Salute 1 Giugno 2021 16:16

Vaccini in farmacia nel Lazio, al via le somministrazioni

Parte la campagna vaccinale delle farmacie del Lazio alla presenza del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e dell’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato

Alla presenza del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e dell’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato prende il via oggi la campagna vaccinale in oltre 600 farmacie della Regione Lazio. Già sold out le prenotazioni per le prime due settimane. A disposizione di ogni farmacia 25 dosi a settimana fino al 27 giugno.

Cicconetti: «Giorno fondamentale per la lotta alla pandemia»

«Quello fatto negli ultimi 20 giorni dall’organizzazione messa in piedi dalle farmacie di Roma e del Lazio e dalla struttura regionale è stato uno sforzo enorme. In poco tempo sono state messe in rete tutte le farmacie attualmente autorizzate a somministrare i vaccini (e alle quali se ne aggiungeranno di giorno in giorno tantissime altre), sono state distribuite le dosi e siamo andati a regime nei tempi prestabiliti. Si tratta di un punto importantissimo nella lotta alla pandemia perché i cittadini potranno tranquillamente recarsi nella farmacia sotto casa per ricevere la somministrazione del vaccino anti-Covid Johnson&Johnson». Così Andrea Cicconetti, Presidente di Federfarma Roma, che continua: «Per prenotarsi sarà sufficiente andare sul portale Salute Lazio e seguire le indicazioni. Il grande riscontro da parte della cittadinanza fin qui registrato testimonia di come, ancora una volta, venga data una grandissima fiducia ad un professionista sanitario ben radicato nel territorio come il farmacista. Ringraziamo la struttura regionale che ci ha permesso di avviare l’intera macchina – conclude Cicconetti – e LazioCrea per l’infrastruttura informatica, necessaria per la gestione di un progetto così importante e ambizioso.

Leopardi: «Il Lazio è la prima grande Regione a partire con le vaccinazioni in farmacia»

«Quella di oggi è una giornata epocale per le farmacie italiane e, soprattutto, per quelle del Lazio. Grazie all’amministrazione regionale siamo la prima grande Regione a partire con le vaccinazioni anti-Covid direttamente in farmacia». Così Eugenio Leopardi, Presidente di Federfarma Lazio, che aggiunge: «Grazie a questa novità, la campagna vaccinale avrà un grande impulso. Ne abbiamo avuto una testimonianza con l’avvio delle prenotazioni, andate esaurite nel giro di pochissimo tempo. I cittadini aspettano con ansia di poter effettuare la vaccinazione in farmacia per motivi di prossimità e di fiducia verso la figura del farmacista: un professionista che sta dimostrando sempre di più di essere vicino alla popolazione e ben inserito nel territorio».

D’Amato: «Tra maggio e giugno arrivate 40mila dosi di J&J in meno»

Le farmacie, insieme ai medici, saranno le «colonne portanti del prossimo autunno. Sappiamo già che questa è una campagna vaccinale che durerà anche nei prossimi anni e dobbiamo avere una rete di prossimità molto radicata e molto forte». Con queste parole l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha commentato l’avvio della campagna vaccinale nelle farmacie: «Con il vaccino Johnson&Johnson – ha però spiegato – al momento abbiamo delle difficoltà di approvvigionamento e questo ci preoccupa un po’ perché è proprio il prodotto destinato alle farmacie. Speriamo comunque arrivino buone notizie dalla struttura commissariale». Secondo D’Amato, infatti, da maggio a giugno sono arrivate 40mila dosi in meno.

Zingaretti: «Le farmacie porteranno ad una rete di distribuzione sui territori molto importante»

«Siamo qui per dire grazie anche alla rete delle farmacie della nostra Regione, che già sono state e sono protagoniste della lotta al Covid con la campagna relativa ai tamponi ma che da oggi prenderanno parte anche alla campagna vaccinale». Così Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, che aggiunge: «Al momento abbiamo a disposizione oltre 20mila dosi ma ci auguriamo che un aumento del flusso dei vaccini possa favorire anche le farmacie. Le 800 farmacie attive porteranno ad una rete di distribuzione sui territori molto importante».

Come prenotarsi

L’accesso alla vaccinazione in farmacia avviene solo attraverso il sistema di prenotazione on-line della Regione Lazio. Ciò significa che non è possibile prenotare direttamente nelle farmacie. Le persone assistite dal Servizio sanitario regionale del Lazio che vogliono prenotare il vaccino devono: avere a disposizione la propria tessera sanitaria (in corso di validità) per comunicare il codice fiscale e le ultime 13 cifre del codice numerico TEAM posto sul retro della tessera; scegliere nell’elenco la farmacia dove intendono ricevere il vaccino; selezionare il giorno; lasciare il proprio numero di telefono: la Farmacia scelta chiamerà per fissare l’orario dell’appuntamento. Una volta effettuata l’inoculazione del vaccino sarà rilasciato un attestato di avvenuta vaccinazione, fondamentale per accedere al Green Pass.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...