Salute 1 Giugno 2021 16:16

Vaccini in farmacia nel Lazio, al via le somministrazioni

Parte la campagna vaccinale delle farmacie del Lazio alla presenza del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e dell’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato

Alla presenza del Presidente della Regione Nicola Zingaretti e dell’Assessore alla Sanità Alessio D’Amato prende il via oggi la campagna vaccinale in oltre 600 farmacie della Regione Lazio. Già sold out le prenotazioni per le prime due settimane. A disposizione di ogni farmacia 25 dosi a settimana fino al 27 giugno.

Cicconetti: «Giorno fondamentale per la lotta alla pandemia»

«Quello fatto negli ultimi 20 giorni dall’organizzazione messa in piedi dalle farmacie di Roma e del Lazio e dalla struttura regionale è stato uno sforzo enorme. In poco tempo sono state messe in rete tutte le farmacie attualmente autorizzate a somministrare i vaccini (e alle quali se ne aggiungeranno di giorno in giorno tantissime altre), sono state distribuite le dosi e siamo andati a regime nei tempi prestabiliti. Si tratta di un punto importantissimo nella lotta alla pandemia perché i cittadini potranno tranquillamente recarsi nella farmacia sotto casa per ricevere la somministrazione del vaccino anti-Covid Johnson&Johnson». Così Andrea Cicconetti, Presidente di Federfarma Roma, che continua: «Per prenotarsi sarà sufficiente andare sul portale Salute Lazio e seguire le indicazioni. Il grande riscontro da parte della cittadinanza fin qui registrato testimonia di come, ancora una volta, venga data una grandissima fiducia ad un professionista sanitario ben radicato nel territorio come il farmacista. Ringraziamo la struttura regionale che ci ha permesso di avviare l’intera macchina – conclude Cicconetti – e LazioCrea per l’infrastruttura informatica, necessaria per la gestione di un progetto così importante e ambizioso.

Leopardi: «Il Lazio è la prima grande Regione a partire con le vaccinazioni in farmacia»

«Quella di oggi è una giornata epocale per le farmacie italiane e, soprattutto, per quelle del Lazio. Grazie all’amministrazione regionale siamo la prima grande Regione a partire con le vaccinazioni anti-Covid direttamente in farmacia». Così Eugenio Leopardi, Presidente di Federfarma Lazio, che aggiunge: «Grazie a questa novità, la campagna vaccinale avrà un grande impulso. Ne abbiamo avuto una testimonianza con l’avvio delle prenotazioni, andate esaurite nel giro di pochissimo tempo. I cittadini aspettano con ansia di poter effettuare la vaccinazione in farmacia per motivi di prossimità e di fiducia verso la figura del farmacista: un professionista che sta dimostrando sempre di più di essere vicino alla popolazione e ben inserito nel territorio».

D’Amato: «Tra maggio e giugno arrivate 40mila dosi di J&J in meno»

Le farmacie, insieme ai medici, saranno le «colonne portanti del prossimo autunno. Sappiamo già che questa è una campagna vaccinale che durerà anche nei prossimi anni e dobbiamo avere una rete di prossimità molto radicata e molto forte». Con queste parole l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha commentato l’avvio della campagna vaccinale nelle farmacie: «Con il vaccino Johnson&Johnson – ha però spiegato – al momento abbiamo delle difficoltà di approvvigionamento e questo ci preoccupa un po’ perché è proprio il prodotto destinato alle farmacie. Speriamo comunque arrivino buone notizie dalla struttura commissariale». Secondo D’Amato, infatti, da maggio a giugno sono arrivate 40mila dosi in meno.

Zingaretti: «Le farmacie porteranno ad una rete di distribuzione sui territori molto importante»

«Siamo qui per dire grazie anche alla rete delle farmacie della nostra Regione, che già sono state e sono protagoniste della lotta al Covid con la campagna relativa ai tamponi ma che da oggi prenderanno parte anche alla campagna vaccinale». Così Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, che aggiunge: «Al momento abbiamo a disposizione oltre 20mila dosi ma ci auguriamo che un aumento del flusso dei vaccini possa favorire anche le farmacie. Le 800 farmacie attive porteranno ad una rete di distribuzione sui territori molto importante».

Come prenotarsi

L’accesso alla vaccinazione in farmacia avviene solo attraverso il sistema di prenotazione on-line della Regione Lazio. Ciò significa che non è possibile prenotare direttamente nelle farmacie. Le persone assistite dal Servizio sanitario regionale del Lazio che vogliono prenotare il vaccino devono: avere a disposizione la propria tessera sanitaria (in corso di validità) per comunicare il codice fiscale e le ultime 13 cifre del codice numerico TEAM posto sul retro della tessera; scegliere nell’elenco la farmacia dove intendono ricevere il vaccino; selezionare il giorno; lasciare il proprio numero di telefono: la Farmacia scelta chiamerà per fissare l’orario dell’appuntamento. Una volta effettuata l’inoculazione del vaccino sarà rilasciato un attestato di avvenuta vaccinazione, fondamentale per accedere al Green Pass.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Green pass, Cossolo (Federfarma): «Situazione tamponi sotto controllo»
L'intervento del Presidente di Federfarma a Radio Cusano Campus
Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»
Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»
Effetto Green pass, GIMBE: «Oltre 2,1 milioni di test rapidi e 407mila nuovi vaccinati»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe rileva tutti i numeri in calo, tranne i decessi che rimangono stabili. Risalgono le somministrazioni, terze dosi a rilento. Gimbe propone di incrementare vaccinazioni over 12 e introdurre obbligo terza dose per operatori sanitari
Il 96% dei deceduti per Covid-19 non era vaccinato. Onder (ISS): «Ampia copertura per proteggere gli “iperfragili”»
Pubblicato il report ISS sui decessi per Covid-19 degli ultimi 8 mesi. I morti non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose e sono comunque deceduti a causa del virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...