autoimmunitarie sistemiche e flogistico-croniche, in particolare quelli con specifiche comorbidità ed in terapia immunosoppressiva, sono a maggior rischio. In tale ottica, la Società Italiana di Reumatologia sta approntando un documento che possa fornire con maggiore precisione alcuni suggerimenti agli organi competenti per l’identificazione di tali gruppi di pazienti». E conclude: «Tuttavia si ritiene che nella grande maggioranza dei pazienti reumatologici si possa comunque effettuare la vaccinazione anche con il vaccino AstraZeneca».

Per quanto riguarda le malattie autoimmuni va puntualizzato che «il rischio non è la malattia auto-immune in sé, ma i trattamenti a cui questi soggetti sono sottoposti – insiste Forni -. Tali trattamenti comportano frequentemente una riduzione della risposta immune, particolarmente a carico della componente linfocitaria, componente di primaria importanza nella risposta al virus. Nei soggetti con malattie auto-immuni è possibile che la vaccinazione abbia minore efficacia».

Una categoria esclusa, molto consistente, è quella che riguarda i caregiver (i famigliari che si occupano del paziente fragile), nel caso specifico quelli in cui gli assistiti possono accedere al vaccino. Questa una delle criticità: chi si occupa dei familiari gravemente inabili qualora il caregiver contraesse il Covid-19?

 

Persone con patologie per le quali viene raccomandato preferenzialmente l’utilizzo di vaccini a mRNA (Pfizer/Moderna)

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Eventi avversi vaccini anti-Covid, il terzo rapporto Aifa: «Il 92,7% non gravi»
Sono 46.237 le segnalazioni registrate su un totale di 9 milioni di dosi somministrate, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100 mila somministrazioni. La distribuzione per sesso ed età
Vaccini, Ippolito (Cts): «Rischi Covid maggiori di ipotetici eventi avversi. Tanto basta per decisioni razionali»
Dalle rare reazioni avverse di AstraZeneca e Johnson&Johnson ai dubbi sulla seconda dose, le risposte del direttore scientifico dello Spallanzani e membro del Cts Giuseppe Ippolito
di Peter D'Angelo
Covid, MSF: «Vaccinare persone ad alto rischio nei Paesi in via di sviluppo prima di quelle a basso rischio nei Paesi ricchi»
La presidente di Medici Senza Frontiere Claudia Lodesani: «Il 75% dei vaccini somministrato in 10 Paesi del mondo. Ci sono Stati che non hanno ricevuto ancora una singola dose. I brevetti vanno sospesi per tutta la durata della pandemia»
di Federica Bosco
La saga di AstraZeneca: come una comunicazione sbagliata può ostacolare un ottimo vaccino
Il vaccino Vaxzevria, meglio noto come AstraZeneca, presenta un ottimo profilo di efficacia e sicurezza nonostante una percezione negativa che gran parte del pubblico ha sviluppato, principalmente causata da errori di comunicazione e di comportamento da parte del produttore
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Vaccini Covid, Italia senza dosi. Rostan (Misto): «Priorità ai fragili poi categorie economiche»
«L’ipotesi delle isole Covid free è un buon punto di partenza, a patto che si allarghi immediatamente a tutti gli altri siti turistici di pregio del nostro Paese», spiega la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...