Covid-19, che fare se...? 22 Giugno 2021 13:47

Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa

In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde Covid-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Pa

Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa

La Certificazione verde Covid-19 nasce su proposta della Commissione europea per agevolare la circolazione in sicurezza dei cittadini Ue durante la pandemia da Covid-19. Si tratta di un documento digitale e stampabile che contiene un QR Code e un sigillo elettronico qualificato. La Certificazione attesta che il soggetto:

  • si è vaccinato contro il Covid-19
  • ha eseguito un test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore ed è risultato negativo
  • è guarito dal Covid-19 negli ultimi sei mesi

La Certificazione può essere richiesta per partecipare ad eventi pubblici, per accedere a residenze sanitarie assistenziali (o altre strutture) e per spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”. Inoltre, dal primo luglio la Certificazione verde sarà valida come Eu digital Covid certificate e renderà più facile viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Ue e dell’area Schengen. Ma come si acquisisce la Certificazione verde Covid-19? In quattro modi diversi. Vediamo quali.

Certificazione verde con identità digitale

Per richiedere la Certificazione tramite questo sito è necessario autenticarsi con le credenziali SPID o CIE. Lo SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero il sistema di accesso che consente di utilizzare, con un’identità digitale unica, i servizi online della Pubblica Amministrazione e dei privati accreditati. Il CIE è la Carta di Identità Elettronica (CIE), il documento personale che attesta l’identità del cittadino. Dotata di microprocessore, oltre a comprovare l’identità personale, permette l’accesso ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione.

Con Tessera Sanitaria o documento di identità

È comunque possibile ottenere la Certificazione verde Covid–19 senza utilizzare SPID o CIE. Se in possesso di Tessera Sanitaria è necessario andare su questo sito e inserire:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, è possibile inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti comunicati in sede di prestazione sanitaria.

Se invece una persona non è in possesso di Tessera Sanitaria, in quanto non iscritto al SSN, può inserire:

  • il tipo e numero di documento fornito in sede di esecuzione del tampone o di emissione del certificato di guarigione
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, è possibile inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

Certificazione verde tramite FSE (Fascicolo Sanitario Elettronico)

È possibile acquisire la Certificazione accedendo al proprio Fascicolo Sanitario Elettronico attraverso le modalità previste nella Regione di assistenza.

Il FSE è lo strumento attraverso il quale il cittadino può tracciare e consultare tutta la storia della propria vita sanitaria, condividendola con i professionisti sanitari per garantire un servizio più efficace ed efficiente. Tutte le informazioni e i documenti che costituiscono il FSE sono resi interoperabili per consentire la sua consultazione e il suo popolamento in tutto il territorio nazionale e non solo nella regione di residenza dell’assistito.

Accedendo a questa pagina è possibile scegliere la propria Regione di assistenza e seguire le indicazioni.

La Certificazione verde Covid-19 è messa a disposizione in formato scaricabile e stampabile (PDF).

Tramite App: Immuni

È possibile ottenere la Certificazione verde Covid-19 anche tramite l’App Immuni. Nella schermata iniziale dell’applicazione è visibile la sezione “Eu digital Covid certificate”. È necessario accedervi e inserire:

  • le ultime 8 cifre del numero identificativo della tessera sanitaria,
  • la data di scadenza della stessa,
  • uno dei codici univoci ricevuti con:
    • il tampone molecolare (CUN)
    • il tampone antigenico rapido (NRFE)
    • il certificato di guarigione (NUCG).

In alternativa a questi codici, puoi inserire il codice autorizzativo (AUTHCODE) ricevuto via e-mail o SMS ai recapiti che hai comunicato in sede di prestazione sanitaria.

La Certificazione verde Covid–19 viene mostrata a video e il QR code salvato nel dispositivo mobile in modo che possa essere visualizzato e mostrato anche in modalità offline.

Tramite App: IO

In questo elenco non poteva mancare l’App della Pubblica Amministrazione. Anche con l’App IO, infatti, è possibile ottenere la Certificazione verde. Con questa applicazione, infatti, si riceve un messaggio ogni volta che la Piattaforma nazionale rilascerà un certificato intestato al soggetto. Una volta aperto il messaggio, IO mostrerà il QR Code e i dati del certificato. Per poterlo mostrare facilmente anche in assenza di connessione internet sarà sufficiente salvare il certificato nella memoria del proprio device. Grazie a IO, dunque, non bisogna chiedere né la Certificazione né inserire codici o altre informazioni. Basta aver fatto accesso almeno una volta all’App con CIE o SPID.

Il Certificato verde Covid-19 viene inviato tramite IO non appena la Piattaforma Nazionale DGC di cui è titolare il Ministero della Salute lo genera. I tempi di generazione del certificato dipendono da diversi fattori, compresa la velocità con cui le varie strutture sanitarie inviano i dati alla Piattaforma Nazionale. Dalla partenza dell’iniziativa potrebbe essere necessario qualche giorno per ricevere tutti i certificati.

Con l’aiuto di Farmacie, MMG e Pediatri di libera scelta

Il medico e il farmacista, accedendo con le proprie credenziali al Sistema Tessera Sanitaria, potranno recuperare la Certificazione verde Covid-19 di un qualsiasi paziente. Serviranno solo il codice fiscale e i dati della Tessera Sanitaria che il soggetto richiedente deve mostrare loro. La Certificazione verde Covid-19 sarà consegnata in formato cartaceo o digitale.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...