Salute 9 Febbraio 2022 12:11

Vaccini anti Covid, ministero: «Certificazioni di esenzione solo in forma digitale»

Il nuovo Dpcm del 4 febbraio 2022 prevede che le certificazioni di esenzione dalla vaccinazione anti Covid-19 siano emesse esclusivamente in formato digitale. Chi ha cartaceo deve richiedere un nuovo Qr code

Vaccini anti Covid, ministero: «Certificazioni di esenzione solo in forma digitale»

Dal 7 febbraio 2022 e ai sensi del DPCM del 4 febbraio 2022 cambiano le modalità di acquisizione delle certificazioni di esenzione dalla vaccinazione anti-Covid. Si potranno richiedere solamente in formato digitale – come già succede per il Green Pass – e avranno validità sul solo territorio nazionale. A spiegarlo, è il Ministero della Salute in una nota.

Certificazioni esenzione vaccini Covid, chi ne ha diritto?

Possono richiedere l’esenzione le persone con specifiche condizioni cliniche documentate per cui non possono essere vaccinate o per cui la vaccinazione debba essere differita. La validità delle certificazioni di esenzione dipende dalla situazione clinica che ha portato al rilascio ed è indicata nella certificazione stessa. In caso di positività al Sars-CoV-2 anche le certificazioni di esenzione, come il Green Pass, sono revocate e poi riattivate automaticamente con la guarigione.

Cosa deve fare chi ha il certificato di esenzione cartaceo?

Chi possiede un certificato di esenzione cartaceo deve richiedere la nuova certificazione con il Qr code analogo a quello delle Certificazioni verdi. Sia le certificazioni cartacee che quelle digitali possono essere utilizzate fino al 27 febbraio. Dal giorno seguente, sarà necessario mostrare il certificato in formato elettronico per accedere a luoghi e servizi dove è richiesta la Certificazione verde Covid.

Il codice Cuev e la App verificaC19

Il Ministero precisa che l’attestazione di esenzione con il codice Cuev (Codice univoco di esenzione dalla vaccinazione), che genera la certificazione di esenzione con il Qr code, è rilasciata gratuitamente e su richiesta dell’assistito. Le figure preposte sono: MMG o pediatri di libera scelta e medici vaccinatori delle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate. Ma anche medici Usmaf o medici Sasn operativi nella campagna di vaccinazione anti Covid.

Alla certificazione è associato un Cuev che permette di scaricare la certificazione di esenzione digitale con il Qr code. Ai recapiti forniti dal richiedente verrà inviato, via Sms o e-mail, anche un codice Authcode, che può essere utilizzato in alternativa al codice Cuev per scaricare la certificazione attraverso gli stessi canali attualmente utilizzati per ottenere il Green Pass. La App verificaC19 è già predisposta al loro riconoscimento in piena sicurezza. «In questo modo – evidenzia il Ministero – si preserva il diritto alla privacy dei cittadini esenti e si rendono più rapide le operazioni di verifica».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Covid, quale futuro? Centemeri (farmacologo): «Ecco i tre scenari possibili, dal migliore al peggiore»
Il professore invita a prestare massima attenzione alle sottovarianti di Omicron e annuncia: «Abbiamo costituito gruppi di esperti e tavoli virtuali mirati a dare risposte concrete e piani di azione per i possibili scenari futuri. Tutto sarà a disposizione del Governo e del ministro per il miglior uso possibile. Ottobre arriva e dobbiamo essere preparati»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...